Home > Economia e Finanza > Marebonus autotrasporto, siamo ancora in fase di stallo

Marebonus autotrasporto, siamo ancora in fase di stallo

scritto da: Webmasterdeslab | segnala un abuso

Marebonus autotrasporto, siamo ancora in fase di stallo


 Da sempre considerato un volano per la nostra economia, il trasporto merci intermodale in Italia continua a subire clamorosi rallentamenti per cause meramente burocratiche. Il problema questa volta riguarda il Marebonus, ovvero l’incentivo rivolto agli autotrasportatori finalizzato ad incoraggiare l’utilizzo delle vie di trasporto marittime. A pochi giorni dal decreto attuativo che di fatto sancisce l’entrata in vigore della misura, permangono ancora molti dubbi circa la sua applicabilità.

A sollevare la questione è Confitarma – la Confederazione Italiana Armatori – la quale ha sollecitato il MIT a chiedere alla Commissione Europea chiarimenti definitivi a tal proposito. È stata proprio quest’ultima, infatti, ad autorizzare l’Italia a concedere questo tipo di incentivo con una decisione dello scorso 19 dicembre 2016, inconsapevole evidentemente del fatto che sarebbero sorti dubbi di interpretazione circa il concetto di “aiuto”.

Come sottolineato da Confitarma, la decisione prevede da un lato l’obbligo per gli armatori (cioè le compagnie di navigazione) di ribaltare almeno il 70% dell’aiuto agli autotrasportatori; dall’altro che lo stesso non superi l’importo di investimenti sostenuti dall’armatore per poter accedere all’incentivo. In sostanza, ciò significa che le compagnie di navigazione sono tenute a recuperare solo gli investimenti effettuati per accedere all’incentivo, ribaltando ai camionisti il 70% del contributo ricevuto.

Ma tutto questo come si può spiegare in cifre? L’importo del Marebonus stabilito dalla scorsa Legge di Stabilità è di 128 milioni di euro, di cui 38 mln (30%) sono destinati a ricoprire gli investimenti sostenuti dagli armatori e 90 mln (70%) a favore degli autotrasportatori. Tuttavia, l’interpretazione letterale della decisione, secondo Confitarma, sarebbe più restrittiva e definirebbe un altro scenario, e cioè che l'intero contributo ricevuto dalle compagnie di navigazione viene considerato "aiuto" e pertanto, per garantire agli autotrasportatori gli stessi 90 milioni di euro, le compagnie di navigazione dovrebbero investire per miglioramenti dei servizi esistenti ben 128 milioni di euro, ovvero l'intero stanziamento previsto per il Marebonus, recuperando al massimo 38 milioni di euro.

Se così fosse resterebbero privi di compensazione ben 90 milioni di investimenti che l'armamento dovrebbe sostenere per poter consentire all'autotrasporto di usufruire dell'incentivo. Insomma, ci troviamo di fronte a una bella matassa da sbrogliare che necessita urgentemente un’interpretazione chiara e coerente con quanto indicato dalla Commissione Ue soprattutto, fa capire Confitarma, se dovesse valere l’ultima ipotesi.


Fonte notizia: http://www.autotrasportiprocacci.it


autotrasporto | trasporto con bisarca | trasporto autovetture |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

“Bruciati vivi”, il secondo libro di Daniela Stallo


Autotrasporto: le principali misure della Legge di Bilancio 2020


L’autotrasporto italiano punta sulle tariffe minime


Firmacopie per l'autrice Daniela Stallo alla Libreria Feltrinelli Pisa sabato 26 giugno


Legge Bilancio 2017: cosa perde e cosa ci guadagna l’autotrasporto


Autotrasporto: in arrivo nuove misure nella Legge fiscale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L’offerta di inizio 2022 di Immobiliare Cambio Casa: attività commerciale a Taranto zona Lama

L’offerta di inizio 2022 di Immobiliare Cambio Casa: attività commerciale a Taranto zona Lama
Agenzia immobiliare a Taranto Cambio Casa: vendita attività commerciale di lavanderia avviata con macchinari di ultima generazione. Un’opportunità imperdibile per chi pensa di avviare un’attività commerciale a Taranto: si può descrivere in questo modo l’offerta di inizio anno di Cambio Casa, l’agenzia immobiliare a Taranto sempre attenta alle esigenze emergenti del mercato degli immobili. Partiamo anzitutto dal locale, di recentissima costruzione e situato al piano terra in una zona densamente popolata in via Carlo Mag (continua)

Manovra finanziaria e riqualificazione energetica: la norma “Salva-infissi”

Manovra finanziaria e riqualificazione energetica: la norma “Salva-infissi”
Infissi in legno e Superbonus 110%: la norma Salva-infissi che consente la proroga dei lavori di riqualificazione trainati. La Manovra finanziaria 2022 conferma la proroga delle agevolazioni fiscali dedicate agli interventi per la ristrutturazione delle abitazioni, tra cui la sostituzione degli infissi nell’ambito del Superbonus 110%. Tuttavia, si è reso necessario un intervento correttivo alla Legge di Bilancio per far sì che questo accadesse. Ciò che si stava profilando, infatti, era la mancata proroga degli (continua)

Goudotostes Angelii: dalle montagne del Madagascar un nuovo coleottero

Goudotostes Angelii: dalle montagne del Madagascar un nuovo coleottero
Trattamento antitarlo: la scoperta in Madagascar del Goudotostes Angelii, un coleottero microscopico capace di mimetizzarsi. Microscopico e potenzialmente un bersaglio del trattamento antitarlo: dalle montagne del Madagascar arriva la scoperta, tutta italiana, di un nuovo coleottero tropicale, ovvero il Goudotostes Angelii. Presente negli ambienti umidi delle foreste pluviali dell’isola africana, questo insetto è stato scoperto dall’entomologo bresciano Alberto Ballerio, setacciando le foglie cadute e utilizzando a (continua)

Omofobia, spray peperoncino salva ragazzo da pestaggio

Omofobia, spray peperoncino salva ragazzo da pestaggio
Violenza e omofobia: un ragazzo riesce a salvarsi da un’aggressione veemente grazie allo spray urticante. Essere vittima di un linciaggio perché omossessuale, un fenomeno sociale che, assieme alla violenza sulle donne, dilaga ormai inesorabilmente in ogni parte del mondo. Non a caso, l’omofobia è un tema centralissimo nel dibattito politico-sociale di oggi. E uno spray antiaggressione, anche in questo caso, può salvare davvero la vita delle persone. Questo è successo qualche giorno fa ad un rag (continua)

Immobili: la pandemia non lascia ripercussioni sui mercati

Immobili: la pandemia non lascia ripercussioni sui mercati
Effetti della pandemia e prospettive del comparto immobiliare: cosa pensano gli agenti immobiliari in Italia. La pandemia da Covid-19 e la ripresa della curva dei contagi in Italia non sembrano mutare in peggio il quadro relativo al settore immobiliare. A dirlo è l’indagine congiunturale sul mercato condotta da Banca d’Italia, Agenzia delle Entrate e TecnoBorsa su un campione di 1425 agenti immobiliari, al fine di comprendere lo stato di salute del comparto nel periodo fine 2021 e inizio 2022. Per (continua)