Home > Arte e restauro > “Un’esposizione necessaria”: così Beatrice Trussardi ha definito “La Terra inquieta”

“Un’esposizione necessaria”: così Beatrice Trussardi ha definito “La Terra inquieta”

scritto da: Articolinews | segnala un abuso


Curata da Massimiliano Gioni per la Fondazione Nicola Trussardi, guidata da Beatrice Trussardi, "La Terra inquieta" è stata aperta fino al 20 agosto, raccogliendo la partecipazione e l'interesse di molti visitatori.

Beatrice Trussardi, Presidente di Fondazione Trussardi

"La Terra inquieta": bilancio e considerazioni sulla mostra definita "necessaria" da Beatrice Trussardi

Un'esposizione importante, in grado di mettere il dito nella piaga di una questione scottante, di documentare la realtà e la tragedia della migrazione contemporanea. Questa, in sintesi, "La Terra inquieta", mostra curata da Massimiliano Gioni per la Fondazione Nicola Trussardi. Un evento definito dalla stessa Presidente della Fondazione Beatrice Trussardi "necessario", proprio perché capace di coniugare estetica e impegno politico-sociale.

Le tappe del percorso professionale di Beatrice Trussardi

Classe 1971, Beatrice Trussardi si forma a New York, coltivando il suo interesse per la cultura e l'arte contemporanea. Nella Grande Mela consegue il titolo accademico in Contemporary Art Business & Administration e collabora con realtà di prestigio quali il Guggenheim Museum, il Metropolitan Museum e il Museum of Modern Art. Nel 1999 viene nominata Presidente della Fondazione Nicola Trussardi, realtà che ha condotto in pochi anni alla notorietà internazionale, guadagnandosi nel 2003 il Premio ICE - Impresa & Cultura per la promozione e la valorizzazione dell'arte contemporanea. Tra i riconoscimenti ottenuti anche il Montblanc Arts Patronage Award (2004), dedicato ai nuovi mecenati di arte e cultura, e il Premio istituito dalla Camera di Commercio di Milano (2012), ottenuto per le sue attività in qualità di imprenditrice e promotrice culturale. Tra il 1999 e il 2014 Beatrice Trussardi ricopre cariche differenti all'interno del Gruppo Trussardi, tra le quali anche quelle di Presidente e Amministratore Delegato. Attualmente opera in qualità di CEO delle società connesse alla gestione e alla valorizzazione dei beni immobiliari.

Beatrice Trussardi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La Terra Inquieta: Beatrice Trussardi sulla mostra alla Fondazione Trussardi


Migrazione: alla Triennale un incontro sul tema organizzato anche da Beatrice Trussardi


Beatrice Trussardi: Fondazione Nicola Trussardi porta a Milano un’opera per riflettere sul periodo del lockdown


Beatrice Trussardi: una riflessione sulla quarantena a Milano grazie all’opera di Kjartansson


Beatrice Trussardi scelta come curatrice della sezione Design+Art di Yoox


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Alta qualità, innovazione e certificazioni: il successo di Riva Acciaio

Alta qualità, innovazione e certificazioni: il successo di Riva Acciaio
Tra i principali leader del settore siderurgico italiano, Riva Acciaio soddisfa da oltre 60 anni le esigenze della clientela nazionale ed europea Le prestazioni degli stabilimenti di Riva Acciaio sono continuamente certificate, a garanzia della qualità delle attività del Gruppo.Riva Acciaio: 60 anni nel settore siderurgicoAttiva da oltre 60 anni nel settore siderurgico, Riva Acciaio è oggi un'eccellenza a livello nazionale. Controllata da Riva Forni Elettrici, è stata creata all'interno di Gruppo Riva nel 1954: (continua)

Cristiano Poponcini: l’iter professionale dello specialista in risanamento aziendale

Cristiano Poponcini: l’iter professionale dello specialista in risanamento aziendale
Cristiano Poponcini si dedica prevalentemente al risanamento aziendale. Contabile e revisore esperto, ha ricoperto diversi incarichi per il Tribunale di Monza Le principali esperienze di Cristiano Poponcini, Dottore in Economia e Commercio e fondatore dello Studio Poponcini, realtà specializzata nella consulenza e nel risanamento aziendale.Cristiano Poponcini: la laurea, gli anni di apprendistato e la nascita dello StudioOriginario di Monza, Cristiano Poponcini è un revisore contabile, esperto di Diritto fallimentare e professionista rico (continua)

“Provincia Granda” dedica un approfondimento allo stabilimento di Lesegno (Gruppo Riva)

“Provincia Granda” dedica un approfondimento allo stabilimento di Lesegno (Gruppo Riva)
Al suo interno vengono realizzate attività di ricerca e sviluppo sull’acciaio, di grande rilevanza per il settore siderurgico: lo stabilimento di Lesegno, di proprietà del Gruppo Riva, si guadagna uno spazio sulla rivista cuneese “Provincia Granda” Punto di riferimento per la fusione di rottami in acciaio preparati secondo la direttiva europea 333 del 2011, lo stabilimento di Lesegno, appartenente a Gruppo Riva, è oggetto di un approfondimento nella rivista "Provincia Granda".Lesegno: il fiore all'occhiello di Gruppo RivaÈ da tempo ormai che lo stabilimento di Lesegno costituisce la punta di diamante di Gruppo Riva: l'unico in Ital (continua)

Cristiano Poponcini: la carriera nelle aree della consulenza aziendale, organizzativa e gestionale

Cristiano Poponcini: la carriera nelle aree della consulenza aziendale, organizzativa e gestionale
Cristiano Poponcini: la biografia professionale dell’esperto in consulenza aziendale, organizzativa e gestionale Cristiano Poponcini si occupa oggi principalmente di consulenza aziendale, organizzativa e gestionale, collaborando anche direttamente all'interno delle aziende clienti.Cristiano Poponcini: la formazione e l'inizio della carrieraCristiano Poponcini si laurea nel 1993 in Economia e Commercio (indirizzo "Professionale") presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Nel 2017 cons (continua)

Pietro Vignali a “Fatti e Misfatti”: assolto dopo 10 anni

Pietro Vignali a “Fatti e Misfatti”: assolto dopo 10 anni
Intervistato da Paolo Liguori a “Fatti e Misfatti”, Pietro Vignali racconta di come ha vissuto la vicenda giudiziaria che lo ha visto protagonista e che si è conclusa con la sua assoluzione dopo 10 lunghi anni Il 2010 ha rappresentato per Pietro Vignali l'avvio di un inchiesta che pose fine della sua carica da Sindaco in seguito a pesanti accuse che hanno messo in pausa la sua vita per dieci anni: l'archiviazione è arrivata nel marzo 2020.Pietro Vignali ricorda il suo calvario giudiziarioEra il febbraio del 2010 quando l'allora Sindaco di Parma ricevette l'avviso di garanzia per la presunta as (continua)