Home > Spettacoli e TV > «La Grande Storia» Rai3 un programma fortemente identitario

«La Grande Storia» Rai3 un programma fortemente identitario

scritto da: ItaliaBrandGroup | segnala un abuso


 La Grande Storia» in onda su Rai3 è un programma fortemente identitario e in linea con il concetto di servizio pubblico, nel suo senso più profondo e non come una bandierina da sventagliare per opportunismo. 

Venerdì sera mi è capitato di vedere una puntata della «Grande Storia» in onda su Rai3 (21.20): tra i vari cambiamenti che hanno investito la linea editoriale del canale, questo è rimasto un programma fortemente identitario e uno dei pochi davvero in linea con il concetto di servizio pubblico, quando lo si usa nel suo senso più profondo e non come una bandierina da sventagliare per opportunismo. Nei molti anni di programmazione, il modello della «Grande Storia» non ha perso smalto: oltre alla qualità dei documentari internazionali che riconfeziona per dar vita a serate tematiche, il suo pregio maggiore è la solidità dell’approccio alla materia storica, una divulgazione «hard» (è forse l’unico programma nei cui titoli di coda scorrono fonti e bibliografia, come ai tempi d’oro dell’«Approdo» negli anni Sessanta), con la figura di Paolo Mieli a fare da guida e garante scientifico dei contenuti.


La puntata di venerdì era dedicata a uno dei periodi storici più controversi e bui di sempre, l’ascesa del partito nazista e i tragici fatti che portarono alla Seconda Guerra mondiale e all’Olocausto. I documentari e gli interventi da studio hanno fatto luce su uno degli aspetti meno conosciuti ma più deviati e patologici del nazismo, ovvero l’uso sistematico e pianificato, tra soldati e gerarchi, di droghe che permettevano di minimizzare il senso di fatica e paura, potenziando la resa dei militari sul campo. Come ha spiegato anche lo psichiatra Vittorino Andreoli, l’invasione della Polonia fu preparata con una somministrazione a tappetto di metanfetamine ai soldati tedeschi, presto resi dipendenti da sostanze che li portavano oltre i limiti umani. Molto interessanti i documentari basati su immagini girate all’epoca dei fatti che sono stati restaurati per passare dal bianco e nero al colore, offrendo un ritratto di quegli anni inedito e incredibilmente vicino, monito a non dimenticare.

Fonte: 
Corriere.it

«La Grande Storia» Rai3 | Rai servizio pubblico | Paolo Mieli Rai «La Grande Storia» |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

10 giorni a “La Leggendaria Charly Gaul”, in scena anche una cronometro e “La Moserissima”


"Domenica In " - Mara Venier e Gianni Boncompagni i più amati della fortunata trasmissione. Lo dice il Web!


Rai3 ciclismo: i «fedeli del Tour» sono 1,3 milioni


Intervista di Alessia Mocci a Cristina Zaltieri: vi presentiamo “Spinoza e la storia”


VERNISSAGE IN GRANDE STILE DELLA “CHARLY GAUL”, PERSONAGGI LEGGENDARI ALLA CONFERENZA DI TRENTO


Risultati Campo dall’Orto, una Rai con diverse luci


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

RAI “Vita in diretta”, nel pomeriggio RAI si affaccia l’attualità

RAI “Vita in diretta”, nel pomeriggio RAI si affaccia l’attualità
 Di Antonio Dipollina Il POMERIGGIO di Rai 1 sta soprattutto nella rinnovata Vita In diretta: nuova gestione, di Andrea Vianello, e in conduzione accanto a Marco Liorni c’è Francesca Fialdini. Non esattamente una coppia dirompente e aggressiva ma non è un problema. O meglio: dall’altra parte c’è l’atomica Barbara D’Urso e bisogna farci i (continua)

“Che Tempo Che Fa” Ascolti Fazio programma più visto fascia prima serata

“Che Tempo Che Fa” Ascolti Fazio programma più visto fascia prima serata
 Ancora grandi ascolti per Fabio Fazio e “Che tempo che fa” che ieri sera è stato il programma più visto in prima serata (20.45/22.30) con 4 milioni 831 mila spettatori e uno share del 19% mentre la seconda parte con gli ospiti seduti al tavolo ha raggiunto il 15% di share e 2 milioni 861 mila spettatori. La media tra le due parti ha segnato 4 milioni di spettatori (continua)

Rai: CDA, Orfeo illustra dati ascolto

 Da inizio periodo di garanzia Rai unica a crescere rispetto a 2016. Rai cresce al 35,1% di share sull'intera giornata (+0,7%), al 36,2% sul daytime (+1,6) e al 36,6% sulla prima serata (+0,1). Forte il traino di Rai1 con il daytime che sale di quasi un punto con i programmi tradizionali della mattina e la nuova formula di Vita in diretta. Il Consiglio di Amministrazione della Rai si è (continua)

Parapini Romaeuropa Festival, l’impegno della Rai

Parapini Romaeuropa Festival, l’impegno della Rai
 Rai main media partner della 32esima edizione di Romaeuropa Festival. Giovanni Parapini: “Il nostro impegno vuole essere concreto e avrà molte declinazioni”. Il festival verrà seguito da Rai Cultura, Rai3, Radio3, Radio2, Radio Kids, Rai Ragazzi, Rai News 24, TG Lazio e GR del Lazio. “La Rai, in quanto TV di servizio, ha il diritto e il dovere di essere prese (continua)

RAI #Insiemepiùforti terremoto: La programmazione speciale per giovedì 24 agosto

RAI #Insiemepiùforti terremoto: La programmazione speciale per giovedì 24 agosto
 Tante iniziative tra speciali e approfondimenti su tutte le reti del servizio pubblico RAI. Sarà trasmessa in diretta la fiaccolata durante la notte. A un anno dalle prime scosse che hanno colpito il centro Italia, il racconto del terremoto da parte delle testate e delle reti Rai prosegue con un palinsesto speciale dedicato al ricordo del dramma del 24 agosto e alle difficoltà (continua)