Home > Arte e restauro > Affettatrice di design: il made in Italy a cui non potrete resistere

Affettatrice di design: il made in Italy a cui non potrete resistere

scritto da: Claudia Marchi | segnala un abuso

Affettatrice di design: il made in Italy a cui non potrete resistere


 

Un nuovo mercato di sta affermando nel nostro Paese, quelle delle affettatrici manuali. Il ritorno alle origini e il design vintage acquistano una nuova valenza!

 

I collezionisti appassionati e gli amanti delle affettatrici di una volta girano spesso per mercatini alla ricerca di pezzi unici con i quali arricchire le proprie collezioni. Il punto di riferimento in questo settore è senza dubbio Berkel, il brand che a livello globale designa l’affettatrice e rappresenta la perfezione meccanica, oltre che un raffinato senso estetico.

Un’affettatrice, soprattutto se antica, esige dei riguardi particolari e una manutenzione puntigliosa, che richiede però grandissime competenze tecniche: i collezionisti possono anche acquistare un pezzo eccezionale, ma quanti di loro sono in grado di restaurarlo o di manutenerlo e farlo funzionare?

Se l’obiettivo di chi acquista un’affettatrice manuale d’epoca è, sì, quello di farne bella mostra ma anche di utilizzarla, allora potrebbe essere una soluzione acquistarne una nuova ma fabbricata artigianalmente e secondo i criteri di una volta! Se poi l’affettatrice di design di nuova progettazione derivasse da un modello prodotto in Italia negli anni 50, acquisterebbe senza dubbio ancora più valore.

 

Imperial i33, affettatrice di design made in Italy

Se il vostro desiderio di avere un’affettatrice di design è sconfinato, non solo perché siete collezionisti ed estimatori, ma soprattutto perché avete un locale di un certo tipo in cui un’affettatrice meccanica a volano vintage starebbe benissimo, dovreste dare un’occhiata alla Imperial i33 di Poligoni Design.

Prodotta artigianalmente in provincia di Parma assemblando a mano 237 componenti meccanici in una giornata di lavoro, l’Imperial i33 è liberamente ispirata ad una macchina prodotta nel 1951, L’Artigiana b33. Ne riproduce fedelmente le forme sinuose ed ha una capacità di taglio eccezionale, che solo un prodotto realizzato da esperti artigiani e tecnici può avere.

 

Caratteristiche tecniche Imperial i33

L’Imperial i33 ha una struttura realizzata in ghisa al 100%; il suo peso notevole da 55 Kg la rende estremamente stabile. La lama concava in acciaio temprato, del diametro da 330 millimetri, è extra performante e permette un uso intensivo. L’affettatrice è provvista di certificazione CE per il contatto con gli alimenti.

Le cromature e le parti metalliche lucidate a specchio, le maniglie in legno sagomato e verniciato, il volano decorato con l’applicazione di sottili decori in ottone, incisi e dipinti, la disponibilità in varie colorazioni sono valori aggiunti alla perfezione di questa macchina, progettata, sviluppata e realizzata in Italia da Tomaga Industries per un pubblico esigente.

 

 

Maggiori info: www.poligoni.eu. 

affettatrice design |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Affettatrice di design, sempre più presente nelle case degli italiani


Affettatrici a volano: da chi acquistare


Da chi acquistare delle fantastiche affettatrici a volano made in Italy?


Made Rural: parliamo del “ Kapriol Dry Gin “ un prodotto da tenere d’occhio nel 2017


Impiattare a regola d’arte: servono affettatrice e grattugie!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Taglio delle lamiere: funzionamento e vantaggi del taglio al plasma

Una delle procedure più vantaggiose ed efficiente per tagliare con facilità qualunque tipo di lamiera è il taglio al plasma. Ma come funziona e perché conviene? Procedimento per effettuare il taglio Ossitaglio, taglio a getto d'acqua, plasma, laser sono solo alcune delle tecniche che possono essere impiegate per tagliare diversi tipi di lamiere. La tecnologia più diffusa nel mondo dell’industria e di cui ti parleremo oggi è quella del taglio al laser, un procedimento brevettato nel 1995 da Robert Gage per la Union Carbide.  Basandosi su (continua)

Lavorazione lamiera: partiamo dalle basi

La lavorazione della lamiera è un’attività siderurgica che si articola in tre fasi principali:• progettazione• taglio• lavorazioneLe tipologie di taglio principaliTra le numerose tipologie di taglio della lamiera possiamo distinguere:• ossitaglio• taglio al plasma• taglio al laserOssitaglioIl procedimento impiega la fiamma ossiacetilenica e permette di tagliare lamiere con spessori compresi tra gl (continua)

3 cosa da sapere sull’acciaio Strenx

3 cosa da sapere sull’acciaio Strenx
L’acciaio altoresistenziale Strenx è stato sviluppato da SSA con l’obiettivo di offrire prestazioni straordinarie in termini di resilienza e tenacità. Oggi ti presentiamo 3 punti che non puoi sottovalutare se stai considerando di utilizzarlo nelle tue lavorazioni siderurgiche. 1. Le caratteristiche principaliLe ottime caratteristiche dell’acciaio altoresistenziale Strenx provengono in gran parte dalle materie prime impiegate per la sua produzione. Il ferro prelevato dalla miniera LKAB è infatti particolarmente facile da ripulire, dando vita a un prodotto finito di qualità maggiore. Le lavorazioni successive che seguono collaborano a migliorare le caratteristi (continua)

Acciai antiusura: scopri di più su caratteristiche e impieghi

Caratteristiche e lavorazioniGrazie alla loro elevata durezza e resistenza, le lamiere di acciaio antiusura richiedono lavorazioni in foratura, fresatura e maschiatura che siano eseguite con gli utensili più consoni e impiegati con i corretti parametri di taglio. Nello specifico, qualsiasi sia la lavorazione, vanno evitati il più possibile vibrazioni e giochi, sia provvedendo al fissaggio ideale d (continua)

Packaging sostenibile: la svolta sostenibile della logistica

Packaging sostenibile: la svolta sostenibile della logistica
Il packaging dei domani Importanti passi in avanti sono stati fatti nel campo della logistica per imprimere una svolta sostenibile. Una delle prime modifiche adottate riguarda l’impiego di packaging di nuova generazione fatti con materiali più sottili e resistenti. Importante è tenere a mente che ridurre la quantità di materiale impiegata per la costruzione del packaging non significa ridur (continua)