Home > Economia e Finanza > Politica monetaria BCE: la possibile svolta spinge l'euro-dollaro

Politica monetaria BCE: la possibile svolta spinge l'euro-dollaro

articolo pubblicato da: Elleny | segnala un abuso

La possibilità che la BCE dia luogo ad una stretta monetaria in anticipo rispetto alle previsioni, è la notizia che ha guidato la coppa EUR/USD al rialzo sul finire della scorsa settimana. La pubblicazione di alcuni articoli al riguardo ha spinto i trader a muoversi in anticipo e cominciare a prezzare l'eventuale rialzo del costo del denaro nella UE.

Le notizie della BCE sulla politica monetaria

euroIn ambito finanziario, anche per via delle frequenti dichiarazioni di Draghi circa la politica monetaria della EuroTower, si pensava che l'istituto centrale europeo avrebbe continuato il proprio programma di quantitative easing per tutto il 2017, e forse soltanto nel 2018 avremmo assistito ad una svolta di politica monetaria. Ricordandovi che prima di entrare nel mercato occorre visionare i trading online miglior broker forex recensioni procediamo nel nostro discorso.

L'ipotesi che presto possa eserci un cambiamento di rotta nel piano monetario della UE, ha avuto un effetto rialzista sull'euro. La coppia valutaria è così andata oltre quota 1,0900 nel corso della giornatadi venerdì, e questa mattina continua ad essere sorpa questa quota minacciando così la soglia psicologica di 1,10. Questo è il livello di resistenza più importante, già testato anche nei giorni scorsi. Proprio questo ha favorito molti trader a guadagnare con opzioni binarie 60 secondi strategie vincenti, visto che hanno puntato al rimbalzo su questo livello.

Il movimento in atto questa mattina conferma che è in atto un forte trend rialzista e, anche in assenza di notizie che possano cambiare il percorso, questa continuerà a dare dimostrazione della propria forza.

bce | forex | trading | euro | dollaro |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Svalutazione competitiva dello Yuan, ecco la contromossa di Pechino

La guerra commerciale tra USA e Cina è ufficialmente sfociata in guerra valutaria. Come risposta alla nuova ondata di dazi voluta da Trump, la Cina ha consentito che la propria valuta subisse un svalutazione pesante contro il dollaro, tanto da giungere al valore minimo in 11 anni. La svalutazione competitiva dello Yuan Che le cose stessero volgendo al peggio si era capito da qualche giorn (continua)

Investimenti, dopo il rally è giusto abbandonare l'oro?

Gli investimenti in oro si sono rivelati un buon affare in questa prima metà del 2019, visto che la quotazione è tornata oltre quota 1400 dollari l'oncia come non accadeva da tempo. I numeri degli investimenti in oro Chi avesse investito circa 10mila in un Etf che replica il prezzo del metallo prezioso, oggi avrebbe un capitale di 11.125 euro. Parliamo di un guadagno dell'11,25%. M (continua)

La Federal Reserve si avvicina al taglio dei tassi. Dollaro in discesa

Come era prevedibile, la Federal Reserve ha deciso di lasciare i tassi di interesse al livello attuale. Tuttavia, ha confermato in modo evidente che si sta marciando verso un ormai prossimo taglio del costo del denaro. Il FOMC vota per non toccare i tassi La due giorni di meeting dell'istituto centrale americano si è concluso con un voto non unanime del Fomc. L'organo di politica monetari (continua)

Beni rifugio richiestissimi, cresce la paura sui mercati globali

Sui mercati è tornata a spirare in modo forte l'avversione al rischio, dando così una spinta ai beni rifugio come lo yen. La valuta giapponese è così arrivata ai massimi delle ultime due settimane nei confronti del dollaro, mentre sul biglietto verde pesano i timori di escalation delle tensioni commerciali tra Usa e Cina e la discesa dei rendimenti sulla curva dei Treas (continua)

Commissioni, eToro decide di dare un taglio a quelle in Europa

Fare investimenti su internet diventa più conveniente grazie all'impegno di una delle società più attive del settore. Stiamo parlando di eToro, che ha annunciato un taglio netto alle commissioni praticate ai propri clienti per le operazioni su azioni stock ed ETF. La nuova politica di commissioni Le nuove condizioni si applicheranno alla clientela europea, rendendo quindi l' (continua)