Home > Cibo e Alimentazione > Viti, vini e culture nei resoconti di viaggio

Viti, vini e culture nei resoconti di viaggio

scritto da: Sabrina Burlando | segnala un abuso

Viti, vini e culture nei resoconti di viaggio


Con una lectio magistralis del prof. Francesco Surdich, già docente di “Storia delle esplorazioni e scoperte geografiche" all’Università di Genova, si è concluso venerdì 5 maggio il ciclo di incontri culturali e aperitivi tematici promossi dall’Istituto Alberghiero Nino Bergese di Sestri Ponente, e dal suo preside Angelo Capizzi, finalizzati a educare i giovani al bere consapevole, ampliare l’offerta formativa e promuovere il territorio L’auditorium di Villa Sauli Podestà (parco del Basilico a Prà) è stato il teatro della lezione del prof. Surdich, incentrata su “Viti, vini e culture nei resoconti di viaggio”. A seguire la degustazione enogastronomica preparata ad arte dagli studenti del Bergese.

Elemento distintivo della civiltà italiana, il vino ha viaggiato ai confini del mondo con i suoi esploratori, favorendo l’intreccio di culture: da prelibata bevanda per il viaggio, a preziosa merce di scambio tra i popoli, a piantagione per le nuove colonie, fino a simbolo rituale.

Nel diario del mercante genovese Anselmo Adorno (fine Quattrocento) si testimonia un pellegrinaggio in Terrasanta in compagnia di una buona malvasia; mentre nel 1824 il futuro Papa Pio IX, allora canonico Giovanni Maria Mastai Ferretti, partì alla volta del Cile portando con sé cereali, patate, lardo, cipolle, limoni e Vin Santo; una discreta quantità di Barolo, oltre a porto e marsala, non mancò nemmeno nella spedizione in Africa di Guglielmo Gaudio alla fine dell’Ottocento, mentre nel resoconto di Edmondo De Amicis, “Sull’Oceano”, i festeggiamenti al passaggio dell’equatore avvenivano con diversi tipi di vino a seconda delle classi sociali.

A ritroso nel tempo troviamo  alla fine del 1200  Marco Polo a Cambaluc, l’attuale Pechino, presso la corte di Kublai Khan, dove si narra vi fosse un enorme vaso d’oro pieno di buon vino, così come in Cina si ricavava vino dall’uva oltre che dal riso e dai datteri (Il Milione). Gli studi di archeologia marittima hanno recuperato anfore che testimoniano lo scambio di vini, mentre la storia orale ci ha tramandato memoria di piantagioni di vino in Alaska per opera dei Vichinghi, in condizioni climatiche ben diverse da quelle attuali. E ancora nella lontana Polinesia, a Tahiti, nel Natale del 1774 il Capitano James Cook brindò insieme alle popolazioni indigene con il vino imbarcato a Madeira.

vini | viaggio | Surdich | Bergese | Prà |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Conclusa la VI edizione di Girogusto ad Amburgo, ora lo sguardo è già rivolto a Berlino


VINIFERA FORUM 2020: DODICI APPUNTAMENTI ASPETTANDO IL SALONE


GUSTUS: DUE GIORNI PER CONOSCERE VINI E SAPORI DEI COLLI BERICI


Castello di Spessa – Nuove etichette, tre linee di vini, visite in cantina e a breve una Spa con vinoterapia


Vini Franciacorta: On line la cantina di Ricci Curbastro


UNIVERSO PROSECCO: LE TRE DENOMINAZIONI INSIEME A VINITALY


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Spiaggia lunare e panchina a fumetti per i 25 anni di SpotornoComics

Spiaggia lunare e panchina a fumetti per i 25 anni di SpotornoComics
Sabato 24 agosto torna sui lidi di Spotorno la Rassegna Nazionale di Satira e Fumetti “Spotorno Comics”, ideata da Roby Giannotti 25 anni fa e quest’anno incentrata sul tema “1959-2019: SpotornoComics sbarca sulla Luna”. A partire dalle 22 nella Piazzetta del Sorriso, un gruppo di irriducibili vignettisti disegneranno per il pubblico in diretta no - stop, donando insi (continua)

Il "Vermouth del Bergese" per celebrare il trentennale dell'Istituto Alberghiero

Il
 Sarà presentato oggi alle 18 nei locali di Villa Sauli a Genova Prà il Vermouth ideato da una collaborazione tra scuola, impresa e territorio per celebrare il compleanno dell’Istituto Alberghiero Nino Bergese, che festeggia i trent’anni dalla sua fondazione nel 1989.   I maturandi del Bergese delle classi 5L e 5H, sotto la guida del prof.&nbs (continua)

"Giornata degli Alberghieri": al Bergese show cooking e degustazioni il 18 gennaio dalle 17 alle 20


  Venerdì 18 gennaio l’Istituto alberghiero Nino Bergese di Sestri Ponente partecipa con un’apertura serale straordinaria alla “Giornata degli Alberghieri”, organizzata dalla Rete Nazionale degli Istituti Alberghieri (RE.NA.I.A) per promuovere la cultura del cibo e del territorio.  Dalle ore 17 alle 20 le porte della scuola resteranno aperte in via Giott (continua)

L’ istituto Nino Bergese e il progetto Erasmus “Unity in Diversity”, esperienza linguistica e trans – culturale

L’ istituto Nino Bergese e il progetto Erasmus “Unity in Diversity”, esperienza linguistica e trans – culturale
Una App in sedici lingue rivolta al mercato turistico – alberghiero è il progetto europeo di e-learning presentato il 18 aprile 2018  dall’Istituto Alberghiero Nino Bergese di Sestri Ponente presso le sale del Columbus Sea Hotel affacciato sul porto di Genova. Attraverso un percorso interattivo a più livelli di apprendimento, una serie di mappe digitali multilingue (continua)

Cantasanremo 2018, il nuovo contest ligure diretto da Claudio Gambaro

Cantasanremo 2018, il nuovo contest ligure diretto da Claudio Gambaro
Con la canzone “La notte” di Arisa, Debora Lucchesi vince il Cantasanremo 2018, prima edizione del concorso canoro per aspiranti cantanti dedicato alle canzoni del Festival di Sanremo, ideato da Gennaro De Filippis e diretto dallo speaker radiofonico ed esperto musicale Claudio Gambaro, con la partecipazione tra i giurati e sul palco di Luca Cevasco. Il nuovo contest ligure, (continua)