Home > Primo Piano > Massimo Tagliaferri: la mia prima gara fu un Trail di 135 km

Massimo Tagliaferri: la mia prima gara fu un Trail di 135 km

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Massimo Tagliaferri: la mia prima gara fu un Trail di 135 km


Matteo SIMONE Non si finisce mai di sorprendersi per quello che è possibile fare, per quello che fanno gli altri, per i paradossi che esistono nella vita considerata ordinaria. A volte si prova a buttarsi nella mischia, a saltare la propedeucità degli eventi e ci si accorge che si può stravolgere il sensato, l’ordiario, le cose scontate, Massimo ci racconta come è passato da uno sport semi-professionistico come la canoa ad un altro più gioioso ma faticoso come la corsa di lunghe distanze. Cosa significa per te essere ultramaratoneta? “Signifca correre distanze un po’ fuori da quelle convenzionali, senza preoccuparsi troppo.” Qual è stato il tuo percorso per diventare un ultramaratoneta? “Vengo dal canottaggio semi-professionistico. Dovendo smettere per motivi di lavoro, inizio a correre per mantenere la forma. Non so ancora il perché ma la mia prima gara fu un Trail di 135 km (a quei tempi in Italia non esistevano quindi dovetti andare in Francia dove ne esistevano 3 o 4) iscritto con una preparazione sommaria, solo con l’idea di andare all’avventura. Fu invece l’inizio.” Quando c’è la passione puoi fare tutto e vuoi andare ovunque, ti senti invincibile ed infermabile. Cosa ti motiva ad essere ultramaratoneta? “Ho la fortuna di avere un fisico che mi permette di venir fuori sulla distanza. Soffro i primi 40 km, poi inizio a stare bene (di solito) ed entro nella mia dimensione.” Anche Massimo ha scoperto un mondo paralelo, fatto a sua dimensione, una sorta di rifugio dal niormale per immergersi nella straordinarietà della corsa di lunga distanza. Hai mai rischiato per infortuni o altri problemi di smettere di essere ultramaratoneta? “Si, più volte. Un tendine di Achille operato, una frattura al perone, una alla tibia, varie fasciti, pubalgie ecc… ma alla fine sono sempre riuscito a recuperare.” Sembra alquanto resiliente Massimo, tanti fermi ma sempre rialzato e sempre pronto a ripartire per le imprese più dure. Cosa ti spinge a continuare ad essere ultramaratoneta? “Onestamente? Il fatto che dopo tanti anni (più di 15…) riesco ancora a vincere o ottenere buoni risultati.” Il vantaggio per Massimo è duplice non solo ha la passione, si diverte, trova la sua dimensione ma riesce talmente bene che i riusltati lo portano alla vittoria e quindi tutto diventa oltre che più semplice anche più allettante, duplice motivazione intrinseca per il divertimento e la passione e la sfida in se e estrinseca per i riconoscimenti ricevuti. Hai sperimentato l’esperienza del limite nelle tue gare? “Molte volte, fortunatamente però la testa è intervenuta sempre in tempo, facendomi desistere. E ne sono ben contento.” Massimo riesce a far funzionare non solo le gambe ma anche la testa ed in questo modo non ci sono crisi che riescono a piegarlo o ad arrestarlo, con la testa allenata si va avanti sempre ed in ogni modo con qualsiasi modalità fino al traguardo e sempre forti. Quali i meccanismi psicologici ritieni ti aiutano a partecipare a gare estreme? “Sinceramente non l’ho mai capito. Vasco diceva che ‘è tutto un equilibrio sopra la follia’. Sono pienamente d’accordo. Il cervello dopo tante ore o tanti km, si stabilizza in una dimensione propria, non si pensa più alla fatica o allo stress psico-fisico, si va avanti e basta senza quasi rendersene conto.” Gli viene facile a Massimo, tutto diventa più facile, basta assecondare la follia e non preoccuparsi prima del tempo, l’importante è partire convinti e determinati e fidarsi di se stessi, il resto viene da solo. Si entra in una dimensione speciale che ti porta comodamente avanti senza farsi arrestare dalle fantasie catastrofiche o limitanti. Quale è stata la tua gara più estrema o più difficile? “Sicuramente la Diagonale des Fous a La Reunion. Tecnicissima e durissima: 2 partecipazioni e due ritiri, l’ultimo a pochi km dalla fine.” Ma non tutto è facile, ci sono dei limiti ed è bene rispettare questi limiti. Quale è una gara estrema che ritieni non poterci mai riuscire a portarla a termine? “La Diagonale des Fous. Psicologicamente penso che partirei già che l’idea di non finirla: l’approccio più sbagliato che ci possa essere. Importante avere la consapevolezza dei propri limiti e decidere quello che si può o non si può fare. Ti va di raccontare un aneddoto? “In 15 anni me ne sono successi tantissimi, uno dei più recenti mi è successo lo scorso mese in Cina. Stavo correndo in pieno deserto, in autonavigazione. Ero in mezzo al nulla e vedo in lontananza una tenda con delle bandiere rosse simili a quelle dei C.P. della gara. Smetto di guardare il GPS e punto dritto lì. Quando arrivo mi accorgo di che è una venditrice di meloni ed io ho fatto un errore che mi costerà 2 ore di gara in più! Ma la mia domanda fu: ma a chi cavolo questa vende i meloni in pieno deserto!!! Ma forse era solo un miraggio.” Questo tipo di gare ti fanno sperimentare anche miraggi, è importante fare attenzione ed ascoltare i segnali del proprio corpo e rimanere sempre sul qui e ora momento per momento per non trovarsi fuori pista soprattutto in posti sconosciuti o dove le temperature cambiano nel gior di poche ore o dove non si ha la possibilità di rifornirsi. Tanta attenzione è importante per il proprio benesssere. Cosa hai scoperto del tuo carattere nel diventare ultramaratoneta? “A volte mi sorprendo ancora, quando sto per mollare c’è un qualcosa che mi spinge a non farlo. Questa cosa mi è servita moltissimo anche nella vita.” E’ un attimo per decidere di fermarsi o arrendersi ma è importante fare affidamento sulle proprie risorse mostrate di averle in altre occasioniin passato, così le tante crisi superate servono a fondare le basi per un incremento di autoefficacia nel superare eventuali crisi nella vita del mondo pqrallelo a quello sportivo. Come è cambiata la tua vita famigliare, lavorativa? “Ho fatto dell’ultra-maratona una ragione di vita. Chi mi è stato o chi mi è accanto non mi ha mai fatto pesare la cosa e lavorando in proprio sono quasi sempre riuscito a gestire bene la situazione.” Amare qualcuno o qualcosa, significa saper gestire momenti di vita individuali e comuni per prolungare la gioia della condivisione e la passione per qualcosa di importante. Ai fini del certificato per attività agonistica, fai indagini più accurate? Quali? “Da quando sono nella squadra Nazionale di Ultramaratona, ho la fortuna di essere monitorato in una clinica che ci supporta, il cuore soprattutto è la parte che viene più tenuta sotto controllo.” Massimo è in buone mani, si può affidare al team messo a disposizione dalla Nazionale, così può esprimersi al meglio della sua forma fisica nelle dure imprese di gare di corsa di ultra distanza. Hai un sogno nel cassetto? “Si mi piacerebbe, in futuro insegnare e trasmettere agli altri quello che l’ultra mi ha fatto imparare e dato in tutti questi anni.” Il sogno di Massimo non è una gara da vincere o da portare a termine perché considerata forse impossibile, ma di continuare a star bene con se stesso trasmettendo insegnamenti di vita appresi durante la sua lunga carriera sportiva. Grande merito a Massimo per le sue gesta sportive ed i suoi intenti encomiabili. Per approfondimenti è possibile consultare il mio libro dal titolo "Ultramaratoneti e gare estreme", Prospettiva editrice, Civitavecchia http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product Matteo SIMONE http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone http://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo https://www.ibs.it/ultramaratoneta-analisi-interminabile-libro-vari/e/9788898615872 http://www.aracneeditrice.it/aracneweb/index.php/pubblicazione.html?item=9788854894440

Fonte notizia: http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Peter Van Der Zon, ultratrail: Le gare che vado a podio mi danno davvero fiducia


Rappresentativa Puglia 3° Trofeo Regioni - Vibram Maremontana Trail (44 km)


Auto: sono 5 milioni i diesel Euro 3 o inferiori a rischio stop


International Trail-Running Association: Pablo Barnes rappresentante italiano


Accordo-quadro di collaborazione tra il Dipartimento di Ingegneria Civile, Architettura, Territorio, Ambiente e di Matematica – DICATAM dell’Università degli Studi di Brescia e la Fondazione Ugo Da Como


Cristofer Clemente Mora, Vice Campione Mondiale trail 2018


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Christian Reali ha chiuso la 100km di Winschoten in 7h55’58”. Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), arrivate al traguardo prima di tutte le altre avversarie, a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito approfondiamo la conoscenza di Christian Reali (Pol. Dil. Santa Lucia) in risposta ad alcune mie domande. Winschoten 2021 l'ho preparata in 3 mesiMatteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabr (continua)

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie
Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie, 200 Maratone, ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc. ecc.” In effetti l’8 Aprile 1985 i 3 fratelli Gennari vinsero la maratona di Rio Saliceto arrivando insieme, mano nella mano, con il crono di 2h35’24”: Elvino e Loris nati il 16 gennaio 1946 avevano 39 anni, e il più giovane Pietro nato il 24 settembre 1955 aveva 30 anni. Mentre Gloria Gessi vinse la prova femminile in 3h19’17”. Ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc.Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 (continua)

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito le impressioni di Gabriele Turroni (A.S. 100 km del Passatore) attraverso risposte ad alcune mie domande. Desideravo avvicinarmi il più possibile al tempo delle 7h15Matteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovani (continua)

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco
Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00. La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di tutto una bellissima esperienza di sport di gruppo e poi cercare di essere competitivi. Il Team Senza Paura Roma ha vinto su tutti in 32h08’30” precedendo Vicenza Marathon 32h17’40” e Lauf Club Pfeffersberg 33h12’40”. Di seguito l’esperienza di Fabio (ASD Atletica La sbarra), uno staffettista del gruppo, attraverso risposte ad alcune mie domande. Siamo partiti quasi certi di voler toccare il podioMatteo SIMONE Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00.La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di (continua)

Peppa Randazzo, Resia Rosolina: Siamo andati con l'intenzione di vincere

Peppa Randazzo, Resia Rosolina: Siamo andati con l'intenzione di vincere
Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 10 settembre 2021 ore 04.00. La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di Somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di tutto una bellissima esperienza di sport di gruppo e poi cercare di essere competitivi. Il Team Senza Paura Roma ha vinto su tutti in 32h08’30” precedendo Vicenza Marathon 32h17’40” e Lauf Club Pfeffersberg 33h12’40”. Di seguito l’esperienza di Peppa (Purosangue Athletics Club), uno staffettista del gruppo, attraverso risposte ad alcune mie domande. Per fortuna questa volta avevamo degli angeli ad accompagnarci in bici!Matteo SIMONE Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 10 settembre 2021 ore 04.00.La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di Somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, punt (continua)