Home > Ambiente e salute > Strani rumori in casa? Può trattarsi di tarli del legno

Strani rumori in casa? Può trattarsi di tarli del legno

scritto da: Webmasterdeslab | segnala un abuso

Strani rumori in casa? Può trattarsi di tarli del legno


 Spesso può capitare quando si è in casa di udire strani rumori simili a un ticchettio, avendo la netta sensazione che gli stessi provengano dai mobili o dalle strutture in legno presenti all’interno della nostra abitazione. La presenza dei tarli del legno, per i quali è necessario un trattamento antitarlo ecocompatibile, non si manifesta soltanto attraverso la presenza dei tipici fori, ma esistono anche altri campanelli d’allarme che dobbiamo imparare a riconoscere.

Generalmente gli infestanti del legno non producono alcun tipo di rumore durante il processo di perforazione del legno, ma in natura esistono alcune specie di tarli che al contrario lo fanno. In precedenza avevamo parlato di una famiglia di tarli chiamati cerambicidi, la cui caratteristica principale è quella di rosicchiare il legno quando si alimentano, procurando un forte rumore.

Ma il tarlo rumoroso per antonomasia si chiama Xestobium Rufovillosum, conosciuto principalmente con il nome di “Orologio della morte”. Questo parassita è il più grande della famiglia degli Anobidi (è lungo 7 mm), e lo si riconosce grazie al suo colore bruno-rossastro e a ciuffi di pelo sul dorso gialli, oltre alle antenne corte di cui è dotato. La sua particolarità è quella di accoppiarsi all’interno delle gallerie presenti all’interno del legno.

Ed è proprio questo aspetto che lo contraddistingue rispetto a tutti gli altri. Il rumore che esso è in grado di produrre altro non è che il suo richiamo sessuale. Per richiamare l’attenzione del tarlo femmina al fine di riprodursi, questo tarlo è in grado di sbattere la testa contro le pareti del legno a intervalli regolari: il risultato è quello di dar vita a un ticchettio costante e percettibile dall’orecchio umano. Le sue prede preferite sono prevalentemente legni massicci e duri, come castagno, quercia, noce, faggio ecc, presenti soprattutto in luoghi umidi. L’umidità e i funghi sul legno, infatti, favoriscono il loro sviluppo.

Pertanto, è importante fare attenzione qualora ci accorgessimo di strani rumori all’interno della nostra abitazione, perché la capacità di questa specie di infestanti di creare danni molto seri a travi, mobili e strutture in legno è realmente elevata. Trattamentoantitarlo.net, azienda specializzata nel trattamento antitarlo Puglia, Calabria, Basilicata e Campania e in tutta Italia, utilizza il suo blog proprio per informare gli utenti su come imparare a riconoscere il pericolo tarli e correre tempestivamente ai rimedi più adeguati.


Fonte notizia: http://www.trattamentoantitarlo.net


trattamento antitarlo puglia | trattamento antitarlo basilicata | trattamento antitarlo calabria |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Primavera? I tarli del legno sono pronti all’attacco


Combattere gli acari del legno: bastano i rimedi naturali?


Trattamento antitarlo: occhio a distinguere i tarli dalle tarme


Degrado del legno? La colpa non è solo dei tarli


Case in legno


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Real Estate: la ricetta per il rilancio secondo Confedilizia

Real Estate: la ricetta per il rilancio secondo Confedilizia
Rilancio dell’immobiliare nell’era Covid: Confedilizia propone le sue misure e si auspica un miglioramento del Decreto Agosto. Riaccendere il motore dell’economia in un contesto di emergenza sanitaria è oggi quanto mai una condizione essenziale per il futuro del nostro Paese, e sfruttare la congiuntura negativa del momento potrebbe essere un’occasione preziosa per riformare alcuni settori chiave. Tra questi, c’è sicuramente quello immobiliare e il mondo delle case in vendita.Il Decreto Agosto è sicuramente un primo pa (continua)

Agroalimentare: dal Recovery Fund una spinta al rinnovamento

Agroalimentare: dal Recovery Fund una spinta al rinnovamento
Agricoltura e futuro: dal Recovery Fund un forte impulso a efficientamento e ammodernamento delle macchine agricole. Le ripercussioni economiche scaturite dalla pandemia non impediscono all’agricoltura di porre le basi per un futuro all’insegna dell’innovazione e della sostenibilità, e il Recovery Fund rappresenta in questo caso un’imperdibile occasione di rinnovamento. Tecnologizzazione delle macchine agricole, investimenti, logistica ecc, sono solo alcuni degli obiettivi che tutto il settore primario è chi (continua)

Finestre: mercato europeo in affanno, ma vola il legno-alluminio

Finestre: mercato europeo in affanno, ma vola il legno-alluminio
Mercato europeo delle finestre: vendite in calo nel 2020 e in tutto il 2021. Sale la quota degli infissi in legno-alluminio. Il mercato europeo di serramenti e finestre in legno si avvia a registrare un calo consistente nel 2020: è il quadro tracciato da uno studio condotto da Interconnection Consulting – società di studio di mercati – che prevede un meno 9,8% delle vendite rispetto allo stesso periodo dello scorso anno in tutta l’Europa occidentale.Facile intuire la causa di questa frenata, ovvero la crisi sanitar (continua)

Venezia, spray antiaggressione salva commessa da violenza sessuale

Venezia, spray antiaggressione salva commessa da violenza sessuale
Difesa delle donne: l’utilizzo di uno spray antiaggressione consente a una commessa di Venezia di sfuggire a un tentativo di violenza sessuale. Un corteggiamento insistente finito per diventare un tentativo di stupro. È quanto accaduto a una giovane commessa di un negozio a Venezia alcuni giorni fa. A metterla in salvo, uno spray peperoncino.A raccontare la triste vicenda è la stessa ragazza al Gazzettino.it. Il malintenzionato, un uomo tedesco sulla sessantina, inizialmente apparso come un normale cliente, da diversi giorni bazzicava (continua)

Termiti del legno: scoperta in Brasile una nuova specie

Termiti del legno: scoperta in Brasile una nuova specie
Trattamento antitarlo: Tauritermes Bandeirai, la termite del Caatinga brasiliano che ama il legno secco. La famiglia dei tarli del legno, in particolare delle termiti, si arricchisce di un nuovo elemento oggetto di studio di biologi e ricercatori. Dalla lontana Caatinga – una vasta regione vegetativa del deserto nord-orientale del Brasile – e dalla suggestiva foresta atlantica brasiliana, è stato scoperto un nuovo esemplare del genere Tauritermes, ovvero la quinta specie mai individuata.Diciamo (continua)