Home > Lavoro e Formazione > Donne nei CDA: verso lo smart boards secondo Stefania Truzzoli

Donne nei CDA: verso lo smart boards secondo Stefania Truzzoli

articolo pubblicato da: articolnews | segnala un abuso

Stefania Truzzoli all'interno del proprio blog analizza e approfondisce gli studi sull'importante crescita della presenza di donne all'interno dei boards

Stefania Truzzoli

Anche secondo Stefania Truzzoli la diversità e l'inclusione di genere aggiungono valore alle aziende. A confermarlo anche due studi inediti realizzati dall'Osservatorio AUB sulle imprese familiari e dal Politecnico di Milano per Valore D - l'associazione di imprese che promuove la diversità, il talento e la leadership femminile nelle società. Secondo i risultati pubblicati, le performance aziendali e la gestione dei rischi sono migliori all'interno di realtà che vantano almeno una donna all'interno del Consiglio di amministrazione. Nello specifico nelle società con fatturato compreso tra 20 e 50 milioni di euro, la presenza si traduce in un margine di profittabilità superiore di circa mezzo punto rispetto a realtà con CdA è composto unicamente da uomini. L'impatto è ancora più evidente all'interno di società con un fatturato superiore a 50 milioni di euro.

La presenza delle donne nei boards è salita dal 7 al 30%.

L'altra buona notizia evidenziata da Stefania Truzzoli è che, a distanza di 5 anni dalla legge Golfo-Mosca, (quella che ha introdotto le quote di genere nella composizione dei consigli di amministrazione delle società quotate e partecipate pubbliche) la presenza delle donne nei boards è salita dal 7 al 30%.
Per Stefania Truzzoli questo risultato rappresenta un grande passo avanti, anche se a ben vedere resta tanto da fare. Il divario più evidente riguarda la remunerazione: le donne nei ruoli esecutivi nei CdA guadagnano meno della metà dei colleghi uomini con stesso incarico (in media 500 mila euro, contro 1,3 milioni), nonostante posseggano titoli di studio e un'esperienza in linea con quella dei colleghi. Anche il tipo di incarico è sbilanciato: l'analisi conferma Truzzoli nel suo blog rivela che l'aumento della presenza femminile all'interno dei CdA si concentra soprattutto nelle posizioni di indipendenti, inferiore è invece la presenza fra gli executive.
Per Stefania Truzzoli quindi sale la quota di partecipazione femminile, ma la strada verso una reale parità è ancora molto lenta.

Stefania Truzzoli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Stefania Truzzoli e il boom inarrestabile dei sistemi cloud


Stefania Truzzoli: opportunità e ritardi dell’export digitale dei beni di consumo


Energo Logistic: Smart Road, Francesco Pavolucci pronti ad affrontare la sfida


Inside Factory presenta lo Smart Working Day 2017


Smart Working: formare i lavoratori per tutelarne salute e sicurezza


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Stefania Truzzoli: verso una nuova agricoltura

Stefania Truzzoli nel proprio blog personale analizza come la tecnologia abbia raggiunto anche il settore più antico del mondo, generando così una vera e propria agricoltura 4.0. La crescita tecnologia all'interno del settore agricolo secondo l'opinione di Stefania Truzzoli Oggi non si parla solo più di smart cities, l'internet of things è entrato nelle campagne e u (continua)

Stefania Truzzoli: opportunità e ritardi dell’export digitale dei beni di consumo

Stefania Truzzoli nel proprio blog personale analizza le opportunità e i ritardi che caratterizzando l'export digitale dei beni di consumo made in italy La crescista dell'export digitale beni di consumo made in italy analizzate da Stefania Truzzoli Sulla base dei dati provenienti dalla ricerca dell'Osservatorio Export della School of Management del Politecnico di Milano, presentati il 1 (continua)

Stefania Truzzoli e il boom inarrestabile dei sistemi cloud

Cloud: per Stefania Truzzoli fenomeno tra i più dirompenti che il mercato tecnologico abbia mai conosciuto Un successo che, secondo Stefania Truzzoli, si spiega con facilità: la nuvola ha ridotto i costi dell'IT e i problemi legati al lato fisico della tecnologia, portando con sé diversi benefici. Passando dall'hardware al software, il fabbisogno di risorse si può modi (continua)