Home > Eventi e Fiere > Grande successo a Pieve di Soligo (TV) per CantoeRidoShow in dialetto veneto

Grande successo a Pieve di Soligo (TV) per CantoeRidoShow in dialetto veneto

articolo pubblicato da: gianni | segnala un abuso

Grande successo a Pieve di Soligo (TV) per CantoeRidoShow in dialetto veneto
Ciò che -per dirla in modo informale- non è né carne né pesce, viene spesso mal visto. Se si tratta di eventi, poi, non ne parliamo! Si preferisce, nel timore di creare confusione e spaesamento nel pubblico, poter usare etichette univoche, finendo per presentare sempre il solito spettacolo comico, la serata danzante, il concerto e via dicendo... "Canto e Rido", invece, si propone al di fuori di questa linea di condotta, facendo della contaminazione dei generi il proprio punto di forza. Opportunità che il 25enne Thomas Ceschin, Presidente Pro Loco Pieve di Soligo (Tv), non ha voluto perdere, inserendo il format, domenica 24 settembre 2017, all'interno del 61° Spiedo Gigante. Come si legge nel programma della manifestazione, "sapori, passioni e tradizioni" sono i tre punti fondamentali dell'evento, appuntamento che per tre settimane (dal 17 settembre al 15 ottobre 2017) si svolgerà, appunto, a Pieve di Soligo. I "sapori" sono garantiti dal ricco stand gastronomico e dalla cottura, in programma l'8 ottobre 2017, del più grande quantitativo di quaglie al mondo, finendo nel Guinness Word Record. Le "passioni", intese come l'ambizione nel preservare i propri obbiettivi, sono state ben incarnate dalle giovani cantanti, provenienti dalla Scuola Musicale "Toti dal Monte" di Solighetto (Tv) e "Giovani Accordi" di Refrontolo (Tv), che hanno aperto la serata, sotto la magistrale direzione della loro insegnante, Loredana Zanchetta. Lo spazio, grande tiranno, mi obbliga a citarle brevemente, ma non è sfuggito ai presenti, magari poco avvezzi di critica musicale, il grande impegno che ognuna di loro ha messo nella propria esibizione: Lara Stival, Giulia Casagrande,Valentina Gai, Arianna Lucchetta, Kelly Stella (vincitrice di una borsa di studio e del Premio della Critica al concorso Volavoce 2017), Alexandra, Aurora Villanova, Lisa Della Colletta, Valentyna Ikonova, Jessica Della Colletta, Alessia Fornasier e Elena Lucca (prima classificata, nella categoria Teenagers, al concorso Volavoce 2017). Sempre in ambito canoro, attesissimo il solista Enrico Nadai. La sua carriera dimostra, senza ombra di dubbio, che il talento deve sempre saper unirsi alla perseveranza e all'impegno. Prima si è esibito nel suo inedito "Instabile", chiudendo la serata con “Halleluja” di Leonard Cohen. A metà, invece, ha eseguito "You've Got A Friend in Me" di Michael Buble. Tornando alle nostre iniziali parole chiave, le “tradizioni" sono state inscenate dai comici presenti, essendo tutti di matrice veneta: Francesco Sartoretto, autista di corriere sopra e fuori dal palco; Marco Cadorin, che ha interpretato Berto, signore che ha bevuto un “cicchetto” di troppo; Paolo Favaro, con il falegname Gino Bueghin e Davide Stefanato che si è lanciato in una divertente spiegazione di famosissime canzoni e filastrocche venete. A presentare “Canto e Rido”, Elisa Nadai, dalla conduzione puntuale, ma capace di piegarsi, se necessario, all'imprevisto e Paolo Franceschini che dell'inconsueto, invece, si ciba, creando situazioni paradossali, ma capaci di entusiasmare tutto il pubblico. Per la riuscita dell'evento, ringraziamo Willy Service e la regia audio di Dj Matt. Impossibile non citare colui che, silenziosamente, ha retto i fili dello spettacolo, in qualità di regista: Enrico Cibotto. La comoda tensostruttura ha sicuramente giocato un ruolo importante, dando ospitalità anche a moltissimi curiosi. Insomma, una serata in cui ogni particolare, dal più grande al più piccolo, ha creato la giusta atmosfera e disponibilità d'animo per accogliere due mondi artistici distanti, quello del canto e del cabaret, ma che per una volta (speriamo non l'ultima) si sono spalleggiati per offrire la cosa più semplice del mondo: una bellissima domenica sera! SOFIA FACCHIN

cabaret | musica | comici | avis | sagra | spettacolo | piazza | spiedogigante |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

"Il Piave mormorava" apre la rassegna "Voci d'inverno 2016" a Soligo con Enrico Nadai e la Piccola Orchestra Veneta


PIEVE DI SOLIGO (TV)- SUCCESSONE PER LO SPETTACOLO DI VARIETA' "CANTO RIDO E DONO"


ENRICO NADAI E L'ORCHESTRA SIO DIRETTA DAL MAESTRO ROBERTO FANTINEL IN CONCERTO A PIEVE DI SOLIGO


Pieve: la certificazione “green” dal Cev, diretto da Gaetano Zoccatelli


PIEVE DI SOLIGO (TV)-CONCERTO " IL PIAVE MORMORAVA" CON ENRICO NADAI E LA PICCOLA ORCHESTRA VENETA E I SUOI SOLISTI


Enrico Nadai, Loredana Zanchetta e i solisti della Piccola Orchestra Veneta alla Notte Bianca del Gusto (7 luglio 2018)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

ENRICO NADAI-PORTAMI LONTANO- INNO ALL'AMORE

ENRICO NADAI-PORTAMI LONTANO- INNO ALL'AMORE
Ho conosciuto Enrico Nadai alcuni anni fa quando, invitato a cantare al Centro Culturale Humanitas di Conegliano, venne premiato per la sua attività in mezzo ai giovani. Nato a Conegliano il 26 maggio 1996, in giovanissima età ha intrapreso alcune esperienze televisive, per le quali ha ricevuto il riconoscimento di Giulio Rapetti (Mogol). Nel 2011 ha partecipato al Concerto per la pace, tenutos (continua)

ENRICO NADAI-SE IL CONSUMISMO S'E' MANGIATO ANCHE LA MUSICA...

ENRICO NADAI-SE IL CONSUMISMO S'E' MANGIATO ANCHE LA MUSICA...
Se dicessimo a qualcuno che oggi la musica è scomparsa gli daremmo buone ragioni di pensare che siamo impazziti. Ma si regga il peso del paradosso: la musica è scomparsa dopo essersi fatta totale. Tra coloro che se ne resero conto ci fu Thomas Bernhard. Nel 1985, nell’opera “Antichi Maestri”, l’autore austriaco scriveva che l’ascolto della musica non è più un fatto eccezionale giacché la si trova (continua)

ENRICO NADAI-SONO L'UNICO ARTISTA INDIE RIMASTO

ENRICO NADAI-SONO L'UNICO ARTISTA INDIE RIMASTO
ono anni che mi domando cosa sia la musica indie. Me lo chiedevo già alle scuole superiori quando, ascoltando alcuni artisti di punta del panorama suddetto, mi chiedevo cosa potesse caratterizzarne la diversità. Era bello ascoltare musica apparentemente destinata a pochi. Non ero abilissimo a coglierne i messaggi politici (quando ce n’erano), ma era palese che quelle partiture suonassero dalla par (continua)

ENRICO NADAI-L'EREDITA' DEL DOLORE E DELLA CROCE

ENRICO NADAI-L'EREDITA' DEL DOLORE E DELLA CROCE
“La notte del Getsemani” – l’ultima fatica letteraria dello psicoanalista Massimo Recalcati – è un bel saggio. Ci si avvicina con sospetto ad uno scritto che accosta con ricorrenza il nome di Gesù a quello di Jacques Lacan, eppure in quest’occasione c’è quasi da gioirne. È un libro che accarezza la memoria nell’epoca dell’«ossessiva dimenticanza», come avrebbe scritto Kundera; ci ricorda che, p (continua)

ENRICO NADAI-DERUBATI DEL TEMPO

ENRICO NADAI-DERUBATI DEL TEMPO
Dormire, annoiarsi, concedersi qualche ora di tregua dai dispositivi elettronici, cancellare il proprio profilo Facebook, Instagram, Twitter o Google sono – a nostra insaputa – gesti rivoluzionari. Se nel Novecento le rivoluzioni si facevano ribaltando i grandi luoghi di potere, oggi la situazione è cambiata: la rivoluzione è a portata di mano e i luoghi si sono fatti piccolissimi da quando i prin (continua)