Home > Sport > EUROPEI DI ARRAMPICATA ONORANO IL TRENTINO

EUROPEI DI ARRAMPICATA ONORANO IL TRENTINO

scritto da: Newspower | segnala un abuso


val di fassa climbing spinge in alto il movimento

 

Campionato Europeo di arrampicata Lead e Speed il 29-30 giugno e 1° luglio

Oggi conferenza stampa di presentazione dell’evento alla Sala Rombo di Trentino Marketing

Sono intervenuti Bernard, Dellantonio, Walder, Giupponi, Debertol, Testor e Franceschinelli

Dolomia, Dolomiti Summer e Dolomiti Walking Festival eventi di contorno

 

 

Oggi a Trento, alla Sala Rombo di Trentino Marketing, si è svolta la conferenza stampa di presentazione del Campionato Europeo di arrampicata Lead e Speed che si terrà il 29-30 giugno e il 1° luglio prossimi a Campitello di Fassa (TN). Erano presenti il sindaco di Campitello di Fassa Ivo Bernard, la procuradora Elena Testor del Comun General de Fasha, Sergio Franceschinelli dell’Assessorato provinciale allo Sport e Cultura, Ulla Walder, presidente del comitato trentino FASI, Luca Giupponi, direttore tecnico della nazionale italiana di arrampicata, gli atleti speed Cristan Dorigatti ed Elisabetta Dalla Brida protagonisti nelle gare di Coppa Europa giovanili, Lorenza Dellantonio, coordinatrice del comitato organizzatore, ed Alessia Debertol, Sergio Valentini e Giovanni Carpano del Val di Fassa Climbing.

Ad aprire la serie d’interventi non poteva che toccare ad una donna, la procuradora Testor: “La Val di Fassa è patrimonio UNESCO e gli arrampicatori hanno aperto le vie sulle nostre montagne. La struttura ADEL di Campitello è stata da poco realizzata, e il Val di Fassa Climbing ha persone abili e capaci. Il Campionato Europeo sarà una grande esperienza per Campitello e per tutta la Val di Fassa”. Il sindaco Bernard si è accodato aprendo qualche parentesi storica: “Vorrei tornare al 1997 quando realizzammo la prima struttura di arrampicata, eravamo agli albori dell’arrampicata sportiva ed allora il sogno era quello di portare una veste più sportiva, dedicata ai giovani. In così pochi anni non avrei mai detto di poter arrivare all’Europeo. Ma quel sogno si è realizzato, per un’arrampicata tutta da vivere”.

La parete è stata rinominata ADEL in onore dei quattro soccorritori appartenenti al soccorso alpino Alessandro Dantone, Diego Perathoner, Erwin Riz e Luca Prinoth, scomparsi sotto la valanga del 26 dicembre 2009 in Val Lasties, e al timone del comitato organizzatore del Val di Fassa Climbing vi è Lorenza Dellantonio, un comitato che lavora tutto l’anno per l’arrampicata: “Noi del Fassa Climbing siamo orgogliosi della possibilità di organizzare quest’evento, l’arrampicata è un istinto primordiale come dimostrano anche le gesta dei bambini, ed una disciplina che culminerà con le Olimpiadi 2020 quando diventerà sport olimpico. La sfida proposta al nostro comitato è stata subito raccolta, e noi con del sano e duro lavoro stiamo facendo del nostro meglio, siamo convinti che ne uscirà un grande Europeo. Stiamo raccogliendo i frutti di tutti questi anni di lavoro, con anche tanti iscritti durante l’anno, e vogliamo dedicare la manifestazione ai quattro ragazzi scomparsi come la struttura che ne porta il nome”.

L’evento si svolge sotto l’egida della FASI, che in Trentino ha grandi ambizioni: “Siamo sicuri che l’Europeo sia in mani buone – racconta Ulla Walder, - il Val di Fassa Climbing vanta una grande esperienza e siamo più che certi che l’evento verrà organizzato a meraviglia e che le federazioni internazionali verranno accolte nel migliore dei modi”. L’Europeo non sarà solo agonismo, ma anche tanto altro, ne ha parlato Alessia Debertol: “Per dare sostegno all’evento abbiamo creato il Dolomiti Summer Festival legato alle attività outdoor, con svariate iniziative a prezzo promozionale, attirando tanti appassionati della montagna e creando un bel contorno alle gare. Iniziative facilitate dalla vicinanza della funivia, con anche la creazione di un outdoor village con la presenza dei migliori brand legati alla montagna, e musica live per intrattenere gli ospiti. Vi saranno poi Dolomia e Dolomiti Walking Festival, insomma ci sarà da divertirsi”.

Sergio Franceschinelli ha portato il saluto dell’assessore provinciale Tiziano Mellarini e ha ribadito il sostegno nei confronti di un’organizzazione così unita e capace come quella del Val di Fassa Climbing, mentre Sergio Valentini ha voluto sottolineare l’importanza nello staff di un direttore tecnico come Mario Prinoth. Coach ed atleti hanno poi chiuso con i propri interventi la conferenza. Il DT Luca Giupponi è soddisfatto del lavoro svolto fino ad ora: “Sono doppiamente onorato di far parte di questo evento, perché si fa in Italia ed a maggior ragione nella mia regione, il Trentino. La preparazione è iniziata già quest’inverno ed ultimamente lavorando in maniera specifica sulla struttura. Nella speed la via è omologata e ci si basa esclusivamente sul tempo, mentre nella lead ci sono maggiori varianti ed è importante conoscere la struttura. Il nostro livello è ottimo e Stefano Ghisolfi è in ottima condizione, è al top e può puntare in alto, ma si sa, le gare hanno diverse variabili. Ci saranno poi Adam Ondra e tanti altri possibili outsider. A livello giovanile abbiamo Santoni, Dorigatti e Dalla Brida, i due altoatesini Ebner e Schenk, decisamente un bel gruppetto e sarà un grande spettacolo. Grazie al Val di Fassa Climbing che ci ha dato una mano per allenarci”.

Quella di Elisabetta Dalla Brida e Cristian Dorigatti è una passione comune: “Cristian mi ha coinvolto perché siamo compagni di squadra da quando avevamo otto anni, poi mi sono appassionata anche grazie ai risultati, come quando vinsi i campionati mondiali giovanili ad Arco arrivando anche terza in Cina, dove gli atleti sono molto forti, anche se le scuole di allenamento migliori sono in Russia. Per me è già un onore partecipare perché sono molto giovane, spero di fare il mio record in termini di tempo”. Per Dorigatti invece: “Un onore per me essere qui, l’Europeo è un evento importante per tutti, in una grande organizzazione. So che il livello è alto ma tengo anch’io a migliorare il mio record, e per me entrare in semifinale sarebbe già il top. Importante anche per dare onore al Trentino”.

Info in italiano e inglese: www.fassaclimbingevents.com e canali Facebook ed Instagram.

 

Download immagini TV:

www.broadcaster.it


Fonte notizia: http://www.newspower.it/comunicati/CampEuropeoArrampicata_ValdiFassa/Comunicati/CEuropeoArrampicata_ValdiFassa_comu_ita.htm


campionato europeo arrampicata sportiva 2017 | val di fassa | trentino | fassa climbing | newspower |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ROCK MASTER E “TRICOLORI” AL CLIMBING STADIUM, APERTO TUTTI I GIORNI CON LE GUIDE ALPINE


L’ARRAMPICATA MONDIALE SI PRESENTA. TOLTO IL VELO ALL’IFSC CLIMBING WORLD CHAMPIONSHIP


ARCO (TN) PRESENTA IL CENTRO FEDERALE. IL CLIMBING STADIUM È IL CUORE DELL’ARRAMPICATA


Una panoramica sull’ arrampicata


ADAM ONDRA OSPITE DEL VAL DI FASSA CLIMBING


UN TROFEO TUTTO TRENTINO PER ARCO 2011 IL CAMPIONATO MONDIALE È SEMPRE PIÙ VICINO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MARCIALONGA: DI STORY… IN STORY. APERTURA ISCRIZIONI PER L’EVENTO CULT

 MARCIALONGA: DI STORY… IN STORY. APERTURA ISCRIZIONI PER L’EVENTO CULT
10 anni di Marcialonga Story, sabato 29 gennaio 2022, antipasto della Marcialonga Partenza dallo Stadio del Fondo di Lago di Tesero con arrivo a Predazzo Apertura ufficiale iscrizioni venerdì 29 ottobre Lo sci di fondo del presente e del passato nelle Valli di Fiemme e Fassa La Marcialonga è storia e tradizione dello sci di fondo, e non solo italiano. E di “Story” si parla ormai da 10 anni, con l’evento di una vigilia della Marcialonga delle Valli di Fiemme e di Fassa sempre vivace.Mancano poco più di tre mesi alla Marcialonga Story del 29 gennaio, che apre le iscrizioni per scrivere il decimo capitolo. La Marcialonga Story è nata nel 2013 come ‘limited edition’ per f (continua)

MARCIALONGA: SOGNO PER CAMPIONI E AMATORI. 70 KM DI PASSIONE IN VAL DI FASSA E IN VAL DI FIEMME

MARCIALONGA: SOGNO PER CAMPIONI E AMATORI. 70 KM DI PASSIONE IN VAL DI FASSA E IN VAL DI FIEMME
Pian piano si dispone l’attrezzatura per innevare i 70 km da Moena a Cavalese È la gara amata dai grandi campioni dello sci di fondo, con “ritorni” eccellenti Il 29 e 30 gennaio ce n’è per tutti i gusti con Light, Story, Baby, Mini, Young e Stars C’è ancora qualche posto, la corsa al pettorale sta per concludersi C’è un’equazione fissa che mette alla prova gli organizzatori della Marcialonga: basse temperature, produzione neve.È vero che il termometro in questo periodo fluttua su e giù dallo zero, è comunque tempo di spolverare i 26 ‘cannoni’ che gli uomini della mitica granfondo degli sci stretti, la cui 49.a edizione è in programma il 29 e 30 gennaio, hanno tolto dal magazzino. L’imperativo è iniziare la (continua)

FIVE HUNDRED, CINQ CENTS, FÜNFHUNDERT! MASSIMO IN 500 ALLA SGAMBEDA DI LIVIGNO

FIVE HUNDRED, CINQ CENTS, FÜNFHUNDERT! MASSIMO IN 500 ALLA SGAMBEDA DI LIVIGNO
Sono sempre di più gli iscritti alla prima gara di stagione del fondo Gli organizzatori livignaschi hanno stabilito il tetto massimo di 500 unità Da sabato 23 ci si potrà allenare sull’anello frutto dello snow farming La “superstar” Klaebo di nuovo a Livigno per la preparazione in altura della stagione Olimpica Da Pauli Siitonen, il finlandese che ha avuto l’intuito, a Bill Kock, l’americano che per primo sviluppò la nuova tecnica negli anni ‘70. Lo skating è una disciplina dello sci di fondo che piace, frizzante ed esplosiva.La prima opportunità di stagione di calzare gli sci stretti e fare a gara col cronometro in tecnica libera è la storica Sgambeda, che sabato 4 dicembre è pronta ad alzare il sipario (continua)

Curti e Beri sulle orme di Charly Gaul. Skiroll di Coppa Italia sul Monte Bondone

Curti e Beri sulle orme di Charly Gaul. Skiroll di Coppa Italia sul Monte Bondone
Seconda giornata del weekend di skiroll a Trento Luca Curti attende e poi scappa. Sul podio Tanel e Masiero Mortagna accende i giochi, poi paga e vince Beri davanti a Becchis Spettacolo dei giovanissimi. Organizzazione di Trento Eventi Sport e Team Futura Il Monte Bondone, la montagna di Trento per antonomasia, è sempre stato banco di prova per ogni genere di “scalatore”. Dalle auto alle moto, dalle bici al running, ma anche autentica “bestia nera” per gli skirollisti.Oggi confronto serrato sui tornanti del Bondone lungo quella salita che, non a caso, porta il nome di Charly Gaul, il lussemburghese che nel 1956 in una giornata da tregenda qui vinse (continua)

Il Sassolungo fa l'occhiolino ai runners. La 4.a Dolomites Saslong HM l'11 giugno

Il Sassolungo fa l'occhiolino ai runners. La 4.a Dolomites Saslong HM l'11 giugno
L’11 giugno 2022 quarta edizione della Dolomites Saslong Half Marathon Un percorso di 21 km e 900 m. di dislivello tra Val Gardena e Val di Fassa Iscrizioni online con Enternow, la quota base è di 50 euro 600 posti per un’occasione sportiva intorno al Gruppo del Sassolungo Alcuni atleti nella scorsa edizione di giugno, disputata comunque nonostante i disagi della pandemia, dicevano di non riuscire a concentrarsi in gara, tanto la vista li affascinava. C’è da crederci. Forse un po’ meno per Xavier Chevrier, favorito della vigilia, e Caterina Stenta, outsider vincente tra le donne, autori di una gara velocissima.E così dopo gli entusiasmi per il successo e i complimen (continua)