Home > Primo Piano > Stefano Velatta, 40 miglia: Paura sia mia che di Giorgio di aver sbagliato strada

Stefano Velatta, 40 miglia: Paura sia mia che di Giorgio di aver sbagliato strada

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Stefano Velatta, 40 miglia: Paura sia mia che di Giorgio di aver sbagliato strada


Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Un’occasione ghiotta per Stefano, dell’Olimpia Runners, partecipare alla 40 miglia e confrontarsi con atleti di calibro come Buccilli specialista in maratona e Calcaterra Re della 100k. Il mondo degli ultrarunner è molto amichevole, si è disposti a confrontarsi e ad apprendere dagli altri, c’è meno tensione e meno stress rispetto ad altre specialità dove gli atleti sono più agguerriti. Di seguito Stefano racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. Complimentissimi, com'è andata? Buccilli imprendibile? Soddisfatto? “Buccilli è un atleta fortissimo, un grande sulle mezze e maratone però, come ha dimostrato, riesce ad esprimersi ad alto livello anche su distanze più lunghe...su una 100 potrebbe fare bene secondo me ma lui ha ancora da dare tanto in maratona, è giovane avrà tempo per provarci. È proprio grazie a Carmine, sua sorella e a suo cognato Manuel, persona fantastica, che ho potuto partecipare a questa bellissima ultra. Buccilli e Manuel mi misero in contatto con l’organizzatore Luigi Turchetta che mi ha invitato ed ho detto subito sì.” Stefano sembra essere consapevole delle sue potenzialità e dei suoi relativi limiti, concordo sulla sua analisi su Buccilli che sembra essere, per il momento, un atleta che potrebbe ancora migliorare in maratona e cercare di far bene per farsi notare e ambire a un posto in maglia azzurra avendo un personale credo attorno alle 02h16’, per lui c’è tempo per dedicarsi alla 100km, e comunque sono scelte difficili da fare. Momenti critici, problemi, esigenze particolari durante la gara? “Momento critico sulla salita dura del percorso al 38esimo km ma non per la fatica, anzi salivo facile, ma per la paura sia mia che di Giorgio di aver sbagliato strada, avevo la sensazione di tornare indietro invece per fortuna era corretta.” In gare lunghe a volte si rischia di perdere la retta via, ci si trova in poche davanti e c’è sempre il timore di fare chilometri in più perdendo tempo prezioso. Avevi abbigliamento e integrazione idonei, ti è mancato qualcosa che non avevi considerato? “Sono partito in canottiera, Giorgio invece era più coperto, sapeva cosa ci aspettava, ma non ho patito il freddo anzi in alcuni punti del percorso sentivo aria calda e dopo gara sotto la doccia Giorgio rideva quando gli dicevo che sentivo aria bollente durante la corsa. Di solito mi faccio seguire da mia figlia in bicicletta ma domenica non mi sembrava proprio il caso quindi non avevo niente se non 2 gel, acqua non ci mancava. Anche Giorgio era solo.” Pensieri, sensazioni, emozioni, prima, durante, dopo la gara? “L’emozione più grande è stata vedere Calcaterra alla partenza ed ero convinto che si involasse con Carmine subito dopo lo sparo invece non lo ha seguito anche perché è andato via subito molto forte ed io sono riuscito a stare con Giorgio. Ogni tanto guardavo l’orologio e pensavo 5km fatti al fianco del re posso raccontarlo ai miei amici poi 10km e ancora 20, non mi sembrava vero, si correva sul filo dei 3'40"/3"45" quindi allegro tenendo conto cosa veniva giù dal cielo e da sotto acqua costantemente alle caviglie e in alcuni tratti anche di più. Poi a 9 km dall' arrivo Giorgio si stacca ed io non ho attaccato ho solo continuato con mio passo cercando una progressione ad ogni km che mi separava dall' arrivo anche per testarmi e questo mi ha permesso di recuperare 4' su Carmine All'arrivo tanta gioia sarei stato felice anche di fare terzo logicamente arrivare secondo mi dà tanto morale per il futuro ma sto con i piedi per terra perché lo so, oggi vai forte domani non si sa quindi mi godo il momento è continuo ad allenarmi seriamente.” Bello vedere l’evoluzione di se stessi attraverso le gare e il confronto con altri atleti, atleti idoli diventano amici e avversari di gara, poi quando superi il maestro e soprattutto quando lasci dietro il RE della 100km Giorgio Calcaterra, ti rendi conto che sei a buon punto, che sei cresciuto atleticamente e come persona, che stai su un trampolino che potrebbe far indossare prossimamente una maglia azzurra importante, bisogna solo continuare così a centrare obiettivi e fare gare mirate che ti mettono addosso l’attenzione dei mass media, degli osservatori della Nazionale Italiani, di eventuali sponsor, sempre restando con i piedi per terra. Hai scoperto ancora qualcosa di nuovo in te stesso, negli altri atleti? “In me stesso ho scoperto che sto migliorando sulla gestione della gara, uso di più la testa e limito gli sbagli.” E questo è importante in questo tipo di gare, la gestione delle energie e degli impulsi, un passo alla volta con piccoli obiettivi all’interno della stessa gara, e questa gara offriva tanti obiettivi, stare al paso del Re Giorgio, salire sul podio, il titolo di campione Italiano IUTA 40 miglia, e Stefano, senza farsi prendere dalla fretta e dall’ingordigia è riuscito a spuntare tutti e tre gli obiettivi risalendo il Liri sotto una pioggia incessante. Organizzata bene la gara, percorso, ristori? “La gara è stata organizzata molto bene, personalmente Luigi mi ha trattato come un Top runner, se non di più, ed io ho dato il massimo proprio per onorare la sua gara e il suo invito. Purtroppo qualche problemino sul percorso c è stato ma chi ha corso si è reso conto del finimondo che stava accadendo e capirà. Ristoro ogni 5km, peccato perché Luigi aveva ingaggiato una nutrizionista per preparare a puntino tutto quanto dai carboidrati alle proteine investendo un sacco di soldi ma quasi tutto è stato distrutto dall'alluvione.” Stefano è comunque un top runner, un atleta che quest’anno ha conquistato 4 titoli italiani, purtroppo la gente che si ingaggia non è resiliente come lo sono gli atleti. Tifo, sostegno, famiglia, amici, com'era? “Tifo poco, era impossibile stare a guardare la gara, un fiume sulle strade.” Cambia qualcosa con questo nuovo titolo, davanti a Re Giorgio? “Come accennavo prima vado avanti, massimo rispetto per Calcaterra, lui è il numero uno sulle ultra, amato da tutti ci sarà un motivo...dopo la gara ha preso il microfono e mi ha ringraziato pubblicamente, quanti l’avrebbero fatto del suo livello? Nessuno, penso lui si perché lui è Giorgio Calcaterra.” Giorgio è unico, esclusivo, un campione affermato e riconosciuto da un paio di decenni, Re della 100 km incontrastato che non sa dire di no a persone, atleti e organizzatori, a volte è presente in tantissime gare dalle 10km alla 100km, senza risparmiarsi. Prossime gare, obiettivi? “Adesso farò qualche maratona, Venezia Reggio Emilia e qualche mezza, poi sicuramente Seregno la 100km. Obbiettivo: fare da gregario a Giorgio al prossimo mondiale di 100km, sarebbe un altro sogno da realizzare ma vediamo parlerà la strada.” In effetti è sulla buona strada Stefano e sembra che per lui il meglio debba ancora venire. Per approfondimenti sugli ultrarunner è possibile consultare il libro Ultramaratoneti e gare estreme di Matteo Simone (Autore). Prospettiva Editrice (21 novembre 2016). Collana: Sport & Benessere Classifica Bestseller di Amazon: n. 45 in Libri > Sport > Corsa e maratona Ordinabile in siti di vendita online e ordinabile in tutte le librerie d'Italia. Ad esempio su ibs https://www.ibs.it/ultramaratoneti-gare-estreme-libro-matteo-simone/e/9788874189441 http://www.lafeltrinelli.it/libri/matteo-simone/ultramaratoneti-e-gare-estreme/9788874189441 (dove si può anche prenotare online e poi ritirare in libreria) Inoltre è in uscita il libro Maratoneti e ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida. Classifica Bestseller di Amazon: n. 46 in Libri > Sport > Corsa e maratona https://www.edizioni-psiconline.it/anteprime/maratoneti-e-ultrarunner-aspetti-psicologici-di-una-sfida.html Matteo SIMONE www.psicologiadellosport.net/eventi.htm http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html https://www.ibs.it/ultramaratoneti-gare-estreme-libro-matteo-simone/e/9788874189441

Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Sung Ho Choi, ultrarunner: C'è tempo per lo sport e anche tempo per divertirsi!


Stefano Velatta vincitore del titolo di Campione Italiano 6 ore corsa su strada


agoda.it diventa partner di Delta Air Lines


Stefano Velatta vince la 6 ore Coratina: Io alleno anche la testa


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mattia Pisanello, arbitro di calcio: Il sogno è arrivare in serie A

Mattia Pisanello, arbitro di calcio: Il sogno è arrivare in serie A
Lo sport è un’opportunità per conoscere se stesso, conoscere l’altro, conoscere regole, apprendere dall’esperienza. A volte non basta praticare sport ma si vuol anche cambiare ruolo come per esempio diventare allenatore, dirigente, arbitro. Di seguito Mattia racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. Quando ti sei sentito campione nello sport? “Mi sono sentito campione nello sport all'esordio in ogni nuova categoria, dai giovanissimi provinciali alla prima categoria (attuale categoria di appartenenza). L'esperienza più soddisfacente è stata arbitrare la finale di giovanissimi provinciali nel 2019, dopo solo 1 anno di arbitraggio effettivo, la partita più bella invece è stata arbitrare uno scontro diretto per la qualificazione ai play-off di Prima Categoria con sugli spalti circa 1500 spettatori”. Dal 2018 la mia passione si è consolidata nel calcioMatteo SIMONE380-4337230 - 21163@tiscali.it Lo sport è un’opportunità per conoscere se stesso, conoscere l’altro, conoscere regole, apprendere dall’esperienza. A volte non basta praticare sport ma si vuol anche cambiare ruolo come per esempio diventare allenatore, dirigente, arbitro. Di seguito Mattia racconta la sua esperienza rispond (continua)

Giovanni De Gennaro, canoista: Ringrazio di cuore chi mi tifa e chi sostiene

Giovanni De Gennaro, canoista: Ringrazio di cuore chi mi tifa e chi sostiene
Giovanni De Gennaro, Gruppo Sportivo dei Carabinieri (ex Corpo Forestale dello Stato), vince il titolo europeo Junior a squadre nel 2009 a Liptosky (SVK) e nel 2010 a 18 anni si laurea Campione del Mondo Junior a Foix (FRA). Nel 2011 a 19 anni al Mondiale Senior di Bratislava (SVK) vince il bronzo a squadre. Giovanni nel 2012, vince l'oro del mondiale under 23 a squadre di Wasau (USA). Nel 2013 conquista la medaglia di bronzo ai mondiali U23. L’anno successivo conquista l'argento al mondiale U23 australiano. Ha rappresentato l'Italia ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro 2016 con un 7º posto. Nel 2017 vince l'oro alla Coppa del Mondo K1 di Markleeberg (Germania) e l'oro dello slalom K1 dell'ICF Ranking di Ivrea. Nel 2018 vince l'oro alla Coppa del Mondo di La Seu d'Urgeil in Spagna. Il 2019 ancora oro alla gara di Coppa del Mondo K1 di Tacen (Slovenia) e oro al K1 slalom dell'ICF Ranking di Tacen (Slovenia). Nel 2020 vince il suo 4º titolo di Campione Italiano a Ivrea. Nel 2021 conquista il pass per i Giochi della XXXII Olimpiade di Tokyo. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Giovanni attraverso risposte ad alcune mie domande. Complimenti, il significato di questa qualificazione olimpica? La qualifica olimpica è una tappa importante nel mio percorso, sono felice di poter continuare a lavorare per una medaglia olimpica. Matteo SIMONE  Giovanni De Gennaro, Gruppo Sportivo dei Carabinieri (ex Corpo Forestale dello Stato), vince il titolo europeo Junior a squadre nel 2009 a Liptosky (SVK) e nel 2010 a 18 anni si laurea Campione del Mondo Junior a Foix (FRA). Nel 2011 a 19 anni al Mondiale Senior di Bratislava (SVK) vince il bronzo a squadre.  Giovanni nel 2012, vince l'oro del mond (continua)

Lilli Gelmini vince Ledroman Triathlon Sprint 1h06’32”, record femminile gara

Lilli Gelmini vince Ledroman Triathlon Sprint 1h06’32”, record femminile gara
Domenica pomeriggio 11 luglio 2021 ha avuto luogo la 8^ edizione del triathlon sprint Ledroman. Tra le donne Lilli Gelmini (707 Team Minini) ha vinto la prova femminile in 1:06:32 nuovo record femminile sulla gara, precedendo Francesca Crestani (CY Laser Tri Schio) 1h08’57” e Chiara Cavalli (Cus Parma). Fortissima Gelmini nelle tre frazioni, soprattutto nuoto e bici, e ottime le transizioni. Tra gli uomini il vincitore è stato Davide Uccellari (Fiamme Oro) in 58’43 precedendo Jacopo Butturini (CUS Verona) 1h00’04” e Mattia Zontini (Raschiani Triathlon) 1h01’44”. Ottima la frazione di corsa di Uccellari in 15’47”. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Lilli attraverso risposte ad alcune mie domande post gara. Ciao Lilli, complimenti per la vittoria, te l'aspettavi? Ci hai lavorato e come? Non mi aspettavo di vincere perché ho deciso all'ultimo momento di partecipare alla gara solo per fare un po' di ritmo gara prima delle prossime competizioni, però una volta fischiata la partenza mi sono sentita subito bene e ci ho creduto fino al traguardo. Mio papà è praticamente sempre presente alle gare e il suo supporto è fondamentaleMatteo SIMONE Domenica pomeriggio 11 luglio 2021 ha avuto luogo la 8^ edizione del triathlon sprint Ledroman. Tra le donne Lilli Gelmini (707 Team Minini) ha vinto la prova femminile in 1:06:32 nuovo record femminile sulla gara, precedendo Francesca Crestani (CY Laser Tri Schio) 1h08’57” e Chiara Cavalli (C (continua)

Anna Arnaudo, 10.000m Europei U23, argento e record nazionale U23

Anna Arnaudo, 10.000m Europei U23, argento e record nazionale U23
Il 9 luglio 2021, Anna Arnaudo ha conquistato la medaglia d’argento sui 10.000 metri ai Campionati Europei under 23 a Tallinn (Estonia). La vincitrice è stata Jasmijn Lau in 32’30”49 seguita da Anna Arnaudo che ottiene il suo Personal Best e record Under 23 in 32’36”98 (il precedente di 32:38.96 era di Allison Rabour del 1989) al terzo posto si classifica Lisa Oed 33’35”99, sfiora il podio Gaia Colli che comunque ottiene il suo Personal Best 33’44”90. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Anna attraverso risposte ad alcune mie domande, la mattina prima della gara. Complimenti per la convocazione in nazionale, ti senti pronta? Assolutamente sì. Sono tranquilla ed è una bellissima sensazione perché so che ho la possibilità di onorare la maglia azzurra. È l'ultima gara di una stagione che è andata molto beneMatteo SIMONEPsicologo, Psicoterapeuta Il 9 luglio 2021, Anna Arnaudo ha conquistato la medaglia d’argento sui 10.000 metri ai Campionati Europei under 23 a Tallinn (Estonia). La vincitrice è stata Jasmijn Lau in 32’30”49 seguita da Anna Arnaudo che ottiene il suo Personal Best e record Under 23 in 32’36”98 (il precedente di 32:38.96 (continua)

Sandro: Grazie alla generosità degli atleti dell'Atletica La Sbarra ho iniziato a correre

Sandro: Grazie alla generosità degli atleti dell'Atletica La Sbarra ho iniziato a correre
Prossimi obiettivi a breve, medio, lungo termine? Sogni da realizzare e realizzati? “Nel breve: percorrere 1 km lanciato in 4:00/4:15. Nel medio: migliorare notevolmente le prestazioni che ho ottenuto nelle mie 2 gare. Nel lungo: vincere una gara. Sogni da realizzare: insidiare i record sui 5.000 e 10.000 di Salvatore Antibo. Sogni realizzati: per me il semplice fatto di aver corso in gara è già un sogno realizzato. Vorrei ringraziare tutti gli atleti che mi hanno aiutato a raggiungere questo sogno. Grazie amici ve ne sono riconoscente. Sandro M.". Un’intervista a Sandro è riportata nel mio libro “Sport benessere e performance. Aspetti psicologici che influiscono sul benessere e performance dell’atleta”, edito da Prospettiva Editrice. Sandro: Essendo io un ipovedente era impensabile correre per meMatteo SIMONE380.4337230 - 21163@tiscali.it Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Io sono un neo sportivo, ho iniziato a correre da 2 mesi, ma in 2 occasioni mi sono sentito un campione: 1 metro dopo il traguardo delle mie 2 uniche prime gare (Staffetta 12x30 e maratonina 10km). Non avevo mai p (continua)