Home > Sport > Roldano Marzorati, 3° al Campionato Italiano IUTA 48h: Ciao Denis Lusi!

Roldano Marzorati, 3° al Campionato Italiano IUTA 48h: Ciao Denis Lusi!

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Roldano Marzorati, 3° al Campionato Italiano IUTA 48h: Ciao Denis Lusi!


Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net/ Il mondo degli ultrarunner raccontato da alcuni protagonisti che possiamo definire storici, Roldano over 55 anni, sempre presente alle gare più lunghe e dure, sempre protagonista lui e la sua compagna, sempre insieme per condividere cibi vegani e imprese ardue, sempre alla ricerca di nuovi incontri, nuovi scontri con nuovi avversari anche più giovani, si apprende sempre da se stessi e dagli altri, si scopre sempre qualcosa in più, viaggi dal Nord al Sud per essere benvenuti grazie all’amicizia di tanti altri ultrarunner sempre disponibili a offrirti una bevanda o un cibo. Di seguito Roldano racconta le sue impressioni rispondendo ad alcune mie domande. Ciao, com'è andata? Soddisfatto? “Ciao Matteo, sono ritornato a Policoro con la testa già alla 24 h di Belfast Irlanda Campionato Mondiale open che si svolgerà 1-2 luglio. Policoro e il Campionato Italiano IUTA 48 h per me l'anno scorso fu momento di gioia arrivando primo. Un parziale riscatto del ritiro, dopo 3 giorni di gara, alla 6 giorni di Ungheria corsa un mese prima. Mi sono presentato al via a questa 6^ edizione sapendo che la gara presentava atleti forti e giovani, curioso di vedere come avrebbero gestito la gara. Sapevo che il podio era possibile ma che non sarebbe stata una passeggiata. Alla fine il terzo posto mi lascia soddisfatto e contento di vedere volti giovani come Ivan Battisti 29 anni e sicuramente più giovane di me Alessandro Bruzzi arrivare rispettivamente secondo e primo.” E’ consapevole Roldano delle sue forze e capacità, dei suoi limiti, delle nuove leve, nuovi ragazzi talentuosi che si affacciano agilmente al mondo delle ultramaratone con tanta forza anche se con poca esperienza. Avuto problemi, difficoltà? “Problemi: il caldo. La gara per me e Sonia è stata condizionata dal caldo. È una considerazione che mi sento di evidenziare marcatamente perché è un dato di fatto: le persone over 50, in generale soffrono di più il caldo. Difficoltà oggettive poche: logistica buona, percorso veloce, cibo e rifornimento idrico e salino buono. Difficoltà soggettive: caldo, pressione bassa, polvere finissima (500 m di sterrato) che aderisce alla pelle impedendole di traspirare, frequenti lavaggi piedi e cambio calze.” Sempre pronto Roldano ad essere accanto agli altri, alla sua compagna, per sostenerla e supportarla nelle fatiche della gara, accanto ad amici e avversari per sfidarli seneramente. Sensazioni, emozioni? “Sensazioni ed emozioni a fase alternante durante giorno e notte. Momenti belli passati a correre insieme alla mia compagna Sonia oppure, pazzamente, con Ivan Battisti e Piero Cossalter a tirare un 500 m come se fossimo allo sprint di una gara 800 m...oppure la simpatia e gentilezza di Mangione Giuseppe che nelle pause pranzo e cena ci preparava cibo e birra pronti sul tavolo! Commozione a ricordare un amico ultrarunner che non c'è piú: ciao Denis Lusi!” Si fa parte della famiglia degli ultrarunner, quando qualcuno non c’è più, manca davvero, si sente la sua mancanza, la sua fatica era anche la nostra, le sue gioie erano anche le nostre. Prossimi obiettivi, sogni realizzati o da realizzare? “Prossime gare: a breve Belfast 24 h, a medio termine settembre Spartathlon e il suo caldo clima, a lungo 8 giorni non stop a novembre a Montecarlo per beneficenza. Sogni realizzati tanti ma non sono il tipo che si accontenta. Da realizzare: farmi esploratore, a piedi o in bici in autosufficienza, di luoghi in Italia, in Europa o meglio in tutto il mondo ..la svolta, non definitiva, non abbandono il mondo della ultramaratona, può essere vicina.” Si va sempre avanti, si finisce una gara, si pensa a un’altra, sempre pronti a prenotare traghetti, treni, aerei, hotel, amici. Hai scoperto qualcosa di stesso? “Si impara e si scopre sempre qualcosa di se stesso basta sapersi ascoltare ..in questa mia connessione con me stesso ho avuto la sensazione che presto ci saranno cambiamenti ..non si smette di imparare non si smette di cambiare ..bello no? Grazie Matteo di accogliere le mie riflessioni.” Bella storia, belle impressioni, sensazioni, emozioni, i racconti degli ultrarunnner sono densi di significato, ti fanno vivere le loro gare, le loro attese e speranze, le loro fatiche e sofferenze, il caldo, ma anche gli incontri e i momenti festaioli con vecchi e nuovi amici, tanti momenti felici e commoventi, anche si ricordano amici che non ci sono più ma che continuano a far parte del mondo degli ultrarunner, perché ultrarunner si è per sempre. Per approfondimenti sul mondo degli ultrarunner è possibile consultare il libro "Ultramaratoneti e gare estreme". Di prossima uscita il libro Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida. https://www.edizioni-psiconline.it/anteprime/maratoneti-e-ultrarunner-aspetti-psicologici-di-una-sfida.html Matteo SIMONE http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone http://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo https://www.ibs.it/ultramaratoneta-analisi-interminabile-libro-vari/e/9788898615872

Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net/




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Ultramaratone ed ultratrail: esperienze, emozioni, resilienza


Easyfarma presenta la Novità NUXE 48H idratazione anti inquinamento


Roldano Marzorati, 58 anni: Campione Italiano corsa a piedi 48 h


La pianificazione fiscale nel nuovo portale di Denis Torri Alborino


Svizzera, ripresa inferiore alle attese: il commento di Denis Alborino Torri


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Giorgio Calcaterra testimonial della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano

Giorgio Calcaterra testimonial della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano
Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, su un anello di circa 1600 metri quasi completamente asfaltato, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione con ASD Sport club Atletica Libertas Sesto. http://www.seioreparconord.com/ Il vincitore è stato Marco Menegardi con 88.349 km precedendo Giorgio Calcaterra 86.084 km e Mauro Gagliardini 78.848 km. Tra le donne la vittoria è andata a Chiara Milanesi con 75.713 km precedendo Lorena Brusamento 74.647 km e Annalisa Campagna 69.783 km. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Giorgio attraverso risposte ad alcune mie domande. Ero concentrato, pensavo ad arrivare a 80 km e per fortuna li ho superatiMatteo SIMONEhttp://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, su un anello di circa 1600 metri quasi completamente asfaltato, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione c (continua)

Intervista doppia agli ultramaratoneti Giorgio Calcaterra e Marco Menegardi

Intervista doppia agli ultramaratoneti Giorgio Calcaterra e Marco Menegardi
Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione con ASD Sport club Atletica Libertas Sesto. Il vincitore è stato Marco Menegardi con 88.349 km precedendo Giorgio Calcaterra 86.084 km e Mauro Gagliardini 78.848 km. Chiara Milanesi è stata la prima donna con 75.713 km precedendo Lorena Brusamento 74.647 km e Annalisa Campagna 69.783 km. Matteo SIMONEhttp://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione con ASD Sport club Atletica Libertas Sesto. Il vincitore è stato Marco Menegardicon 88.349 km precedendo Giorgio Calcaterra 86.084 km e Ma (continua)

Daniele Cappelletti, 3° nella classifica finale della Coppa Italia di Sky Snow

Daniele Cappelletti, 3° nella classifica finale della Coppa Italia di Sky Snow
A Sella Neva, si è conclusa la prima edizione della Coppa Italia FISKY - Skysnow e la classifica finale, ottenuta dalla somma dei due migliori risultati di tre gare vede al 1° posto Cristian Minoggio (200 punti) che ha preceduto Luca Del Pero (166 punti) e Daniele Cappelletti (160 punti). Per quanto riguarda le donne, femminile la vittoria è andata a Isabella Morlini (178 punti) che ha preceduto Raffaella Tempesta (176 punti) e Consuelo Vicari (152 punti). Salire sul podio mi piace ancora molto nonostante l'età che avanzaMatteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net A Sella Neva, si è conclusa la prima edizione della Coppa Italia FISKY -  Skysnow e la classifica finale, ottenuta dalla somma dei due migliori risultati di tre gare vede al 1° posto Cristian Minoggio (200 punti) che ha preceduto Luca Del Pero (166 punti) e Daniele Capp (continua)

Manuel Viezzi: Mi innamorai di questo tipo di gare e non mi sono più fermato

Manuel Viezzi: Mi innamorai di questo tipo di gare e non mi sono più fermato
Molti considerano anomalo correre tanti km, considerano anomalo correre in circuiti di circa un km per 6 ore consecutive, ma a volte l’anomali e il bizzarro attrae più di tutto, diventa una sfida, scoprire se si è in grado di fare cose difficili e sfidanti, gare lunghissime e difficilissime. Quello che si sperimenta attrare più di ogni cosa, ci si innamora. Matteo SIMONE Molti considerano anomalo correre tanti km, considerano anomalo correre in circuiti di circa un km per 6 ore consecutive, ma a volte l’anomali e il bizzarro attrae più di tutto, diventa una sfida, scoprire se si è in grado di fare cose difficili e sfidanti, gare lunghissime e difficilissime. Quello che si sperimenta attrare più di ogni cosa, ci si innamora.Di seguito l’es (continua)

L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport

L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport
L’esperienza della bici per assaporare colori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita, fatta di partenze e arrivi, incontri e congedi, salite e discese. La bici è una metafora della vita, come per la bici c’è la ciclicità della salita e della discesa così nella vita c’è la crisi e soluzione senza darsi per sconfitti ma accettando e cambiando il corso degli eventi con fiducia e resilienza uscendone fuori sempre più rafforzati. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net L’esperienza della bici per assaporare colori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita, fatta di partenze e arrivi, incontri e congedi, salite e discese. La bici è una metafora della vita, come per la bici c’è la ciclicità della salita e della discesa così nella vita c’è la crisi e soluzion (continua)