Home > Cibo e Alimentazione > Un prosciutto dalla lunga storia per una qualità a lungo termine

Un prosciutto dalla lunga storia per una qualità a lungo termine

scritto da: Mintense | segnala un abuso

Un prosciutto dalla lunga storia per una qualità a lungo termine


 Modena, che fu insediamento etrusco e poi gallo, vanta una lunga e prolifica storia anche in campo alimentare. È infatti in questo territorio che i Celti del III-IV secolo a.C. iniziarono la pratica della conservazione della carne tramite il sale, per arrivare poi, nel corso degli anni, agli etruschi, che produssero per primi il prosciutto nel territorio modenese. Questo perché l’area, complice di ciò anche il favorevole microclima, è da sempre stata particolarmente vocata a questo tipo di attività.

Il prosciutto ottenuto in queste zone si è da sempre distinto per esibire una qualità incredibile, e già gli antichi se ne erano resi conto. A distanza di anni, nel 1969 viene fondato il Consorzio del Prosciutto di Modena, ed è a partire da questo momento che la qualità del salume tipico modenese raggiunge livelli mai visti prima. Questi 39 anni di Consorzio sono stati caratterizzati da una costante ricerca di nuove idee e tecniche all’avanguardia per fornire ai consumatori un prodotto, il Prosciutto di Modena DOP, che lasciasse veramente il segno. Rosso-rosato nella parte magra, morbido al taglio, saporito e profumato, questo salume naturale modenese è davvero inconfondibile. Non per niente il Prosciutto di Modena DOP è conosciuto e consumato anche all’estero e in paesi fuori dall’Unione Europea, come in Canada, in Svizzera e in Brasile.
Il Prosciutto di Modena DOP può essere considerato un prosciutto d’eccellenza per vari e validi motivi. Innanzi tutto, si tratta di un prodotto 100% made in Italy. I suini, infatti, provengono da dieci regioni selezionate italiane, e vengono tracciati dalla nascita alla macellazione tramite l’apposizione di marchi identificativi. Ogni fase della produzione, inoltre, dalla salagione alla stagionatura, avviene nell’area emiliana. Si tratta, pertanto, di un prosciutto crudo pregiato che porta con sé anche tutti gli aromi e i sapori appartenenti alla zona modenese. A dare prova di ciò interviene anche il marchio DOP, garanzia ulteriore che assicura come ogni fase della produzione sia soggetta a strette regolamentazioni e sia vincolata a un territorio specifico.
Altro punto di forza del Prosciutto di Modena DOP è da identificare nel fatto che questo sia ottenuto senza alcun tipo di additivo e conservante, classificando quindi il salume modenese come un prosciutto totalmente naturale. Si tratta, inoltre, di un alimento altamente digeribile grazie al periodo di stagionatura minimo di 14 mesi e, pertanto, adeguato a essere inserito in una dieta sana ed equilibrata.
Queste sono solo alcune delle caratteristiche del Prosciutto di Modena DOP. Molte altre non possono essere descritte a parole né esplicate tramite un testo scritto. L’unico modo per toccare con mano e rendersi conto della qualità di questo salume tipico modenese sarà, dunque, quella di provarlo e assaporarne il gusto, unico nel suo genere.
Ulteriori informazioni sul Prosciutto di Modena DOP possono essere trovate nel sito http://www.consorzioprosciuttomodena.it/

Fonte notizia: http://www.consorzioprosciuttomodena.it/


prosciutto crudo | prosciutto di Modena DOP | made in Italy |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Noleggio a lungo termine. Scopri tutti i vantaggi!


Nasce il bollino Vero Italiano, Vero Campano e Vero Casertana per i prosciutti crudi nostrani


Meloni della Calabria: un semplicissimo "fine-pasto" che racchiude infinite virtù salutistiche e varietà di utilizzo in cucina.


“IL RE è CRUDO!”, come sempre tutto esaurito con il Vallée d’aoste JAMBON DE BOSSES DOP


Punta Prosciutto, spiaggia di Porto Cesareo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore