Home > Festival > Musica e Potere. L’Anima Russa

Musica e Potere. L’Anima Russa

scritto da: Chiaramarola | segnala un abuso

Musica e Potere. L’Anima Russa


 Musica e Potere. L’Anima Russa

9, 16 e 23 novembre 2017

In collaborazione con Fondazione Istituto piemontese Antonio Gramsci

Gioco di specchi tra architettura, musica e potere

 

Deyan Sudjic, critico dell’“Observer” e direttore del Design Museum di Londra, scrive all’inizio del suo volume Architettura e potere  (Laterza) che l’architettura ha che fare col potere dato che questo impegna grandi risorse nei piani edilizi. Il libro descrive come i ricchi  e i potenti hanno dato forma al mondo. Mette in relazione i totalitarismi del Novecento con le architetture che li rappresentano.

Al rapporto tra architettura e potere si sono ispirati EstOvest Festival 2017 e l’Istituto piemontese “Antonio Gramsci” nell’immaginare un progetto artistico comune,  sull’onda della felice collaborazione iniziata già lo scorso anno. Nasce così il percorso parallelo  “Musica e Potere” pensato appositamente nella ricorrenza dei Cento anni dalla Rivoluzione d’Ottobre (Rivoluzione russa del 1917). Tre incontri alla Biblioteca del Polo del ‘900 (9, 16 e 23 novembre) in cui il pubblico si accosterà, attraverso la storia, la politica, la letteratura, la musica, la danza, il cinema e le arti visive, alle stanze del potere, per oltre un secolo di storia. Dalla Russia di fine Ottocento, attraversando l’Unione Sovietica, fino alla caduta del Comunismo, per giungere ai giorni nostri. Un lungo viaggio dagli Zar, al Soviet Supremo, agli Oligarchi della Nuova Russia. Tematiche che non vengono affrontate solo dal punto di vista musicale ma a 360 gradi,  in un interessante gioco di specchi tra arte e potere. Cosa hanno effettivamente voluto e cosa vogliono ancora esprimere i leader politici attraverso le arti e la musica? Quali sono i limiti imposti dalla censura e come trovano espressione gli artisti durante tutto il Novecento?

 

Il primo periodo di indagine è “La Russia tra i due secoli” ovvero il periodo zarista, pre-sovietico. Giovedì 9 novembre alle ore 19 nella Biblioteca del Polo del ‘900 suonerà il brillante Quartetto Lyskamm, composto da quattro musicisti italiani Il quartetto ha ricevuto numerosi riconoscimenti tra cui il premio speciale per la musica da camera intitolato alla memoria di Claudio Abbado. La serata vedrà l’esecuzione di musiche di grandi autori russi. Dal Quartetto n.2 di Alexander Borodin si passerà a Maps of Non-Existent cities. Bludenz del contemporaneo Dmitri Kourkuandski (1976).  Precede il concerto, ore 18.30, un Aperitivo Russo.

 

Il secondo concerto, giovedì 16 novembre alle ore 19, si concentrerà sull’“Unione Sovietica”, con la presenza del solido NEXT- New Ensemble Xenia Turin, il quartetto torinese che raccoglie la ventennale esperienza dello Xenia Ensemble proponendosi al pubblico con rinnovata energia. Al Quartetto n.1 di Dmitrij Dmitrievič Šostakovič, apparentemente semplice, di impianto classico, in cui il compositore però imprime la propria impronta, seguirà il Quartetto n. 5 di Mieczyslaw Weinberg, polacco di origine ebraica, amico e allievo dello stesso Šostakovič.

 

In “Quel che resta del Comunismo”, giovedì 23 novembre alle ore 19,  ci sarà il trio d’archi formato dai valenti Eilis Cranitch, violino, Adrian Pinzaru, violino e viola e Claudio Pasceri, violoncello, che interpreterà alcuni brani grotteschi di Alfred Schnittke. Questo periodo storico si esprime anche con il compositore georgiano Giya Kancheli (1933) e con la compositrice russa più influente del nostro tempo, la mistica Sofia Gubaidulina (1931). Tante sono le voci dei compositori in “Musica e Potere”, tutte confluiscono nell’unica grande “Anima Russa”.  

 

Lo storico Giovanni Carpinelli, il musicista Claudio Pasceri e il musicologo Alessandro Tommasi, si avvicenderanno come relatori nelle tre serate, cercando di fornire chiavi di lettura e lasciando spazio al dibattito con il pubblico.

 

 

 

 

 

 

 

 

La Russia tra due secoli

Giovedì 9 novembre h. 19.00 – concerto aperto al pubblico

h. 18.30 - Aperitivo Russo

Polo del ‘900, Via Del Carmine 14, Torino

INTERO 7€, RIDOTTO 5€

 

 

Quartetto Lyskamm

Cecilia Ziano, violino, Clara Franziska Schötensack, violini
Francesca Piccioni,
viola
Giorgio Casati,
violoncello

 

Alexander Borodin                          Quartetto d’archi n. 2

Dmitri Kourkuandski           Maps of Non-Existent cities. Bludenz per quartetto d'archi

 

Relatori: Giovanni Carpinelli, storico  Claudio Pasceri, musicista


Fonte notizia: http://www.gramscitorino.it/iniziative-gramsci/345-musica-e-potere-l’anima-russa.html


musica | potere | architettura | conferenze | concerti | quartetto | russia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Sergio Pizzolante: "“Nel Sistema descritto da Palamara le procure sono più forti del Parlamento e del Governo”"


Siamo tutte un po’ streghe


Intervista di Alessia Mocci a Claudio Borghi: vi presentiamo il libro L’anima sinfonica


L'anima dell'Uomo


L'Uomo che è la sua anima e le sue implicazioni


L'anima dell'Uomo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il concorso cinematografico di LiberAzioni raccontato dai giurati In palio tre premi da mille euro ciascuno per cortometraggi sul tema della libertà e della reclusione.

Il concorso cinematografico di LiberAzioni raccontato dai giurati In palio tre premi da mille euro ciascuno per cortometraggi sul tema della libertà e della reclusione.
  ISCRIZIONI ENTRO IL 21 LUGLIO 2019 Partecipazione gratuita   Ultime settimane per partecipare alla seconda edizione del concorso nazionale di cinema “Le ali della Creatività” promosso da LiberAzioni, un complesso di iniziative artistiche e culturali nato a Torino per mettere in dialogo l’ambiente del carcere con il mondo esterno attraverso gli strumenti d (continua)

LiberAzioni – festival delle arti dentro e fuori (18-20 ottobre 2019) L’arte dei giovani tra carcere e quartiere

LiberAzioni – festival delle arti dentro e fuori (18-20 ottobre 2019) L’arte dei giovani tra carcere e quartiere
 LiberAzioni – festival delle arti dentro e fuori (18-20 ottobre 2019) L’arte dei giovani tra carcere e quartiere   Al via il concorso nazionale di cinema Le Ali della Creatività, il concorso nazionale di scrittura Io sono tante/i e  il Contest musicale nel quartiere delle Vallette a Torino     ll festival LiberAzioni è il primo festival n (continua)

3Orchestre, 1Sogno

3Orchestre, 1Sogno
  “Tre orchestre, un sogno” è l’iniziativa benefica a favore dei bambini del Senegal che coinvolge i giovani musicisti dell’Accademia Suzuki Talent Center, scuola di musica dalla lunga e consolidata esperienza sul territorio che si rivolge a bambini tra i tre e i sedici anni con un approccio innovativo (il metodo Suzuki). Tre serate in luoghi importanti e rappr (continua)

XENIA CHAMBER MUSIC COURSE PER IL MAGUIRE FUND A PALAZZO BAROLO

XENIA CHAMBER MUSIC COURSE PER IL MAGUIRE FUND A PALAZZO BAROLO
    Martedì 22 maggio 2018 presso Palazzo Barolo alle ore 21.00 lo Xenia Chamber Music Course presenta il Maguire Fund con un concerto di musica da camera del giovane Quartetto Eméra di Torino. Ingresso libero e gratuito. Seguirà rinfresco gentilmente offerto da VaSté Valente Catering, Cantine Luzi Donadei Fabiani e La Perla di Torino. Lo Xenia Chamber Musi (continua)

“MUSICA IN MENSA, MAESTRO!” Orchestra Suzuki di Torino diretta da Lee e Antonio Mosca

“MUSICA IN MENSA, MAESTRO!” Orchestra Suzuki di Torino diretta da Lee e Antonio Mosca
  Sabato 19 maggio 2018 h 20.30 – Duomo di Torino (Cattedrale di San Giovanni Battista) Piazza San Giovanni 10122 – Torino   Ingresso 10 e 5 euro. Per informazioni e prenotazioni Accademia Suzuki - tel. 011 885427 info@suzukicenter.it Il ricavato del concerto sarà devoluto a NutriAid Italia Onlus, associazione da anni impegnata nella lotta contro la fame e la ma (continua)