Home > Cibo e Alimentazione > Uno chef, appartenente al network della Camera di Commercio Italiana in Giappone, ha portato l’agroalimentare italiano nel paese nipponico

Uno chef, appartenente al network della Camera di Commercio Italiana in Giappone, ha portato l’agroalimentare italiano nel paese nipponico

articolo pubblicato da: Redoffice3 | segnala un abuso

Uno chef, appartenente al network della Camera di Commercio Italiana in Giappone, ha portato l’agroalimentare italiano nel paese nipponico

Intervista a Elio E. Orsara, appartenente al network della Camera di Commercio Italiana in Giappone. Lo chef italiano è proprietario di un ristorante, di un forno e di una società di catering; esporta inoltre in Giappone vino e olio italiani e qui ha avviato una produzione di salami, formaggi e prodotti tipici calabresi, insieme ad un’attività di e-commerce. E’ un’altra emblematica storia del progetto di comunicazione digitale “Fare impresa all’estero si può” di Assocamerestero. Parole chiave: poliedricità, Made in Italy di alta qualità, capacità di relazione, testardaggine ed entusiasmo

Siamo arrivati alla sesta puntata del progetto di comunicazione digitale di Assocamerestero “Fare impresa all’estero si può” (che in questo caso si è avvalsa della collaborazione della Camera di Commercio Italiana in Giappone – ICCJ), un racconto colmo di verità, passione ma anche di quelle problematiche che l’imprenditoria italiana deve, ogni giorno, affrontare nella sua trasferta nel mondo. Il calabrese Elio Ermanno Orsara ci racconta la sua esperienza nel settore della ristorazione in Giappone e di come ha creato la Kioi Corporation K.K, che è proprietaria del ristorante “Elio Locanda Italiana” e “Elio Catering Service” ma non solo… “Tutta la mia attività è cominciata durante il periodo della bolla, nei primi anni ’90, quando molti grandi chef italiani sono stati chiamati in Giappone; è proprio in quel momento che la qualità della cucina italiana nel Paese nipponico ha iniziato a crescere… Il cliente giapponese si è infatti sempre distinto nel volere mangiare bene, preferendo una cucina di alta gamma e Tokyo è oggi, senza dubbio, la capitale nel settore della ristorazione di alta qualità. Dopo il diploma di scuola alberghiera e alcune esperienze come chef in Inghilterra, Spagna e Stati Uniti, sono rientrato in Italia, dove ho lavorato presso il Golf Club Monticelli (Como). Lì ho accettato l’offerta di una trasferta giapponese per conto del colosso nipponico Daiei. Dal 1991 al ’93 sono stato responsabile dell’apertura e gestione di cinque ristoranti italiani legati al grande gruppo industriale, a cui hanno fatto seguito l`apertura per il gruppo Takano del ristorante Bellavista a Shinjuku e, nel 1994, la collaborazione con Reinhardt Reitmeier per il lancio del marchio Illycaffè sul mercato nipponico.

La prima impressione che ho avuto della ristorazione italiana in Giappone quando sono arrivato è che la cucina del Belpaese fosse principalmente costituita da ‘family restaurant’ e non da ‘fine dining’ perché era stata importata nel Paese del Sol Levante, dopo la seconda Guerra mondiale, dagli Italo-americani. A questo volevo rimediare e, finalmente, nel 1996, ho aperto il mio ristorante ‘Elio Locanda Italiana’ a Kojimachi (Tokyo). Da quel momento, ho iniziato numerose collaborazioni su diversi progetti… Nel campo dell’industria alimentare ho sviluppato nel 2008, in collaborazione con l’azienda Natori, una nuova linea di prodotti alimentari per la grande distribuzione ispirata alle tradizioni nostrane, ‘Il buon salame del sud Italia’. Come consulente, ho seguito, tra l’altro, l`apertura dell’Armani Caffè a Hong Kong, la progettazione e gestione del ristorante del padiglione italiano dell’Expo 2005 ad Aichi e l’apertura del pop-up store Lamborghini Christmas Cafè a Omotesando”.

Orsara passa poi ad elencare le altre attività che ha creato e portato avanti da 15 anni a questa parte: “nel 2009 ho iniziato la mia attività di import di prodotti alimentari calabresi, culminata con la creazione di un’azienda ‘sorella’ e l`apertura nel 2010 del sito di ecommerce di prodotti genuini italiani VERA@ITALIA. Nel 2011, pochi mesi dopo il grande terremoto del Tohoku, ho inaugurato quella che può essere considerata una seconda sede: ‘Elio Antica Forneria’, un ristorante più casual rispetto alla ‘Locanda’, caffe`, enoteca e panetteria artigianale. Quattro anni fa, finalmente, ho potuto realizzare uno dei miei sogni: ho aperto il primo caseificio in Giappone per la produzione di formaggi tipicamente calabresi utilizzando il miglior latte biologico locale, la ‘Fattoria Bio Hokkaido’. Per realizzare questo sogno ho dovuto superare ostacoli immensi, basti pensare che mai prima di allora in Giappone era stata concessa ad uno straniero la licenza per lavorare il latte fresco. Per installare inoltre i macchinari (tutti rigorosamente italiani) sono dovuti venire in Giappone ingegneri dall'Italia e questo non è stato ben tollerato dal sistema tradizionale della distribuzione nipponica, che ha cercato di bloccare e boicottare la mia attività. Alla fine sono però riuscito a creare una piccola colonia di casari calabresi che, nelle campagne di Sapporo, producono formaggi della regione italiana con latte biologico locale. Infine ho deciso di iniziare la produzione di salami, sempre utilizzando la tecnica, i macchinari e il know how italiano, ma i maiali giapponesi. Per quanto riguarda la commercializzazione,  produco vino e olio in Italia che vengono importati in Giappone mentre, dal lato della produzione giapponese, i prodotti ‘Fattoria Bio Hokkaido e ‘made in Hokkaido by Italians’ sono ben avviati e si trovano in molti supermercati high-level, mentre per quanto riguarda i salumi di ‘Antica Salumeria’ dobbiamo ancora darci molto da fare e lavorare sodo”.

Questo ‘portatore’ della tradizione agroalimentare italiana in Giappone fa poi qualche considerazione sulle difficoltà di fare impresa nel paese nipponico: “il Giappone è un paese difficile. Proprio quando, anche dopo tanti anni, si crede di averlo capito, ci si rende conto che non si è compreso nulla! Bisogna infatti essere sempre cauti e ricordarsi che è caratterizzato dall’essere un’isola; senza la piena fiducia della gente non si conclude nulla perché, a volte, quest’ultima vale quasi più della bontà del prodotto. Dopo che, però, con tanta fatica, si riesce ad ottenere questa fiducia, il Paese del Sol Levante offre opportunità illimitate. Nel settore della ristorazione c’è molta concorrenza dalla Francia per quanto riguarda la cucina e i vini, dal Cile per le particolari agevolazioni commerciali di cui gode in Giappone, ma i principali competitor rimangono Australia e Cina”.

“Tra i miei progetti per il futuro, vorrei creare un ponte tra Calabria e Giappone per esportare tutti i fantastici prodotti di questa regione ma anche far crescere il turismo giapponese in Calabria” continua Elio Ermanno Orsara dimostrando un’apertura mentale ed una poliedricità fuori dal comune. “In particolare mi piacerebbe aprire un negozio di alimentari a Tokyo, un agriturismo e produrre verdure Bio” e conclude affrontando il lato più emozionale del fare impresa all’estero: “l’aspetto psicologico più importante è la sicurezza di rappresentare il miglior prodotto e di offrire qualcosa di speciale, che gli altri non possiedono. E’ inoltre sempre fondamentale comprendere bene la cultura del Paese che ci ospita e possedere entusiasmo, testardaggine e mente aperta”.

Martina Saldi, Sales & Communication Manager della Camera di Commercio Italiana in Giappone – ICCJ, spiega come siano “molti anni che la ICCJ supporta le realtà imprenditoriali in Giappone ed Elio Ermanno Orsara, ad oggi uno dei più grandi esponenti della cucina calabra nel paese nipponico, fa parte del nostro network. La sua azienda ci richiede servizi come l'organizzazione di seminari di cucina per il network giapponese e la degustazione di prodotti tipici e artigianali. La promozione della cultura e della cucina italiana sono infatti tra le attività più importanti della Camera e per questo motivo, ogni anno, organizziamo concorsi ed eventi sull’argomento. L’aspetto fondamentale e più positivo nell’azione da noi svolta in supporto al cliente è la fidelizzazione del network che riconosce in noi e nei ristoratori italiani in Giappone una 'seconda casa'”.

 

“Fare impresa all’estero si può” è un progetto di comunicazione digitale di Assocamerestero in collaborazione con la ICCJ.

 

Contatti:

http://www.elio.co.jp/en - http://eliofishing.blogspot.jp - http://www.iccj.or.jp

fare impresa a estero si può | fare impresa a estero si può assocamerestero | elio ermanno orsara ristorazione giappone | elio ermanno orsara iccj | camera commercio italiana giappone | martina saldi iccj |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La prima edizione del calendario “Un anno da Chef ”, nata da un’idea di Gianni Cesariello e Allegra Ammirati


Indiscusso successo per l'evento ospitato da IEG


Premio MISS CHEF® EXPO UNIVERSALE 2019


Daiichi Sankyo: contemplazione dei ciliegi in fiore nel Parco EUR a Roma


Gruppo di chef stellati a Villa di Bacco il 23 novembre, cena stellata e raffinata con una brigata di fuoco


Il progetto “European Sweet Itineraries”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La desiderabilità del segno

La desiderabilità del segno
La desiderabilità del segno Un incontro tra arte, design e trasformazione urbana, a cento anni dall’esperienza Bauhaus con al centro la desiderabilità, motore che fa girare l'esistenza “La desiderabilità del segno”. Un incontro a tre voci, Paolo Rossetti, Matteo Pettinaroli, Simonetta Ferrante in cui è possibile immergersi in una ramificazione di segni, una texture di relazioni, una trama di ge (continua)

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0

“Robots & Rinascimento”, l’intelligenza artificiale si connette con il patrimonio creativo italiano e la visione 4.0
Il meeting svoltosi il 30 gennaio 2018 ha visto protagonista il robot NAO della Scuola di Robotica che ha interagito con gli ospiti. L’incontro, presentato da “LA LOGICA DEL FLUIRE. CHE MERCATO SAREMO” e “COPERNICO”, ha incluso gli interventi di Fiorella Operto, Fabrizio Bellavista e Stefano Lazzari e un saluto di benvenuto di Federico Lessio mentre Luisa Cozzi ha (continua)

“Water Brands” e “Super Brands”: il 21 ottobre 2017 a Milano due grandi eventi al Festival della Crescita

“Water Brands” e “Super Brands”: il 21 ottobre 2017 a Milano due grandi eventi al Festival della Crescita
Al Palazzo delle Stelline di Milano (il primo alla Cult Library, il secondo alla Visions Hall), sabato 21 ottobre alle ore 17 e alle 18.30 si svolgeranno due eventi, all’interno del Festival della Crescita: il primo tratterà di “Water Brand” e del libro “La logica del fluire. Che mercato saremo”, il secondo di “Super Brands” e del volume "S (continua)

Milano Food City 2017. Gifasp premia la prevenzione dello spreco alimentare

Milano Food City 2017. Gifasp premia la prevenzione dello spreco alimentare
Durante l’evento Milano Food City #famedivero, il 9 maggio 2017 presso lo Spazio BASE, nell’epicentro del ‘fuorisalone’ della Food Week, Francesca Meana, designer e membro del comitato esecutivo di Gifasp, ha consegnato un doppio riconoscimento ai migliori lavori presentati per il progetto-laboratorio “140 caratteri o un'immagine” a due classi della Scuola p (continua)

#famedivero: un evento alla scoperta di cultura, socialità e cibo genuino all’interno di Milano Food City 2017

#famedivero: un evento alla scoperta di cultura, socialità e cibo genuino all’interno di Milano Food City 2017
Il food blog Famelici, in collaborazione con la Social Street  “Abitanti intorno al parco Solari”, organizza martedì 9 maggio alle 18.30 presso Spazio Base a Milano, in via Bergognone 34, Zona Tortona, un evento-percorso alla scoperta  del reale significato del termine “genuino” nell’alimentazione e nelle relazioni La Milano Food City 2017 ( (continua)