Home > Sport > MARCIALONGA CYCLING CRAFT: IMPAZZANO I PRONOSTICI. DOMENICA 29 ATTESI I MIGLIORI GRANFONDISTI DEL PEDALE

MARCIALONGA CYCLING CRAFT: IMPAZZANO I PRONOSTICI. DOMENICA 29 ATTESI I MIGLIORI GRANFONDISTI DEL PEDALE

scritto da: Newspower | segnala un abuso

MARCIALONGA CYCLING CRAFT: IMPAZZANO I PRONOSTICI. DOMENICA 29 ATTESI I MIGLIORI GRANFONDISTI DEL PEDALE


 - Varesco, Cunico, Corsello, Corradini e Kairelis sono la punta dell’iceberg

- Monica Bandini a caccia del bis nella gara di Predazzo (TN)

- Ci sono anche i fondisti Zorzi, Frasnelli, Debertolis, Cavallar e Piller

- Due percorsi, tre passi alpini e un unico grande spettacolo

 

 

A pochi giorni dallo start della Marcialonga Cycling Craft, quest’anno “sold out” a 2100 atleti iscritti, gli appassionati di pronostici e statistiche iniziano a dare “fiato” alle loro previsioni di vittoria. Allo start di domenica 29 maggio dal centro di Predazzo (TN) ci saranno gran parte dei vincitori delle passate edizioni della prova trentina, a cominciare da Jarno Varesco, primo della classe nella gara 2010 nel percorso granfondo di 135 km.

Un altro habituè dei podi Marcialonga, quell’Antonio Corradini che vinse nel 2009 e si piazzò secondo sia l’anno prima che nel 2010 (quando però corse la gara “corta” di 80 km a causa del maltempo), giocherà anch’egli un ruolo da indubbio protagonista tra meno di una settimana, anche se dovrà vedersela con il resto del podio della passata edizione, ovvero il “predazzano” Roberto Griot e l’altro trentino Massimiliano Pecchiari. Confermati in griglia di partenza sono anche altri “big” del pedale come il bolognese Giuseppe Corsello (terzo nel 2008 e secondo nel 2009), il lituano ex pro Dainius Kairelis o il vicentino Roberto Cunico, tutti già in evidenza in questo inizio di stagione, con Cunico in particolare che veste la maglia di leader del Challenge Giordana granfondo, di cui la Marcialonga Cycling Craft è terza prova. Altri uomini da tenere senz’altro d’occhio sono il lombardo Fabrizio Casartelli e l’altro emiliano Alessio Pareschi.

Nel percorso mediofondo, si preannuncia una sfida senza esclusione di colpi…di pedale, tra il vincitore 2010 Silvano Janes e l’altoatesino Alexander Zelger, il quale con ogni probabilità non ha ancora digerito la sfortunata caduta dello scorso anno che gli compromise la gara e soprattutto una possibile quarta vittoria consecutiva alla Cycling. Della partita sarà anche Roberto Mich, lo scorso anno sul terzo gradino del podio, Ivo Zulian (secondo nel 2008) e Adriano Lorenzi, primo nella parziale del Challenge Giordana mediofondo.

Anche Gloria Gandini e Marina Ilmer sono attualmente in testa al Challenge Giordana granfondo, e a Predazzo e sui passi Lavazè, San Pellegrino e Valles andranno a caccia di ulteriori punti del circuito, cercando di tenere a bada le inseguitrici Mery Marsiletti e Sabrina Zogli, e una certa Monica Bandini, vincitrice della gara “lunga” nel 2010 e che proprio lo scorso aprile ha festeggiato la bellezza di 150 granfondo vinte in carriera. Sempre per il Challenge Giordana, nella classifica mediofondo sono prime Serena Gazzini e Antonella Girardi, loro ovviamente saranno al via, così come la campionessa di scherma Dorina Vaccaroni, anche lei sul primo gradino del podio della Cycling nel 2008, e l’emiliana Raffaella Carloni, seconda lo scorso anno.

Come sempre, la Marcialonga Cycling Craft strizza l’occhio anche ai fondisti, ed ecco allora che i campioni di casa Cristian Zorzi e Loris Frasnelli risponderanno presente domenica 29 maggio, così come Sergio Piller (allenatore del GS Fiamme Gialle) e Veronica Cavallar.

Come tradizione della gara di casa Marcialonga, saranno due i percorsi proposti dalla Cycling Craft 2011, ovvero il Granfondo di 135 km e 3.279 metri dsl e il Mediofondo di 80 km e 1.894 metri dsl.

I due tracciati avranno un minimo comune denominatore, ovvero la scalata prima di Monte San Pietro e poi di Passo Lavazè, che, con i suoi oltre 1.800 metri di quota massima e una pendenza media che supera il 12%, non è certo da sottovalutare e sarà senz’altro ambito, visto che assegna il GPM Craft. Per chi correrà il percorso granfondo, invece, oltre al Passo di Lavazè ci saranno da superare il Passo San Pellegrino (GPM Itas Assicurazioni) e il Passo Valles, prima di rientrare al traguardo e godersi i meritati applausi del pubblico raccolto nel centro di Predazzo.

Oltre al Challenge Giordana, la Marcialonga Cycling Craft 2011 appartiene anche ai circuiti Nobili, Supernobili e Coppa del Mondo Amatori. Inoltre, la “Cycling” è seconda prova della speciale Combinata Punto3 Craft, che somma i risultati delle gare targate Marcialonga nel 2011, ovvero la granfondo di fine gennaio, la Running del 4 settembre e la Cycling appunto. Entrambi i vincitori 2010 di questa speciale graduatoria, ovvero Bruno Debertolis e Arianna Mazzel, saranno presenti al via della gara di domenica 29, e dovranno guardarsi bene dal leader attuale e vincitore 2009 Tomas Jakoubek.

Dalla giornata di sabato, la piazza SS. Filippo e Giacomo nel centro di Predazzo si animerà con un grande Expo tecnico di abbigliamento e accessori per bici, a cui si aggiungeranno giochi e animazione per grandi e piccoli e un maxischermo che domenica sarà “puntato” sugli arrivi della corsa.

Info: www.marcialonga.it


Fonte notizia: http://www.newspower.it/


sport | marcialonga cycling | ciclismo su strada | val di fassa e val di fiemme | Moena (TN) |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MARCIALONGA CYCLING CRAFT NEL MIRINO “VICHINGO”: AUKLAND TORNA SUL LUOGO DEL SUCCESSO


MARCIALONGA CYCLING CRAFT: DOPO LO SCI, LE BICI, A GIUGNO SI PEDALA SULLE DOLOMITI DI FIEMME E FASSA


RESA DEI CONTI ALLA MARCIALONGA CYCLING CRAFT. APPUNTAMENTO CLOU A PREDAZZO (TN)


LA MARCIALONGA “RE-CYCLING” CRAFT SULLE DOLOMITI. IL 29 MAGGIO PASTA PARTY DA … RISTORANTE


MARCIALONGA CYCLING CRAFT AL VIA DOMENICA, VALLI DI FIEMME E FASSA PREDA DI 2000 GRANFONDISTI


MARCIALONGA PRESENTA LA 44ᵃ EDIZIONE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MARCIALONGA: DI STORY… IN STORY. APERTURA ISCRIZIONI PER L’EVENTO CULT

 MARCIALONGA: DI STORY… IN STORY. APERTURA ISCRIZIONI PER L’EVENTO CULT
10 anni di Marcialonga Story, sabato 29 gennaio 2022, antipasto della Marcialonga Partenza dallo Stadio del Fondo di Lago di Tesero con arrivo a Predazzo Apertura ufficiale iscrizioni venerdì 29 ottobre Lo sci di fondo del presente e del passato nelle Valli di Fiemme e Fassa La Marcialonga è storia e tradizione dello sci di fondo, e non solo italiano. E di “Story” si parla ormai da 10 anni, con l’evento di una vigilia della Marcialonga delle Valli di Fiemme e di Fassa sempre vivace.Mancano poco più di tre mesi alla Marcialonga Story del 29 gennaio, che apre le iscrizioni per scrivere il decimo capitolo. La Marcialonga Story è nata nel 2013 come ‘limited edition’ per f (continua)

MARCIALONGA: SOGNO PER CAMPIONI E AMATORI. 70 KM DI PASSIONE IN VAL DI FASSA E IN VAL DI FIEMME

MARCIALONGA: SOGNO PER CAMPIONI E AMATORI. 70 KM DI PASSIONE IN VAL DI FASSA E IN VAL DI FIEMME
Pian piano si dispone l’attrezzatura per innevare i 70 km da Moena a Cavalese È la gara amata dai grandi campioni dello sci di fondo, con “ritorni” eccellenti Il 29 e 30 gennaio ce n’è per tutti i gusti con Light, Story, Baby, Mini, Young e Stars C’è ancora qualche posto, la corsa al pettorale sta per concludersi C’è un’equazione fissa che mette alla prova gli organizzatori della Marcialonga: basse temperature, produzione neve.È vero che il termometro in questo periodo fluttua su e giù dallo zero, è comunque tempo di spolverare i 26 ‘cannoni’ che gli uomini della mitica granfondo degli sci stretti, la cui 49.a edizione è in programma il 29 e 30 gennaio, hanno tolto dal magazzino. L’imperativo è iniziare la (continua)

FIVE HUNDRED, CINQ CENTS, FÜNFHUNDERT! MASSIMO IN 500 ALLA SGAMBEDA DI LIVIGNO

FIVE HUNDRED, CINQ CENTS, FÜNFHUNDERT! MASSIMO IN 500 ALLA SGAMBEDA DI LIVIGNO
Sono sempre di più gli iscritti alla prima gara di stagione del fondo Gli organizzatori livignaschi hanno stabilito il tetto massimo di 500 unità Da sabato 23 ci si potrà allenare sull’anello frutto dello snow farming La “superstar” Klaebo di nuovo a Livigno per la preparazione in altura della stagione Olimpica Da Pauli Siitonen, il finlandese che ha avuto l’intuito, a Bill Kock, l’americano che per primo sviluppò la nuova tecnica negli anni ‘70. Lo skating è una disciplina dello sci di fondo che piace, frizzante ed esplosiva.La prima opportunità di stagione di calzare gli sci stretti e fare a gara col cronometro in tecnica libera è la storica Sgambeda, che sabato 4 dicembre è pronta ad alzare il sipario (continua)

Curti e Beri sulle orme di Charly Gaul. Skiroll di Coppa Italia sul Monte Bondone

Curti e Beri sulle orme di Charly Gaul. Skiroll di Coppa Italia sul Monte Bondone
Seconda giornata del weekend di skiroll a Trento Luca Curti attende e poi scappa. Sul podio Tanel e Masiero Mortagna accende i giochi, poi paga e vince Beri davanti a Becchis Spettacolo dei giovanissimi. Organizzazione di Trento Eventi Sport e Team Futura Il Monte Bondone, la montagna di Trento per antonomasia, è sempre stato banco di prova per ogni genere di “scalatore”. Dalle auto alle moto, dalle bici al running, ma anche autentica “bestia nera” per gli skirollisti.Oggi confronto serrato sui tornanti del Bondone lungo quella salita che, non a caso, porta il nome di Charly Gaul, il lussemburghese che nel 1956 in una giornata da tregenda qui vinse (continua)

Il Sassolungo fa l'occhiolino ai runners. La 4.a Dolomites Saslong HM l'11 giugno

Il Sassolungo fa l'occhiolino ai runners. La 4.a Dolomites Saslong HM l'11 giugno
L’11 giugno 2022 quarta edizione della Dolomites Saslong Half Marathon Un percorso di 21 km e 900 m. di dislivello tra Val Gardena e Val di Fassa Iscrizioni online con Enternow, la quota base è di 50 euro 600 posti per un’occasione sportiva intorno al Gruppo del Sassolungo Alcuni atleti nella scorsa edizione di giugno, disputata comunque nonostante i disagi della pandemia, dicevano di non riuscire a concentrarsi in gara, tanto la vista li affascinava. C’è da crederci. Forse un po’ meno per Xavier Chevrier, favorito della vigilia, e Caterina Stenta, outsider vincente tra le donne, autori di una gara velocissima.E così dopo gli entusiasmi per il successo e i complimen (continua)