Home > Altro > CALABRIA CON VISTA

CALABRIA CON VISTA

scritto da: Cristinavannuzzi | segnala un abuso

CALABRIA CON VISTA


CALABRIA CON VISTA A Roseto Capo Spulico un premio ai giovani chef che fanno grande la Calabria 24 maggio 2017 Roseto Capo Spulico, un castello medievale arroccato sulla scogliera posta a picco sul mare, fondato nel X secolo, costruito sui ruderi di un antico monastero a sua volta eretto sulle rovine di un antico tempio pagano, noto come il Tempio di Venere in Calabria. A Roseto Capo Spulico le sfumature di viola, rosa e bianco dei campi pieni di fiori si perdono nel blu del mare della Calabria, dove, primo attore, il 24 maggio è stato presentato l’evento Calabria con Vista de La Calabria dell'Alta Cucina, la Calabria dei giovani chef che stanno conquistando il mondo presentando i prodotti di eccellenze della Regione Calabria, un riconoscimento ad un piccolo team di giovani, che, giorno dopo giorno, fanno grande la Regione e i suoi prodotti del territorio. A gennaio il New York Times ha incoronato la Calabria tra le mete del 2017, il quotidiano statunitense ha stilato una lista che comprende 52 destinazioni da visitare, la regione italiana, prescelta per l'eccellenza culinaria e le sue bellezze, è proprio la Calabria, regione “dimenticata”, visitata solo nel periodo estivo, mai citata nei circuiti dei critici e delle guide, non facile per essere raggiunta. E da gennaio si stanno “scoprendo” nuovi chef, giovanissimi, nuove storie di famiglie e territori, una importante conferma anche grazie al lavoro che, da tempo, viene portato avanti dagli agricoltori, considerato che la Calabria non ha industrie alimentari, ma tante piccole aziende che portano avanti le tipicità e le colture della regione. I Premiati: Caterina Ceraudo, Filippo Cogliandro, Luca Abbruzzino, Antonio Biafora, Anna Wyczawska, Emanuele Lecce, Francesco Mazzotta, Lorenzo Pupo, Roberto Mantuano, Vittorio Caminiti, Ennio Avolio, Alfonso Bombini, Franco Laratta, Fabio Tarantino, Nino De Lorenzo. Come ci dice Filippo Cogliandro, uno degli chef premiati, nel nostro cuore c’è la Calabria e il nostro obiettivo è quello di contribuire a dare alla nostra Regione un’identità gastronomica ben definita, attraverso la valorizzazione delle realtà locali, creando profonde sinergie fra i prodotti del territorio, i produttori di vino e naturalmente l’agricoltura. Finalmente la grande stampa nazionale e mondiale si sta accorgendo che in Italia c’è anche la Calabria, e in questo modo la nostra attenzione del territorio diventa, attraverso anche quello che noi insegniamo quotidianamente alla nostra brigata, un patrimonio da trasmettere ai giovani. Noi siamo convinti che la nostra cucina, la nostra arte culinaria, per essere tale, debba poggiare sull'alta qualità delle materie prime e sul rispetto del prodotto e del territorio - trovando in quest'ultimo la sua fonte di ispirazione; la nostra è una continua ricerca della nostra terra, non è nostalgia della "tradizione” ma una filosofia che supera il confine della cucina, deve essere un pretesto per parlare della nostra Regione. Il nostro impegno gastronomico ci dice insieme agli altri premiati, si spiega con il rispetto del prodotto e l'arte di valorizzarlo al massimo, il risultato deve essere visibile sia nel sapore che nell'estetica, delicato, semplice ma sorprendente. testo: Cristina Vannuzzi

cibo | food | eccellenza | territorio calabria | chef gourmet | chef stellati |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Calabria perché visitarla


Movio: A Reggio Calabria, la millenaria storia della chiesa di San Giorgio in Rete


NICOLA.....un libro per raccontare la Calabria


Funghi della Calabria: cosa c'è, oltre al "fresco"!!


Rc Auto: in Calabria premi in ribasso del 15,7%


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Luca Nannipieri e il suo libro "a cosa serve la storia dell'arte" tradotto e pubblicato all'estero

Luca Nannipieri e il suo libro
L'ultimo libro di Luca Nannipieri "A cosa serve la storia dell'arte", pubblicato in Italia da Skira, presentato al Senato della Repubblica, come il precedente libro di Nannipieri su Raffaello lo è stato alla Camera dei Deputati in occasione delle celebrazioni ufficiali dell'artista, viene ora dato alle stampe in Francia dalla casa editrice Editions L'Harmattan e distribuito nelle librerie francesi. Luca Nannipieri e il suo libro "A cosa serve la storia dell'arte" tradotto e pubblicato all'esteroConsacrazione internazionale per il noto critico d'arte   Parigi, 15 ottobre 2021  Il noto critico d'arte Luca Nannipieri, dopo le conferenze ospitate nei maggiori musei italiani, dalla Pinacoteca di Brera di Milano ai Musei Capitolini a Roma, vola in Francia, a Parigi, e (continua)

ISPIRAZIONI D'ARTE DI FILIPPO COGLIANDRO CHEF PER L'A CENA FUTURISTA

ISPIRAZIONI D'ARTE DI FILIPPO COGLIANDRO CHEF PER L'A CENA FUTURISTA
Martedì 19 ottobre alle ore 21, nella cornice dell’A Gourmet a Reggio Calabria si uniranno due universi, quello artistico del Futurismo, con le sue opere indagatrici di mistero e le sue tele-universo popolate da moduli carichi di colore protesi verso l'infinito e quello culinario, con la creativita' e l'abilita' tecnica dello Chef Filippo Cogliandro. L'evento nasce da un'idea di Elmar – Elisabetta Marcianò storica dell’Arte ed è l’affascinante e nostalgico argomento di cui oggi si occupa il mondo della cucina, messo in scena dallo chef Filippo Cogliandro ma anche far conoscere il mondo della pubblicità e dell’illustrazione del primo ‘900, un meraviglioso viaggio attraverso i cartelloni pubblicitari dell’epoca, un tuffo nel passato che, attraverso i ricordi, ci riporta ad un tempo che fu. 19 OTTOBRE 2021 "L’A Cena Futurista" Cena D'Arte & Spettacolo con ricette reinterpretate dallo Chef Filippo Cogliandro  La data della Cena D’Arte non è casuale, il 19 ottobre 1882 nasceva a Reggio Calabria Umberto Boccioni uno dei massimi esponenti del Futurismo.Pittore, scultore e avanguardista un artista attaccatissimo alle sue origini e alla terra Calabra tanto da confessare (continua)

Si conclude la settimana della moda 2021 a Milano con le sfilate virtuali di Fashion Vibes

Si conclude la settimana della moda 2021 a Milano con le sfilate virtuali di Fashion Vibes
RunWay Show Fashion Vibes è un evento che diventa un viaggio virtuale, una moderna prospettiva della moda combinando l’artigianato e l’alta moda, interpretando con gusto le evoluzioni più raffinate, dove avanzano la tecnologia e l’arte, lasciando liberi i designer di esprimere le loro ispirazioni per raccontare il valore simbolico della moda, comunicativo e riconciliante, che predispone all’ascolto e al dialogo con gli altri. E’ dunque l’unico strumento che mette insieme eleganza, informalità e sperimentazione, capace di uniformare tutti gli stili.   SFILATE IN DIGITALE SU PIATTAFORMA WEB Della 7° edizione RunWay Show Fashion Vibes 28 settembre ore 20,00 ·         COLLEZIONE “SEREIAS”  del Brand  VAN M·         COLLEZIONE “TRASHROOTS”del Brand TURTLEHORN·         Collezione del Brand BY VEL&n (continua)

IL VIAGGIO GREEN DI BEFW ALLA SETTIMANA DELLA MODA 2021 A MILANO

IL VIAGGIO GREEN  DI BEFW ALLA SETTIMANA DELLA MODA 2021 A MILANO
Chiude i battenti la Settimana della Moda Milanese dove è stata notata una grande attenzione ai temi della sostenibilità e dell'inclusione, l'industria della moda sta davvero diventando più green anche su esempio del Team degli 8 designer presentati dalla Brasil Eco Fashion Week - BEFW, la prima Fashion Week dell’America Latina interamente dedicata al tessile circolare.  SETTIMANA DELLA MODA A MILANOBilancio sulle tendenze di sostenibilità  SETTIMANA DELLA MODA A MILANOBilancio sulle tendenze di sostenibilità Chiude i battenti la Settimana della Moda Milanese dove è stata notata una  grande attenzione ai temi della sostenibilità e dell'inclusione, l'industria della moda sta davvero diventando più green anche su esempio del Team  (continua)

LA COLLEZIONE “VERISSIMAS” DI DONA RUFINA ALLA SETTIMANA DELLA MODA A MILANO

LA COLLEZIONE “VERISSIMAS” DI DONA RUFINA ALLA SETTIMANA DELLA MODA A MILANO
Debutta a Milano la collezione di accessori “Verissimas” disegnata da Dona Rufina ispirata allo scrittore Érico Veríssimo, che ha ritratto con grande abilità la cultura e le donne del “Sul do Brasil”, il sud del Paese. Dona Rufina recupera la lana dalla regione meridionale del paese per reinserire la materia prima sul mercato della moda e del design con la partecipazione delle donne locali per preservare la tradizione culturale della pampa. Il marchio opera nello stato del Rio Grande do Sul, dalla lavorazione della lana a tutte le fasi di trasformazione e commercializzazione dei formati: stoppino, filato e feltro, oltre alla creazione dei prodotti. LA COLLEZIONE “VERISSIMAS” DI DONA RUFINAALLA SETTIMANA DELLA MODA Milano 25/26 settembrePresentazione BEFW - Brasil Eco Fashion Week -BRAND: DONA RUFINA Collezione: VERISSIMAS – Solo Showroom (no sfilate)Debutta a Milano la  collezione di accessori  “Verissimas” disegnata da Dona Rufina ispirata allo scrittore Érico Veríssimo, che ha ritratto con grande abilità la cultura e le do (continua)