Home > Sport > LA RAMPINADA É PER BIKERS ESIGENTI. GIÀ IN 400 ALLO START DI DAONE (TN)

LA RAMPINADA É PER BIKERS ESIGENTI. GIÀ IN 400 ALLO START DI DAONE (TN)

scritto da: Newspower | segnala un abuso

LA RAMPINADA É PER BIKERS ESIGENTI. GIÀ IN 400 ALLO START DI DAONE (TN)


 Domenica 5 giugno scatta la terza edizione della gara trentina

Al via i protagonisti di Trentino MTB e del fi’zi:k

Percorso ritoccato, allungato e ancor più spettacolare

Rampinada inclusa nel 1° Trofeo Giudicariese

 

 

In Valle di Daone, una delle zone più “selvagge” e allo stesso tempo più accoglienti e affascinanti del Trentino, la voglia di off-road si traduce  col vocabolo “Rampinada”. Domenica 5 giugno prossimo scatterà la 3.a edizione della prova in fuori strada, anche quest’anno secondo appuntamento del challenge Trentino MTB e anche quest’anno decisamente allettante per gli appassionati delle ruote grasse, per l’occasione dedicata all’assessore allo sport della località, tragicamente e prematuramente scomparso ed al quale è dedicato l’evento, “Memorial Dario Corradi”.

Mancano meno di dieci giorni e l’attesa si fa crescente, come assicura Matteo Brisaghella a capo del team organizzatore della Asd Ciclistica Val Daone, che sui propri taccuini ha già registrato oltre 400 bikers, con le ultime settimane che con ogni probabilità porteranno un’impennata al computo totale.

I numeri stanno quindi per oltrepassare la soglia record dello scorso anno, e, nello specifico, hanno già prenotato un pettorale tutti i protagonisti di Trentino MTB, dai vincitori della passata edizione del challenge Andrea Zamboni e Lorena Zocca (già sul podio anche della ValdiNon Bike del 15 maggio scorso), alla trentina Claudia Paolazzi, che nel 2010 piazzò i propri …artigli sul primo gradino della gara di Daone. A questi si aggiungono anche altri leader della parziale del circuito (dopo la prima gara in Val di Non) come i master Viktor Paris, Gilberto Perini, Rolando Inama e Silvano Janes.

La Rampinada 2011 è anche quarta prova del circuito fi’zi:k e, pure in questo caso, le teste di serie Paola Ferretti, Manuel Lama, Francesco Gambuti, Andrea Rui, Luca Giobelli, Stefano Salvatori, Mario Dalla Paola e Massimo Alcuniti saranno ai nastri di Località Pracul, sede di partenza e arrivo della gara trentina.

Per gli addetti ai lavori, la Rampinada di Daone è una gara “tecnica”, di quelle dove il fuoristrada si pratica al massimo esponente, anche in quel sentiero “infernale” in discesa di circa 1 km dove, parafrasando il sommo poeta, non occorre per nulla ragionare, ma semplicemente guardare (anche l’intimidatorio cartello iniziale “benvenuti all’inferno”) e passare. Anche perché fino ad allora saranno trascorsi solamente i primi chilometri di riscaldamento, con i passaggi per malga Boazzo e le frazioni di Lert e Manon. Da quel momento in poi, però, si entrerà nel clou della gara, con un primo transito nei pressi del traguardo e il rilancio in direzione di Daone. Da qui, a differenza della scorsa edizione, non si imboccherà più la mitica salita “della speranza”, ma una variante in single track che, oltre ad allungare di circa 500 metri il percorso (ora di 35,5 km complessivi), costringerà i concorrenti anche ad una breve …passeggiata bici in spalla, una cinquantina di metri molto tecnici.

Il tracciato poi proseguirà verso il ponte di malga Ribor e poi su, a malga Clef e al GPM di malga Lavanech a quota 1.784 metri. A questo punto non rimarrà altro che lanciarsi a tutta lungo la discesa spettacolare e veloce (per chi sa giocare bene con i freni), ripassando per l’acciottolato “infernale” affrontato poco dopo il via e che separa dal traguardo di Pracul, dove in definitiva si conosceranno gli eredi di Luca Ronchi e della Paolazzi, vincitori dell’edizione 2010.

Un’altra novità proposta dagli organizzatori della Rampinada 2011 è l’inserimento della gara del 5 giugno nella prima edizione del Trofeo Giudicariese Mtb, che prevede una speciale classifica combinata su quattro prove organizzate nelle valli Giudicarie, vale a dire la “9 Ore di Bondo” (2 luglio), la “Val del Chiese Bike” (20 agosto), la “24 Ore della Val Rendena” (4 settembre) e, come detto, la Rampinada di Daone. Lo speciale trofeo è riservato solamente ai residenti in questa zona di Trentino, un modo sicuramente stuzzicante per portare in sella un numero sempre maggiore di appassionati anche a livello locale.

Per quanto riguarda il week-end della Rampinada 2011, è confermato l’appuntamento di sabato 4 giugno con la prima Mini Rampinada, per le giovani leve che si avvicinano al pianeta delle ruote grasse. Sarà un circuito di 400 metri in zona Pracul, da compiere più volte a seconda della categoria (dai 6 ai 15 anni).

Il pacco gara della “Rampinada – Memorial Dario Corradi” 2011 comprende una confezione di farina DOP di Storo, integratori Gatorade, il buono pasta party, una confezione di pasta Felicetti, un paio di calzini personalizzati e altri prodotti locali.

A fine gara, tutti i corridori sono invitati al gustoso pasta party in zona arrivo, a cui potranno partecipare anche familiari e accompagnatori con un contributo simbolico di 5 Euro. Le iscrizioni alla gara rimangono bloccate a 27 Euro fino a domenica 29 maggio, dopodiché si salirà a 30 Euro e ci si potrà registrare fino ad un’ora prima del via.

L’evento di Daone è orchestrato dall’Asd Ciclistica Val Daone con il patrocinio della Provincia Autonoma di Trento, della Regione Trentino Alto Adige, del Bim del Chiese e dei Comuni trentini di Daone, Bersone e Pieve di Bono.

Info: www.rampinada.it


Fonte notizia: http://www.newspower.it/


sport | la rampinada | mountain bike | trentino mtb | daone |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

SU E GIÚ PER LA VALLE DI DAONE IN MTB. LA “RAMPINADA” SALE IN QUOTA


SCALATORI DENTRO LA “STALLA” A DAONE. UNA RAMPINADA UP&DOWN IL 5 GIUGNO


LA “RAMPINADA” SI AFFOLLA E SI ALLUNGA. A DAONE (TN) BOTERO SALAZAR VS RAMON BIANCHI


RAMPINADA: “PIATTO RICCO MI CI FICCO”. A DAONE LA MTB PROTAGONISTA A GIUGNO


GRANDE SUCCESSO PER LA COLLETTIVA IMPRESSIONI D’AUTORE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

DA LAGO DI TESERO 48 MINUTI DI “NORDIC SKI”. SKIRI TROPHY, LA VENOSTA, MARCIALONGA E…

DA LAGO DI TESERO 48 MINUTI DI “NORDIC SKI”. SKIRI TROPHY, LA VENOSTA, MARCIALONGA E…
Martedì 18 in onda la sesta puntata con interviste e news Tanti dettagli sulla 38.a edizione dello Skiri Trophy di sabato e domenica I commenti delle gare del weekend e curiosità su Marcialonga In onda su Trentino TV, AltoAdige TV, Welcome In TV e in streaming Di nuovo sul “palcoscenico” di Lago di Tesero! La sesta puntata della trasmissione “Nordic Ski” è stata ospite sul campo gara dello Skiri Trophy XCountry, l’evento dedicato ai giovani fondisti e in calendario questo fine settimana. Quasi un’ora di sci di fondo per entrare nel dettaglio della manifestazione proposta dal GS Castello, col presidente della società Alberto Nones, con Mario Broll, uno d (continua)

LA VENOSTA “OPEN” SI FA IN QUATTRO. GERMANIA, FINLANDIA, ITALIA E SVEZIA

LA VENOSTA “OPEN” SI FA IN QUATTRO. GERMANIA, FINLANDIA, ITALIA E SVEZIA
Colpaccio di Thomas Bing che recupera e vince la 33 km La finlandese Kati Roivas prenota il successo (33 km) fin dal via Il Team Internorm Trentino fa en-plein nella 23 km con Busin ed Eriksson Seconda gara nel weekend a Melago, successo in una splendida giornata di sole “La fortuna aiuta gli audaci”, ma certamente anche la determinazione. Gerald Burger per questo 2022 aveva programmato la 2.a edizione de La Venosta al Lago di Resia. Un’ambientazione unica per la 100.a tappa di Visma Ski Classics andata in scena ieri, ed anche per la gara di oggi, una ‘open’ valida anche come prova Challenger dello stesso circuito.Manca la neve? E allora tutti in Vallelunga, dove (continua)

IL RUGGITO DEI ‘VECCHI LEONI’ A LA VENOSTA. GJERDALEN E JOHANSSON, 10 KM DA RECORD

IL RUGGITO DEI ‘VECCHI LEONI’ A LA VENOSTA. GJERDALEN E JOHANSSON, 10 KM DA RECORD
La Venosta, quinta tappa di Ski Classics con un inedito formato Tord Asle Gjerdalen (1983) ha sorpreso tutti ed ha vinto con 18”99 su Nyenget Nel finale Britta Johansson Norgrenn (1983) mette il turbo e svernicia la Dahl Dopo i campioni delle lunghe distanze, domani gara open di 23 e 33 km Sole, cielo azzurro, neve, montagne da favola e… due grandi campioni. Oggi in Alto Adige Tord Asle Gjerdalen e Britta Johansson Norgren hanno dato la loro classica zampata vincendo la seconda edizione de La Venosta in un inedito format, una 10 km a cronometro da Kapron a Malga Melago. Spettatori inusuali stambecchi e camosci, risvegliati dal clamore dell’evento e dall’elicottero della TV: la Venos (continua)

CALCIATORI, RALLISTI, BIKERS E FONDISTI: LA MARCIALONGA È CALAMITA DI SPORTIVI

CALCIATORI, RALLISTI, BIKERS E FONDISTI: LA MARCIALONGA È CALAMITA DI SPORTIVI
Il 30 gennaio al via l’ex della Roma Riise, l’iridato Grönholm, Melandri, Longa e Valbusa Sport e politica: a dare il via il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia Pista pronta, Marcialonga in rampa di lancio, sarà la 49.a E poi la combinata Craft, perché Marcialonga è anche ciclismo e running Sono 11 anni che la Marcialonga non si disputa il 30 gennaio, la data fissa è quella dell’ultima domenica del primo mese dell’anno, come succederà tra poco più di due settimane. Fino ad oggi, la granfondo trentina si è corsa il 30 gennaio negli anni 1972, 1977, 1983, 1994, 2000, 2005 e 2011. Quest’anno ricorre la 49.a edizione e il fermento è molto, come sempre. La pista, conferma il direttore gen (continua)

Mythos, gesta degli dei sulle Dolomiti. MTB multitasking in Valle di Primiero

Mythos, gesta degli dei sulle Dolomiti. MTB multitasking in Valle di Primiero
Gli eroi della mtb alla 2a edizione della Mythos Primiero Dolomiti La società Pedali di Marca organizza tre gare il 10 settembre Tracciato Marathon per i ‘pro’, Classic ed Easy per amatori ed e-bikers Iscrizioni online già disponibili sul sito dell’evento ‘Mito’ deriva dal greco ‘mỳthos’, significa racconto, ma non un racconto qualsiasi. Si parla delle gesta di dei, semidei, eroi e mostri, di fenomeni naturali, dell’origine del mondo e si tenta di dare una spiegazione logica ai riti o alle domande che il popolo si pone. I ‘miti’ della marathon Mythos Primiero Dolomiti, il cui slogan appunto recita "Create miti su voi stessi, anche gli dei han (continua)