Home > Libri > Il trono del padre di Massimo Pinto premiato alla 42° edizione del Premio Letterario Casentino

Il trono del padre di Massimo Pinto premiato alla 42° edizione del Premio Letterario Casentino

scritto da: Alessia Mocci | segnala un abuso

Il trono del padre di Massimo Pinto premiato alla 42° edizione del Premio Letterario Casentino


 Per i boschi, per i sentieri e per le alte rive, al cospetto delle placide acque del Danubio, ora argentee, ora blu, quell’uomo, un tempo così rigido e formale, divenne un abile e interessante conversatore. Gli parlava di tutto: della vita degli animali, delle specie dei fiori, dei poteri delle piante, delle fantastiche storie che popolavano quel castello, ma anche di argomenti di attualità, di scienza, dei progressi della aerostatica, degli esperimenti con la macchina a vapore e con l’elettricità. Gli parlava del cosmo e del sistema solare, dandogli una visione dell’uomo non più soltanto confinata ai destini dell’Europa e del mondo, ma ben più ampia, quasi metafisica, religiosa.” – “Il trono del padre

Sabato 17 giugno 2017 alle ore 16:30, presso la prestigiosa Abbazia di San Fedele a Poppi (Arezzo), si svolgerà l’attesa cerimonia di premiazione della 42° edizione del Premio Letterario Casentino alla presenza dei componenti della Giuria e dei rappresentanti del mondo artistico e letterario italiano.

Fra i premiati della sezione narrativa/saggistica edita con Segnalazione Particolare della Giuria lo scrittore Massimo Pinto con il suo romanzo “Il trono del padre – (L’innocenza)” pubblicato nel 2016 dalla casa editrice romana Bastogi Libri.

Il libro narra di due figli, Fausto un giovane romano nato nel 1944 e Napoleone II, figlio del celebre Napoleone Bonaparte, nato nel 1811. Due ragazzi che sentono l’assenza dei rispettivi padri e che riescono a dialogare in dimensione diacronica e diatopica grazie all’ingegno dell’autore.

Massimo Pinto è nato e vive a Roma, laureato in Economia alla Sapienza ed in Teologia presso l’Ateneo Romano della Santa Croce. È Croce al Merito Melitense del Sovrano Militare Ordine di Malta. Nel 1998 ha pubblicato il saggio “Stato sociale e persona”. 

Il Premio Letterario Casentino è stato fondato da Carlo Emilio Gadda, Nicola Lisi, Carlo Coccioli che lo istituirono negli anni ’40. Dopo l’interruzione del periodo bellico, il Premio, negli anni ’70, viene riproposto all’attenzione del mondo culturale italiano per volontà del Presidente del Centro Michelangelo, Silvio Miano, e attualmente dal Centro Culturale Fonte Aretusa.

Il Premio – tra i più antichi e significativi organizzati su scala nazionale – affida la presidenza delle sezioni poesia, narrativa ed economia rispettivamente a Silvio Ramat, Giancarlo Quiriconi e Giorgio Calcagnini e ad una competente, integerrima giuria che alla fine del suo lavoro di selezione, individua coloro la cui voce è parsa di più vasto significato e risonanza. Il Premio Letterario Casentino rende inoltre omaggio tutti gli anni ad eminenti personalità della nostra cultura, assegnando i ‘Premi d’onore Casentino’ per la poesia, la narrativa, la saggistica, il giornalismo, l’economia e la medicina.

La 42° edizione del Premio si svolgerà in due giornate, la prima giornata di premiazione si concluderà sabato 17 giugno 2017 con una cena di gala che sarà occasione di incontro tra scrittori, critici ed operatori culturali, alla quale possono partecipare i premiati con parenti e amici. Domenica 18 giugno la cerimonia sarà seguita da un altro incontro conviviale (pranzo a buffet) aperto a tutti i premiati ed a chi li accompagna.

In una recente intervista lo scrittore Massimo Pinto racconta “Il trono del padre”:Questa è una narrativa all’interno di sé stessi, piuttosto che fuori da sé: Lo stile piano, chiaro e, mi dicono, elegante, facilita la comprensione. E da spiaggia? Perché no? Certo non racconta un fatterello e richiede, più che attenzione ferma, una dose di concentrazione per coglierne i significati, anche quelli non voluti da me. Ma è tutt’altro che faticoso, si presta a una lettura lenta, ferma e continua. Perché lo consiglio? Ebbene perché chi lo ha letto mi ha ringraziato. Alcuni si sono sentiti così coinvolti emotivamente da doversi assentare dal lavoro (non era mia intenzione!), altri asseriscono di avere appreso fatti e sensazioni che non conoscevano, altri ancora, infine, una volta terminata la lettura (alcuni l’hanno letto due volte di seguito), si sono sentiti orfani. Che dire di più?

 

Non sempre il bambino capiva tutto, però quell’uomo si rivelò come un mito. La sua benda sull’occhio cominciò a fargli meno paura, anzi, al contrario, la ritenne una prova del suo valore in battaglia e prese a cercarlo. Gli chiese naturalmente del padre e lui rispose con maggiore obiettività, sincerità e rispetto di tutti gli altri. Gli raccontò, succintamente, le ultime vicende, non disse, come diceva il nonno, che il padre era cattivo, anzi lo difese, disse che era un grande condottiero, che era stato sfortunato, mal consigliato, che era sicuro che pensasse sempre a lui. Lo rinfrancò. Non fu nemmeno reticente, come lo erano tutti.” – “Il trono del padre

 

Written by Alessia Mocci

 

Info

https://www.facebook.com/massimo.pinto.16

https://www.facebook.com/Massimo-Pinto-il-Vostro-Scrittore-1557448510950705/

http://www.fontearetusa.it/

https://www.ibs.it/trono-del-padre-innocenza-libro-massimo-pinto/e/9788899376666

http://www.bastogilibri.it

massi.pinto@tiscali.it

 

 

 

 


Fonte notizia: http://oubliettemagazine.com/2017/06/05/il-trono-del-padre-di-massimo-pinto-premiato-alla-42-edizione-del-premio-letterario-casentino/


massimo pinto | alessia mocci |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La gloria nel vangelo di Giovanni


Il trono del padre – L’innocenza di Massimo Pinto: la distanza tra padre e figlio


In libreria “Cento Farfalle e… più”: la raccolta poetica di Massimo Pinto pubblicata da Bastogi Libri


“Casentino Calling”, un manifesto per la vallata del futuro


CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA "LA MIA TERRA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Capitale Mobile: come trasformare un’idea in una Startup di successo

Capitale Mobile: come trasformare un’idea in una Startup di successo
Trovare investitori, individuare locali ed immobili in posizioni strategiche, cercare consulenti e dipendenti specializzati (e non), aver accesso ad una banca dati di incontro tra domanda ed offerta di risorse umane e materiali: ecco alcuni temi primari da tenere presente per poter iniziare a comprendere come proseguire. “La cosa più importante per un imprenditore è di raccogliere un’idea su qualcosa che ama davvero, lavorarci, e trasformarla in un business solo quando è sicuro che funziona.” – Mark Zuckerberg Non serve presentare l’autore di questa affermazione essendo uno degli uomini più famosi al mondo per inventiva e per capacità di business. Certamente alla base di qualsiasi buona idea c’è la passione (continua)

Intervista di Alessia Mocci a Laure Gauthier: vi presentiamo kaspar di pietra

Intervista di Alessia Mocci a Laure Gauthier: vi presentiamo kaspar di pietra
Laure Gauthier vive a Parigi ed insegna Letteratura tedesca e cinematografia all’Università di Reims. La prima opera, pubblicata nel 2013, è in lingua tedesca (successivamente tradotta in francese) “marie weiss rot/ marie blanc rouge”.  “Ogni epoca ha i suoi pericoli, la nostra è in una determinata fase della crisi del capitalismo, esiste un’“atrofia dell’esperienza” («Verkümmerung der Erfahrung»), come la definiva già Walter Benjamin, e davanti a questa svalutazione dell’esperienza, si esalta il linguaggio, si usano continuamente iperboli oppure all’opposto continuamente eufemismi. Siamo in un periodo di inflazione e (continua)

Intervista di Alessia Mocci a Zoe Tami Kirsten: “Trycia”, avvincente metafora del mondo sulle ali della scrittura

Intervista di Alessia Mocci a Zoe Tami Kirsten: “Trycia”, avvincente metafora del mondo sulle ali della scrittura
Zoe Tami Kirsten è nata nel 1991 negli USA. Dopo aver brillantemente concluso gli studi universitari in Storia contemporanea e Letterature moderne comparate, da circa due anni e mezzo vive in Italia. “Lo sceriffo sapeva qualcosa, che presumeva dovesse riguardare Trycia, che fino ad allora aveva tenuto nascosto a Robert per timore che lui potesse agire d’impulso, compromettendo l’indagine. Gli agenti della squadra che aveva mandato sul luogo dell’incidente lo avevano informato subito di aver trovato i segni delle ruote di una motocicletta impresse nella terra, oltre il ciglio della strada, (continua)

Io, l’Amante: il corto prodotto da Rupe Mutevole e tratto dal libro di Roberta Savelli, finalista all’I Am Film Festival 2021

Io, l’Amante: il corto prodotto da Rupe Mutevole e tratto dal libro di Roberta Savelli, finalista all’I Am Film Festival 2021
Il 17 ed il 18 marzo 2021 si volgerà l’evento finale del festival londinese durante il quale saranno premiati ufficialmente lungometraggi e cortometraggi selezionati ufficialmente. Tutte le opere finaliste saranno proiettate. “C’erano i lunghi pomeriggi in compagnia di Messer Leonardo, che aprivano orizzonti nuovi alla mia mente: «Movesi l’amante per la cosa amata come il suggietto con la forma, come il senso col sensibile, e con seco s’uniscie e fassi una cosa medesima... Quando l’amante è giunto all’amato, là si riposa». Come erano vere queste parole, maestro!” –  tratto da “Io, l’Amante”“Io, l’Amante – Pens (continua)

Io, l’Amante: il corto prodotto da Rupe Mutevole e tratto dal libro di Roberta Savelli, finalista al Lamezia International Film Festival 2020

Io, l’Amante: il corto prodotto da Rupe Mutevole e tratto dal libro di Roberta Savelli, finalista al Lamezia International Film Festival 2020
“Io, l’Amante – Pensieri segreti della puta che amò un principe, posò per un genio. E divenne immortale” di Roberta Savelli è stato pubblicato nel 2018 dalla casa editrice Rupe Mutevole Edizioni nella collana editoriale Le relazioni. “Ero poco più di una bambina, ma avevo le idee chiare. Il mio atteggiamento deve avervi incuriosito, intrigato: ma chi era questa ragazzina, dal corpo voluttuoso di donna, che osava rifiutare i vostri fiori, i vostri inviti – quasi ordini – portati da un cortigiano? La mia famiglia in quel periodo fingeva di non sapere, di non vedere, con l’acquiescenza tipica verso i potenti, che forse mio p (continua)