Home > Informatica > Npo Sistemi e l’infrastruttura digitale per L’Eco della Stampa

Npo Sistemi e l’infrastruttura digitale per L’Eco della Stampa

scritto da: Marcomm | segnala un abuso

Npo Sistemi e l’infrastruttura digitale per L’Eco della Stampa


L’Eco della Stampa sta seguendo un percorso di innovazione della propria infrastruttura digitale. Un’esigenza che ha portato fin da subito risultati positivi in ottica di velocità e ridondanza dei sistemi

 

Cernusco sul Naviglio  – Npo Sistemi ha da poco terminato di realizzare per L’Eco della Stampa un network completamente ridondato attraverso tecnologie HPE. L’esigenza iniziale de L’Eco della Stampa era quella di poter proteggere e mettere in sicurezza i dati, consolidando i diversi sistemi di storage in un’unica soluzione innovativa, garantendo repliche fra i siti, snapshot, Disaster Recovery ad alte prestazioni. Inoltre necessitava di compatibilità fra i vecchi e i nuovi dati con una migrazione veloce, online e indolore.

Grazie a NPO Sistemi il network della infrastruttura de L’Eco della Stampa è divenuto oggi molto veloce e completamente ridondato con tecnologia IRF, dal momento che i server, le macchine virtuali, i database sui sistemi HPE 3PAR sono più veloci e soprattutto sicuri.
Il percorso di innovazione dell’infrastruttura digitale tramite il supporto di Npo Sistemi è partito dall’esigenza nata da diversi motivi organizzativi ma con un unico obiettivo: proteggere e mettere in sicurezza i dati, sempre più asset strategico per l’azienda, che negli ultimi decenni raccoglie informazioni non solo dal business tradizionale legato alle testate cartacee ma anche da Tv, web, radio e social media.

“L’esigenza di innescare un processo di trasformazione digitale – ha illustrato Gianfranco Cersosimo, responsabile dei sistemi de L’Eco della Stampa (nella foto), – è scaturito nel 2016 dalla necessità di consolidare i diversi sistemi di storage in un’unica soluzione innovativa, con sistemi che garantissero repliche fra siti diversi, snapshot, Disaster Recovery ad alte prestazioni, con tecnologia Flash. Una necessità che coinvolgeva non solo la parte di archiviazione dei dati ma anche la migrazione degli stessi, optando per una scelta che ne garantisse la compatibilità fra vecchi e nuovi, una migrazione veloce, online, ma soprattutto indolore”.

Data la complessità dei sistemi e la necessità di conoscere a fondo l’infrastruttura esistente, prima di innescare qualsiasi nuovo processo (L’Eco della Stampa attualmente usa più di 500 server fisici e altrettanto virtuali) è stato adottato un sistema di monitoraggio enterprise dei sistemi, per valutare ogni singola reale necessità infrastrutturale nel processo di migrazione e di innovazione.

Le esigenze legate al business e alla crescita di nuove minacce informatiche nell’ultimo trimestre del 2016 hanno spinto per accelerare ulteriormente i tempi di realizzazione del progetto.

“Definita la roadmap – ha proseguito Cersosimo – si è implementata la nuova tecnologia, riuscendo a renderla operativa in tempi record grazie a Npo Sistemi. Tutti i server di produzione, nonostante l’elevata eterogeneità dei sistemi de L’Eco della Stampa (operativi su Windows, Linux, Netware, OpenVMS), sono stati migrati al nuovo HPE 3PAR partendo da un sistema tradizionale HP EVA.”

Questo è il dettaglio delle tecnologie adottate:

– quattro Switch di HPE Datacenter Networking hanno sostituito i core Switch de L’Eco della Stampa, operando in modalità IRF e collegando a 20 Gigabit i due data center, centrale e secondario, per il Disaster Recovery.

– quattro sistemi HPE 3PAR StoreServ sono stati implementati e messi in replica fra loro, tra il sito primario e quello di Disaster Recovery, arricchiti di tecnologie Flash per gestionale e database e di soluzioni di thin provisioning, attivando tutti i meccanismi di replica e protezione del dato anche a livello applicativo con le suite di Recovery Management.

– HPE StoreOnce per il backup, la conservazione e il ripristino dei dati.

“A processo concluso – ha evidenziato Cersosimo – il risultato finale è stato appagante: il network della infrastruttura oggi è molto veloce e completamente ridondato con tecnologia IRF, dal momento che i server, le macchine virtuali, i database sui sistemi HPE 3PAR sono nettamente più veloci e soprattutto al sicuro, in grado di immunizzare e isolare un attacco ransomware. Anche l’attuale collegamento fra le due sedi con due bretelle in fibra bilanciate da 10 Giga ci fanno raggiungere i 20 Giga di velocità complessiva”.

Il processo di trasformazione digitale non si fermerà qui, dal momento che l’infrastruttura HPE 3PAR, unita agli Switch di HPE Datacenter Networking, ha aperto uno scenario molto più ampio di quanto progettato inizialmente, spingendo l’azienda a implementare tutte le nuove caratteristiche dei due prodotti alla ricerca di una business continuity ottimale.

A breve seguiranno, infatti, l’implementazione di un secondo sistema StoreOnce con deduplica dei dati archiviati e il progetto di rinnovo delle macchine del sistema gestionale su sistemi HP Integrity.

“Potrei elencare i mille vantaggi di avere un intero network ridondato con tecnologie HPE”, ha concluso Cersosimo, riflettendo già sui progetti futuri indirizzati al perfezionamento costante dei servizi dell’azienda.

Il processo di digital transformation de L’Eco della Stampa non si ferma qui.

CRM | Gianfranco Cersosimo | L’Eco della Stampa | Npo Sistemi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

A supporto di ogni istanza IT c’è il Service Desk di Npo Sistemi


Npo Sistemi diventa partner di Informatica


Npo Sistemi: obiettivo Zero Downtime per l’infrastruttura aziendale


Npo Sistemi: Servizi Cloud e Datacenter mirati per gestire adeguatamente le applicazioni vitali delle aziende


Tante novità nell’offerta formativa di Npo Sistemi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L’Innovation Wave del DUGIT

L’Innovation Wave del DUGIT
Condivise esperienze, criticità e opportunità delle tecnologie MS Dynamics e D365. Lo scorso 13 luglio il DUGIT ha organizzato il primo di due consueti eventi nel corso dell’anno solare che fanno il punto sui lavori svolti e soprattutto sui nuovi annunci Microsoft. DUGIT, acronimo di Dynamics User Group Italia, è l’unica community italiana di CIO e IT Manager utilizzatori delle tecnologie MS Dynamics e D365 ed è ufficialmente riconosciuta da Microsoft. DUGIT, aperta a tutte le a (continua)

AUSED: iPaaS, Integration Platform as a Service

AUSED: iPaaS, Integration Platform as a Service
Integrare dati, applicazioni e processi nascondendo la complessità Nell’ambito delle attività associative Aused2021, lo scorso 6 luglio si è svolto un webinar nel quale si è voluto sviluppare il tema del dell’Integration Platform as a Service. La community di AUSED si è confrontata sul tema dell’integrazione di dati, processi e sistemi attraverso l’esperienza di Giorgio Puglia, CIO di una nota azienda di elettrodomestici, che ha recentemente introdotto nel s (continua)

AUSED: BTaaS, Business Transformation as a Service

AUSED: BTaaS, Business Transformation as a Service
La Community AUSED si è confrontata su un nuovo modello per le imprese La community di AUSED si è confrontata lo scorso 23 giugno all’interno di un webinar su un nuovo modello evolutivo per le imprese denominato BTaaS, Business Transformation as a Service.Durante l’incontro hanno interagito Carla Masperi, Enrico Lanfranconi e Roberto Fraccapani (rispettivamente Chief Operating Officer, Cluster Sales Leader – S/4Hana Cloud and Platform & Technology e Head of Presa (continua)

Sanità e Cybersecurity – Tavola rotonda in streaming il 16 giugno, ore 10.00

Sanità e Cybersecurity – Tavola rotonda in streaming il 16 giugno, ore 10.00
Il settore della sanità è sempre più digitale, e aumentano i rischi per le architetture gestionali delle strutture, come per i dispositivi medici. Clusit, in collaborazione con AIIC, AISIS, AUSED presenta:Healthcare Security Summit 2021Tavola rotonda in streaming il 16 giugno, ore 10.00 Il settore della sanità è sempre più digitale, e aumentano i rischi per le architetture gestionali delle strutture, come per i dispositivi medici.Le quattro Associazioni analizzano lo stato dell’arte, a partire da una ricerca inedita di Bitdefe (continua)

AUSED: Data Security, uguale a Brand Security

AUSED: Data Security, uguale a Brand Security
Data e Brand Security al centro del webinar dello scorso 9 giugnoI CIO di AUSED, insieme ad Antonio Pusceddu (Secureworks – parte di Dell Technologies) e Fabio Zezza (Dell Technologies, divisione DPS), si sono confrontati il 9 giugno scorso sui temi della Data Security. Un webinar incentrato non tanto sulle tecnologie ma sulla Vision che traina fortemente il tema della sicurezza dei Dati e del Bra (continua)