Home > Cibo e Alimentazione > Affettatrice di design, sempre più presente nelle case degli italiani

Affettatrice di design, sempre più presente nelle case degli italiani

scritto da: Claudia Marchi | segnala un abuso

Affettatrice di design, sempre più presente nelle case degli italiani


 

Grandi o piccole, meccaniche o elettriche: le affettatrici di design si stanno diffondendo rapidamente nelle case del Bel Paese!

 

Vi ricordate le case delle vostre nonne o bisnonne? Avete avuto la fortuna di trascorrere momenti della vostra vita nelle loro cucine, o vi ricordate quelle vecchie fotografie che ritraggono cucine, tinelli e focolari di una volta?

Una differenza fondamentale con le cucine moderne l’avrete notata senza dubbio: la “povertà” di strumenti a disposizione delle massaie e l’austerità degli ambienti, molto spartani e di certo poco confortevoli, anche se probabilmente legati a bellissimi ricordi della vostra infanzia. Rispetto alle cucine contemporanee, così piene di accessori ed elettrodomestici, le cucine di un secolo fa sembrano preistoria!

 

L’affettatrice: il trait d'union da antico e moderno

Esiste tuttavia uno strumento che potrebbe fungere da filo conduttore e unire idealmente le cucine antiche e quelle moderne: l’affettatrice. Inventata da Wilhelmus van Berkel a Rotterdam nel 1898, l’affettatrice ebbe subito un enorme successo, dapprima negli ambienti professionali come le botteghe dei macellai e poi anche nelle case. Certo, 100 anni fa non tutti potevano permettersene una: all’epoca l’affettatrice era uno strumento da considerarsi senza dubbio di lusso.

Con il boom economico della metà del Novecento anche l’affettatrice entrò nelle case, insieme ad altri numerosi elettrodomestici. Oggi si pensa ad essa come a uno strumento non solamente funzionale, ma come un vero e proprio status symbol di chi la possiede.

L’affettatrice oggi viene riscoperta come oggetto di design e se ne cercano esemplari rari e da collezione, che oltre a svolgere validamente il proprio dovere fungano anche da complemento d’arredo per cucine sempre più di tendenza.

In virtù di questa nuova gioventù dell’invenzione di Berkel, alcune aziende hanno pensato di creare dei modelli vintage stilizzati che riproducono fedelmente vecchie affettatrici meccaniche a volano, impreziosite magari da dettagli cromati e vernici retrò. Di affettatrici di design oggi è pieno il mercato: per questo, se avete intenzione di acquistarne una, è bene che vi rivolgiate ad un produttore degno di nota, che realizza i suoi modelli secondo precisi canoni tecnici e storici!

 

Tomaga Imperial I33: design made in Italy

L’affettatrice meccanica a volano Tomaga Imperial I33 è un’invenzione di Poligoni Design, azienda artigiana di Fidenza (Parma) con esperienza nella progettazione e realizzazione di cucine professionali. L’Imperial I33 è liberamente ispirata al modello L’Artigiana B33, realizzato a Parma nel 1950. Poligoni riedita e riproduce quest’affettatrice meccanica a volano di alta gamma, in una versione vintage stilizzata, destinata a una clientela di privati e di professionisti esigenti. È un prodotto unico e d’eccezione, realizzato artigianalmente e totalmente assemblato a mano (237 componenti meccanici – 8 ore di assemblaggio per affettatrice). L’affettatrice Imperial I33 è un oggetto dall'estetica incomparabile, caratterizzato dalla grande qualità dei materiali e delle rifiniture, ingombro limitato e grande capacità di taglio. 

Desiderate anche voi avere un oggetto così particolare a casa? Contattate Poligoni Design per avere informazioni tecniche: www.poligoni.eu. 

affettatrice design |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

#POLIdesignWeek


Affettatrice di design: il made in Italy a cui non potrete resistere


Affettatrici a volano: da chi acquistare


Da chi acquistare delle fantastiche affettatrici a volano made in Italy?


Impiattare a regola d’arte: servono affettatrice e grattugie!


Tagliere di design sotto l’albero di Natale!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Taglio delle lamiere: funzionamento e vantaggi del taglio al plasma

Una delle procedure più vantaggiose ed efficiente per tagliare con facilità qualunque tipo di lamiera è il taglio al plasma. Ma come funziona e perché conviene? Procedimento per effettuare il taglio Ossitaglio, taglio a getto d'acqua, plasma, laser sono solo alcune delle tecniche che possono essere impiegate per tagliare diversi tipi di lamiere. La tecnologia più diffusa nel mondo dell’industria e di cui ti parleremo oggi è quella del taglio al laser, un procedimento brevettato nel 1995 da Robert Gage per la Union Carbide.  Basandosi su (continua)

Lavorazione lamiera: partiamo dalle basi

La lavorazione della lamiera è un’attività siderurgica che si articola in tre fasi principali:• progettazione• taglio• lavorazioneLe tipologie di taglio principaliTra le numerose tipologie di taglio della lamiera possiamo distinguere:• ossitaglio• taglio al plasma• taglio al laserOssitaglioIl procedimento impiega la fiamma ossiacetilenica e permette di tagliare lamiere con spessori compresi tra gl (continua)

3 cosa da sapere sull’acciaio Strenx

3 cosa da sapere sull’acciaio Strenx
L’acciaio altoresistenziale Strenx è stato sviluppato da SSA con l’obiettivo di offrire prestazioni straordinarie in termini di resilienza e tenacità. Oggi ti presentiamo 3 punti che non puoi sottovalutare se stai considerando di utilizzarlo nelle tue lavorazioni siderurgiche. 1. Le caratteristiche principaliLe ottime caratteristiche dell’acciaio altoresistenziale Strenx provengono in gran parte dalle materie prime impiegate per la sua produzione. Il ferro prelevato dalla miniera LKAB è infatti particolarmente facile da ripulire, dando vita a un prodotto finito di qualità maggiore. Le lavorazioni successive che seguono collaborano a migliorare le caratteristi (continua)

Acciai antiusura: scopri di più su caratteristiche e impieghi

Caratteristiche e lavorazioniGrazie alla loro elevata durezza e resistenza, le lamiere di acciaio antiusura richiedono lavorazioni in foratura, fresatura e maschiatura che siano eseguite con gli utensili più consoni e impiegati con i corretti parametri di taglio. Nello specifico, qualsiasi sia la lavorazione, vanno evitati il più possibile vibrazioni e giochi, sia provvedendo al fissaggio ideale d (continua)

Packaging sostenibile: la svolta sostenibile della logistica

Packaging sostenibile: la svolta sostenibile della logistica
Il packaging dei domani Importanti passi in avanti sono stati fatti nel campo della logistica per imprimere una svolta sostenibile. Una delle prime modifiche adottate riguarda l’impiego di packaging di nuova generazione fatti con materiali più sottili e resistenti. Importante è tenere a mente che ridurre la quantità di materiale impiegata per la costruzione del packaging non significa ridur (continua)