Home > Ambiente e salute > Renato Ravanelli: F2i SGR acquista sette impianti eolici in Sicilia e Calabria

Renato Ravanelli: F2i SGR acquista sette impianti eolici in Sicilia e Calabria

scritto da: Articolinews | segnala un abuso


Con l'acquisizione di sette parchi eolici in Sicilia e Calabria, F2i SGR cresce ulteriormente nel settore delle rinnovabili: un'operazione che rientra nella strategia adottata dalla società, come ha spiegato l'AD Renato Ravanelli.

F2i - Fondi Italiani per le Infrastrutture

Ulteriore crescita nell'eolico per F2i SGR: le parole dell'AD Renato Ravanelli

F2i SGR ha acquisito uno dei principali portafogli eolici del Paese: sette parchi dislocati in Sicilia e Calabria con una potenza installata di 282 MW. Un ulteriore motivo di crescita per la realtà guidata da Renato Ravanelli: l'AD ha infatti sottolineato che con questa operazione la società diventa il secondo operatore nell'eolico con una dotazione impiantistica che supera i mille megawatt, confermandosi come soggetto di aggregazione nei diversi ambiti infrastrutturali. L'acquisizione è stata infatti portata avanti attraverso il Secondo fondo F2i, creato nel 2012 e già in possesso del 70% della società E2Ì (600 MW installati e 165 MW in costruzione) e del 16% in Alerion (259 MW installati). "Il nostro compito è aggregare imprese attraverso una guida manageriale forte" spiega l'AD Renato Ravanelli riferendosi alla strategia che ha già portato ottimi risultati nel settore della distribuzione del gas, dove 2i Rete gas ha messo insieme 200 operatori. Attraverso l'acquisizione dei sette asset eolici, F2i SGR punta a replicare i traguardi raggiunti nel fotovoltaico: il Primo fondo F2i insieme a Enel, attraverso Ef Solare Italia, è infatti il principale operatore nazionale. L'operazione (il closing è previsto per fine giugno) è fondamentale in questa ottica: "Nel settore eolico per gestire in maniera unitaria e con economie di scala gli impianti è necessaria una potenza non inferiore ai mille megawatt".

F2i SGR: il profilo della società guidata da Renato Ravanelli

F2i SGR (Società di Gestione del Risparmio) nasce nel 2007 in occasione del lancio dell'omonimo fondo infrastrutturale, il più grande in Italia. Istituito nel 2007, il Primo Fondo F2i con 1.852 milioni di euro a disposizione è il maggiore fondo infrastrutturale focalizzato su un singolo Paese e annovera tra i propri azionisti di riferimento alcune delle principali banche italiane, Istituzioni, primari Istituti di credito, Fondazioni bancarie e Casse di previdenza azionisti. Nel 2012 la società ha dato vita a un Secondo Fondo: il target iniziale, stimato in 1.200 milioni di Euro, è stato superato tanto che nel luglio 2015 ha raggiunto 1.242,5 milioni di euro. Entrambi i fondi si pongono come obiettivo quello di affermarsi come punti di riferimento in ambito infrastrutturale pubblico e privato, incentivando le relazioni tra investitori locali e internazionali e i processi di privatizzazione. Dall'ottobre 2014 F2i SGR è guidata da Renato Ravanelli, già CFO e direttore delle strategie del Gruppo AEM, CFO del Gruppo Edison (2005-2007) e Direttore Generale di A2A (2008-2014).


Fonte notizia: http://www.f2isgr.it/f2isgr/allegati/rassegna_stampa/2017_06_07_CORRIERE_DELLA_SERA_RENATO_RAVANELLI_f2i.pdf


Renato Ravanelli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

F2i, insieme ad Ania, acquista Compagnia Ferroviaria Italiana. Il commento dell’AD Renato Ravanelli


Il Secondo Fondo F2i supera l’obiettivo iniziale di 1.200 milioni di euro


Il profilo professionale dell’Amministratore Delegato di F2i SGR S.p.A. Renato Ravanelli


Renato Ravanelli: acquisizione dell’aeroporto di Olbia, il valore dell’operazione per F2i


Il percorso professionale di Renato Ravanelli, Amministratore Delegato di F2i


Logistica portuale, F2i completa l’acquisizione di MarterNeri


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Crisi di Governo, Lorenzo Mattioli (Confindustria Servizi HCFS): “C'è bisogno di stabilità”

Crisi di Governo, Lorenzo Mattioli (Confindustria Servizi HCFS): “C'è bisogno di stabilità”
Confindustria Servizi HCFS: instabilità politica e crisi economica, i temi al centro dell’intervista al Presidente Lorenzo Mattioli “Questa crisi di Governo non aiuta: crea ulteriore incertezza. Questo è un momento davvero complicato e difficile che non si può gestire in un clima politico precario”: così Lorenzo Mattioli, Presidente di Confindustria Servizi HCFS.Lorenzo Mattioli: cruciale dare risposte urgenti, non più derogabiliL’instabilità dell’attuale scenario politico sta mettendo a dura prova le imprese in Italia, g (continua)

Superbonus 110%: la proposta di Gruppo Green Power per l’efficientamento energetico

Superbonus 110%: la proposta di Gruppo Green Power per l’efficientamento energetico
Casa Efficiente di Gruppo Green Power permette a famiglie e aziende di risparmiare sui costi dell’energia e diminuire le emissioni approfittando del Superbonus Fondato nel 2010, Gruppo Green Power è uno dei maggiori operatori nazionali nell'ambito dell'efficientamento energetico.Gruppo Green Power: Superbonus, un iter semplificatoRisparmiare sui costi dell'energia e allo stesso tempo contribuire al miglioramento della qualità dell'aria: con Gruppo Green Power è possibile. Grazie al servizio dedicato al Superbonus 110%, tutti coloro ch (continua)

Benessere nei luoghi di lavoro: Riva Acciaio e il successo del progetto WHP

Benessere nei luoghi di lavoro: Riva Acciaio e il successo del progetto WHP
Lo scorso 1° marzo le buone pratiche adottate da Riva Acciaio a beneficio dei lavoratori di Caronno Pertusella sono state premiate dai promotori del progetto WHP Riva Acciaio aveva aderito lo scorso agosto al network grazie all’ATS Insubria.Riva Acciaio: le attività a sostegno della salute dei lavoratoriIl progetto “WHP - Workplace Health Promotion”, sostenuto dall’Unione degli Industriali della Provincia di Varese, ATS Insubria e Cgil-Cisl-Uil, è stato lanciato per promuovere attività a beneficio del benessere dei dipendenti. L’iniziativa, rivolta a (continua)

Italia e dossier industriali, Vito Gamberale: “Non serve nazionalizzare le autostrade”

Italia e dossier industriali, Vito Gamberale: “Non serve nazionalizzare le autostrade”
Alitalia, Ilva e banda larga alcuni dei temi cruciali per il Paese: in un intervento su “Il Foglio”, Vito Gamberale analizza l’attuale situazione dei dossier industriali in Italia “Non penso che questo governo abbia bisogno di compiere una mossa demagogica. Sembrerebbe quasi distonico. Salvo che non sia un’iniziativa autonoma di CDP, magari in coincidenza di prossime scadenze”: affidate alle pagine de “Il Foglio”, le considerazioni di Vito Gamberale su alcuni importanti fascicoli industriali in Italia.Vito Gamberale: un passo indietro sul dossier ASPI da parte del Governo“S (continua)

La ricetta di Serenissima Ristorazione per il contenimento delle perdite a causa della pandemia

La ricetta di Serenissima Ristorazione per il contenimento delle perdite a causa della pandemia
Tommaso Putin, CFO di Serenissima Ristorazione, racconta le strategie adottate per affrontare i cambiamenti causati dal Covid-19 nella ristorazione collettiva Tommaso Putin, CFO di Serenissima Ristorazione, ha parlato in un’intervista della situazione attuale dell’azienda dopo un 2020 influenzato dallo scoppio della pandemia e delle strategie adottate per fronteggiarla.Serenissima Ristorazione: differenziazione di portafoglio e consegna soluzioni vincenti nel contrasto al Covid-19Il 2020 nella ristorazione collettiva ha comportato una flessione generale (continua)