Home > Sport > GF LIOTTO: VICENZA IN TREPIDANTE ATTESA

GF LIOTTO: VICENZA IN TREPIDANTE ATTESA

articolo pubblicato da: newspower | segnala un abuso

ECCELLENZA NAZIONALE DELLE DUE RUOTE

 

Oggi al Comune di Vicenza presentata la 19 Granfondo Liotto del 30 aprile

Erano presenti Pierangelo e Luigina Liotto, Borgna, Nicolai, Tronca, Pasqualin, Bertuola e Furlan

Una leggera novità in partenza arricchirà ancor di più i percorsi di gara di 95 e 130 km

Sicurezza e qualità organizzativa in primo piano nella sfida firmata ACSI

 

 

La 19.a Granfondo Liotto Città di Vicenza del 30 aprile si annuncia nuovamente un successo in quanto a partecipazione e qualità nella sicurezza dei percorsi di gara. Per la terza annata consecutiva l’evento dell’ASD Team Granfondo Liotto fa capolino in città, grazie anche alla preziosa ed insostituibile collaborazione del Comune di Vicenza, che ha permesso alla manifestazione di ergersi come uno degli eventi clou in Italia in chiave granfondistica e nuovamente inserita nel prestigioso Campionato Nazionale ACSI e nel circuito Alé.

Oggi la Granfondo Liotto è stata presentata al Comune di Vicenza, con un parterre di interventi che ha coinvolto Pierangelo e Luigina Liotto, il responsabile nazionale di ACSI Ciclismo Emiliano Borgna, l’assessore alla formazione del Comune di Vicenza Umberto Nicolai, il responsabile della sicurezza e collaboratore dei Cicli Liotto Stefano Tronca, il presidente del comitato Mondiali Claudio Pasqualin, il corridore Alessandro Bertuola del Team Copparo Liotto e l’ex professionista Angelo Furlan.

Presentando la Granfondo non si può non parlare dei Cicli Liotto, un marchio che rappresenta anche la storia dello sport a due ruote vicentino. Una narrazione che Luigina, Doretta e Pierangelo continuano a raccontare con la propria passione e professionalità.

L’apertura degli interventi è toccata all’Assessore Nicolai: “Porto il saluto del sindaco e del vicesindaco perché assieme a loro stiamo facendo molteplici iniziative, anche perché quest’anno Vicenza è Città Europea dello Sport. Vogliamo inoltre essere una città d’eccellenza e quando tre anni fa il sindaco volle portare la Granfondo Liotto a Vicenza lo fece per regalare una manifestazione alla città, e la famiglia Liotto ha una lunga tradizione fatta di qualità e competenza”.

La granfondo è uno degli appuntamenti più sentiti del Campionato Nazionale ACSI, raccontato da Emiliano Borgna: “Non capita solitamente di vedere eventi di alto livello così vicini anche alla propria città di appartenenza. L’impegno organizzativo è di altissimo livello e su questo mi piace soffermarmi, per vedere una famiglia che porta così bene avanti l’attività del padre, legando l’evento alla città e al territorio. L’anno scorso feci la gara e vi posso assicurare che non è comune trovare questi standard qualitativi in una manifestazione, e vedere gare che attuano questi principi di sicurezza è per noi di ACSI una nota di altissimo livello, per questo voglio ringraziare la famiglia Liotto. Qui anche gli accompagnatori troveranno attrazioni e una città tutta da scoprire. Essere l’ente che patrocina la manifestazione è per noi un onore”.

Riconfermati i due tracciati di 130 km e 2300 metri di dislivello e di 95 km e 1400 metri di dislivello, spettacolari, impegnativi e ricchi di “mangia e bevi” sui Monti Berici, discese e falsipiani: “Ringrazio l’amministrazione comunale – sottolinea Pierangelo Liotto - che ci è vicina da tre anni, noi ce la mettiamo sempre tutta affinché tutto riesca al meglio. La bici che abbiamo portato qui è l’ultimo gioiello che abbiamo creato, dando spazio all’artigianalità. Le bici su misura sono il nostro marchio di fabbrica e quest’opera d’arte è stata costruita interamente in Italia e con prodotti italiani, realizzata su misura per il cliente come si faceva tanti anni fa. I percorsi della gara sono piaciuti molto e per questo li abbiamo riconfermati, l’unica modifica è in partenza, una sorpresa non ancora annunciata per tutti i ciclisti, sfrutteremo infatti Viale Dalmazia che attraversa il polmone verde della città, un tratto particolare in sterrato battuto, una cosa a mio avviso molto bella che sarà una novità scenografica ed interessante anche da vedere, oltre al ciottolato che faremo nella zona di Brendola. Sei salite da affrontare e cinque ristori per il percorso lungo, con la più lunga conosciuta come “salita degli ulivi”, il medio avrà invece cinque salite e quattro ristori, ma tengo a sottolineare che nella deviazione dei percorsi avremo una segnalazione per i ciclisti per arrivare in tempo a Vicenza. Chi arriva al bivio con una media al di sotto dei 20 km/h dovrà per forza di cose optare per il mediofondo. I passi dolomitici sono importanti e duri, ma chi si allena qui sui Colli Berici può affrontare qualsiasi tipo di gara”.

Novità apprese con favore dall’avvocato Pasqualin, presidente del comitato promotore dei Campionati del Mondo di ciclismo a Vicenza: “Sono convinto che lo sterrato si addica alle mie caratteristiche essendo io un ciclista completo, che va lento ovunque! Spero di onorare il numero 1 che tradizionalmente mi viene assegnato. Per quanto riguarda il Mondiale, a settembre ci diranno se i nostri sforzi per il 2020 saranno o meno soddisfatti. Un mio pensiero va anche alla memoria di Gino Liotto, senza il quale tutto questo non sarebbe stato possibile”.

La sicurezza è uno dei punti di forza della Granfondo Liotto, l’impegno è forte ed il coordinamento è in capo a Stefano Tronca: “Abbiamo predisposto un importante servizio di sicurezza in tutto il percorso, con 300 persone dislocate nei 13 comuni. I concorrenti troveranno sicurezza ovunque ed ai massimi livelli, dal primo all’ultimo partecipante”. Angelo Furlan è invece un ex professionista, con due vittorie di tappa alla Vuelta 2002 e secondo nel 2010 nella Parigi-Tours: “Questi concorrenti sono amatori evoluti, tanti professionisti vanno ad allenarsi sulle granfondo. La gara di Vicenza è un’occasione incredibile per il comune e per la città. Sono stato professionista per 14 anni ed ora riesco a capire quanto sia bella la mia città, capendo le grandi potenzialità del territorio”. Alessandro Bertuola è una delle punte di diamante del team Copparo Cicli Liotto ed ha vinto qui a Vicenza nel 2015, ecco le sue impressioni sulla gara: “Sono riuscito a portare una bici Liotto per prima sul traguardo, lo scorso anno ho dovuto arrendermi ai crampi e alla condizione non ottimale. Quest’anno vedremo di riuscire a ripeterci, tornando vittoriosi e concedendo un importante risultato al brand Liotto”.

Chiusura doverosa alla “madrina” di casa Liotto, Luigina: “Donne in primo piano alla partenza, le quali partiranno da una posizione privilegiata assieme agli atleti disabili. Per quanto riguarda il pacco gara abbiamo pensato a qualcosa di speciale, e quest’anno ci sarà una maglia, fornita da un’azienda storica come la nostra, la Nalini, dunque non un gadget ma un premio a chi s’iscrive. A questa abbiamo abbinato un gel energetico Volchem ed un “Biglietto Speciale Sport e Turismo” per visitare le maggiori attrazioni turistiche di Vicenza. Altre aziende del territorio ci sosterranno nel corso delle premiazioni, citando infine chi ci aiuta nel riso party finale, il comitato di Grumolo delle Abbadesse, vera e propria eccellenza nazionale nella realizzazione del riso”.

Per ulteriori info ed iscrizioni: www.granfondoliotto.it

 

gf liotto | granfondo liotto | cicli liotto | newspower | veneto | vicenza |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

12 APRILE, GRANFONDO LIOTTO CITTÀ DI VICENZA, VERNISSAGE PER UN EVENTO DI GRANDE CARATURA


GRANFONDO LIOTTO: UNA GIORNATA DA INCORNICIARE, A VICENZA TRIONFI PER BERTUOLA E BONOMI


GRANFONDO LIOTTO IL 10 APRILE AI NASTRI DI PARTENZA, LA CLASSICA DI PRIMAVERA “IN MOSTRA” A VICENZA


PARATA DI STELLE ALLA GRANFONDO LIOTTO, A VICENZA SI PROIETTA LA “CAVALCATA DEI 2000”


A VALDAGNO GF LIOTTO IN POMPA MAGNA: MENO DI DUE SETTIMANE ALLA 14.a EDIZIONE


GRANFONDO LIOTTO “PALLADIANA”, A PRIMAVERA SI PEDALA FRA VICENZA E I COLLI BERICI


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

LA STELVIO MARATHON CONTA I GIORNI. ISCRIZIONI DA NON PERDERE ENTRO IL 7 GIUGNO

LA STELVIO MARATHON CONTA I GIORNI. ISCRIZIONI DA NON PERDERE ENTRO IL 7 GIUGNO
 Stelvio Marathon il 15 giugno a Prato allo Stelvio in Alto Adige Lavori del comitato sul percorso per togliere gli ultimi impedimenti causati dalla neve Iscrizioni a 110 euro per 42K e 26K, 45 euro per la “short distance” Chiusura partecipazioni dall’8 al 13 giugno, possibile iscriversi in loco il 14 giugno Il comitato organizzatore della Stelvio Marathon sta lavorand (continua)

SABATO DOLOMITES SASLONG HALF MARATHON. TRACCIATO CONFERMATO: COMPLIMENTI VOLONTARI!

SABATO DOLOMITES SASLONG HALF MARATHON. TRACCIATO CONFERMATO: COMPLIMENTI VOLONTARI!
 L’8 giugno 2.a Dolomites Saslong Half Marathon in Alto Adige Il comitato ASV Gherdeina Runners manterrà il tracciato originale con l’aggiunta di 1.5 km Campo base al Monte Pana dove partiranno anche due camminate per accompagnatori Tra i favoriti Felicetti, Piazza, Jbari, Rungger, Pircher e Thaler Il laborioso comitato ASV Gherdeina Runners si è dato un gran d (continua)

GIOVANI IN SELLA IN VAL CASIES. WEEKEND DEDICATO ALLE RUOTE ARTIGLIATE

GIOVANI IN SELLA IN VAL CASIES. WEEKEND DEDICATO ALLE RUOTE ARTIGLIATE
 Sabato 8 giugno Campionato Italiano Eliminator in Val Casies Domenica 9 giugno terza prova di Coppa Italia Percorso di 3 km e 150 metri di dislivello con numero giri in base alle categorie Un programma sontuoso quello proposto dal comitato SSV Pichl/Gsies Tutto pronto, anzi prontissimo, per gli appuntamenti su ruote grasse del weekend in Val Casies. Sabato 8 giugno la società (continua)

DOLOMITI SUPERBIKE: “LOCALS” A RACCOLTA! OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA BICICLETTA

DOLOMITI SUPERBIKE: “LOCALS” A RACCOLTA! OGGI GIORNATA MONDIALE DELLA BICICLETTA
 Il 13 luglio Südtirol Dolomiti Superbike 25.a edizione parte dei 21 eventi di Formula Bici 3.500 iscritti – cambio tariffa a quota 4000 80 euro la quota di partecipazione Oggi anche la Südtirol Dolomiti Superbike del 13 luglio festeggia la Giornata Mondiale della Bicicletta, istituita dall’ONU e divenuta ‘simbolo’ di quel mezzo che tutti amano e che pe (continua)

URS HUBER, UN FULMINE A CIEL SERENO! LA ORTLER BIKE MARATHON PARLA STRANIERO

URS HUBER, UN FULMINE A CIEL SERENO! LA ORTLER BIKE MARATHON PARLA STRANIERO
 Huber velocissimo nel finale si mette dietro i colombiani Paez e Arias Cuervo L’iridata Esther Süss fa tris e domina tra le donne nella marathon 90 km per la marathon, 51 km per la classic vinta da Schwaiger e Lehmann Giornata di sole splendida, paesaggi da favola e anche la neve, è un successo Parla per un quarto germanico e per tre quarti svizzero la quinta edizione (continua)