Home > Cultura > Torino tra Terra e Aria

Torino tra Terra e Aria

scritto da: Pieroferraris | segnala un abuso

Torino tra Terra e Aria


Mostra fotografica
 
Immagini tenebrose e figure celestiali nelle decorazioni simboliche che costellano le architetture della città
 
a cura di Raffaele Palma
 
in collaborazione con  C.A.U.S. - Centro Arti Umoristiche e Satiriche
 
dal 27 giugno al 30 luglio
 
Biblioteca civica centrale
via della Cittadella 5 – Torino
 
Terra e aria, profondità degli inferi e altitudini dei cieli: Torino con i suoi edifici e le numerose leggende coniuga perfettamente le due dimensioni, riproducendo nei decori pavimentali e negli ornamenti parietali figure celestiali e immagini tenebrose: sotto i nostri piedi, il manto stradale offre simbologie, segni e cifre apparentemente misteriose e arcane. Sopra le nostre teste, oltre il regno dei volatili, troviamo allegorie alate e piumaggi.
Dall’età barocca a quella neoclassica e sino ad oggi, i decori pavimentali vengono utilizzati a Torino con grande applicazione nell’urbanistica e nell’architettura. Piccoli sassi colorati, porzioni di marmi policromi formano nei cortili e sui marciapiedi della città disegni, stemmi e simboli araldici di rara bellezza. Lettere, numeri e disegni scolpiti su lastroni e posti sotto i nostri piedi nelle vie del centro sono in realtà le sigle degli scalpellini che hanno lavorato sui manufatti. I disegni geometrici formati con ghiaia di colore diverso che adornano i cortili del capoluogo subalpino, non sono stati progettati da architetti che hanno voluto alludere a simbologie arcane. Sono decori semplici, raffiguranti onde, stelle, linee che si intersecano tra loro solo per abbellire il pavimento di un atrio, di una corte o una via.
Torino ha dedicato anche alla piuma e al piumaggio il decoro di molte case e palazzi (uccelli, animali mitologici, figure allegoriche, divinità). La piuma è simbolo di leggerezza, dolcezza, bellezza e gentilezza, ma anche di forza velocità, arditezza, libertà. Le piume che troviamo sull’esterno di case e monumenti non segnalano alcuna presenza del passaggio di forze benigne o di angeli; spesso i decori barocchi torinesi prediligono figure alate che hanno come riferimento allegorie, geni e miti presi dall’arte classica.
 
Biblioteca civica Centrale via della Cittadella 5 (linee GTT: 1-10-13-46-49-51-52-55-56-59-65-67-71-72) orario di apertura: lunedì 15.00-19.55; dal martedì al venerdì 8.15-19.55; sabato 10.30-18.00

Fonte notizia: http://www.caus.it/torino-tra-terra-e-aria.shtml


Cultura | torino | arte | fotografia | architettura | simboli | decori urbani | monumenti | raffaele palma | biblioteca civica di torino | piero ferraris | strade | segni | cifre | logo | allegorie | miti | mitologia | religione | misteri | arcani |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

"Una manetta sul mare": I Trilli e i Buio Pesto in concerto per la Onlus Gigi Ghirotti


Alla ricerca del “paradiso” con la XXIV edizione di ISAO Festival (Il Sacro attraverso l’ordinario)


Mostra di pittura "Tra la Luce e la Musica" di Natalia Mancini - Festival internazionale delle Orchidee


A Torino il primo Forum Internazionale sull'Accessibilità Culturale


Il suggerimento perfetto per perdere i chili di troppo


Come configurare una telecamera sul PC


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

ALBERTO SCHIAVI E I QUATTRO VOLTI DELLA GIOCONDA AL SALONE DEL LIBRO DI TORINO

ALBERTO SCHIAVI E I QUATTRO VOLTI DELLA GIOCONDA AL SALONE DEL LIBRO DI TORINO
Salone del Libro di Torino 2019:  domenica 12 maggio vedrà ufficialmente la luce la nuova fatica editoriale di Alberto Schiavi, “Della Gioconda Fertilità – i Quattro Volti della Gioconda”. Il curatissimo volume delle Edizioni MILLE, arricchito dalla postfazione del critico d'arte Maria Palladino, sarà presentato dallo storico Romolo Gobbi. Appuntamen (continua)

IL PATACCATOUR SECONDO: VOTA PER UNO DEI TRE FINALISTI

IL PATACCATOUR SECONDO: VOTA PER UNO DEI TRE FINALISTI
Torino, settembre 2018 * * * Il PataccaTour, Secondo concorso del CAUS ideato da Raffaele Palma,. dopo le fasi di selezione degli elaborati pervenuti, si apre ora alla disfida finale, affidata al giudizio degli internauti. I tre finalisti, secondo la giuria di umoristi e programmatori turistici sono: Primo: Gianni Longo “Torino Orient Expression” – Un delitto feticist (continua)

il PataccaTour – secondo -

il PataccaTour – secondo -
Il PataccaTour - secondo - è il concorso che il CAUS, su idea di Raffaele Palma,, propone a tour operator, guide turistiche, pubblicitari, artisti, architetti,  fotografi o  semplici appassionati, che vogliano cimentarsi nella creazione di un percorso fotografico, TASSATIVAMANTE INEDITO, bizzarro ma credibile, capace di rivelare un aspetto ignoto della città di Torino&n (continua)

IL PATACCATOUR: VOTA PER UNO DEI TRE FINALISTI

IL PATACCATOUR: VOTA PER UNO DEI TRE FINALISTI
il pataccatour: vota per uno dei tre finalisti Torino, settembre 2017 * * * Il PataccaTour, concorso del CAUS ideato da Raffaele Palma,. dopo le fasi di selezione degli elaborati pervenuti, si apre ora alla disfida finale, affidata al giudizio degli internauti. I tre finalisti, secondo la giuria di umoristi e programmatori turistici sono: Primo - Daniele Pesce – Grugliasco (TO) (continua)

TORINO CITTÀ MAGICA (ma solo per finta)

 TORINO CITTÀ MAGICA (ma solo per finta)
Torino: il luogo meno misterioso d’Italia Torino, sostengono i suoi “diffamatori”, starebbe al vertice di due triangoli, magia bianca, (con Lione e Praga), magia nera, (con San Francisco e Londra). Le forze della luce e delle tenebre, qui combatterebbero da secoli, creando storie intrise d’occulto, in realtà ingigantite, spesso a bella posta, per suggestionare e (continua)