Home > Sport > 30° TRIATHLON DEL LAGO DI CALDARO

30° TRIATHLON DEL LAGO DI CALDARO

scritto da: Newspower | segnala un abuso


IL PRESIDENTE WERNER MAIER RACCONTA

 

Il 5 maggio Triathlon del Lago di Caldaro (BZ)

Intervista al presidente Werner Maier

Iscrizioni a disposizione alla cifra di 65 euro

 

 

Il Triathlon Internazionale del Lago di Caldaro raduna i migliori atleti del panorama nazionale, alla prova su tre abilità differenti e sorretti da un folto pubblico che considera imperdibile l’evento che ruota nei dintorni del bacino lacustre altoatesino. Il prossimo 5 maggio la manifestazione festeggerà il 30° anniversario, e per l’occasione il presidente Werner Maier riserverà il consueto programma ma anche qualche novità in vista della prestigiosa ricorrenza.

Presidente, quando è nata l’idea di creare un triathlon a Caldaro? “L’idea è nata 30 anni fa. Hubert Andergassen, presidente del “Kalterer Sportverein”, si recò a Venezia con Paul Sparer ed un gruppo di giovani di atletica leggera di Caldaro per assistere ad una gara di triathlon”.

Ci racconti i punti più spettacolari del percorso: “Il periodo primaverile permette ad un gran numero di atleti nazionali ed esteri di radunarsi al lago di Caldaro, circondato da frutteti ed altre rigogliose bellezze, qui le opportunità per fare sport sono molteplici”.

Quanti volontari sono impegnati nell’evento? “Circa 230, provenienti da tutte le società del "Kalterer Sportverein", Croce Bianca e pompieri di Caldaro, con l’aiuto della sezione Stand Up Paddle”.

Cos’ha da offrire la località? “Caldaro è uno dei paesi vitivinicoli più belli del mondo, un villaggio che ha molto da offrire e che è un vanto per tutto l’Alto Adige. Il lago di Caldaro con le sue poliedriche peculiarità, il paese con la sua Piazza e le pittoresche frazioni, il paesaggio circostante forgiato dalla viticoltura...”.

Per chi non la conoscesse, in cosa consiste la sfida? “Il Triathlon di Caldaro si corre su distanza olimpica: 1.5 km di nuoto, 40 km di bici e 10 km di corsa”.

Ė una competizione adatta a tutti? “La manifestazione è aperta a tutti coloro i quali sono in possesso di tessera FITRI o sono iscritti ad una federazione estera nel triathlon”.

Perché un atleta dovrebbe partecipare alla vostra gara? “A Caldaro si dovrebbe venire non solo perché la zona è meravigliosa, ma anche per un triathlon che ha 30 anni di tradizione, sono pochi in Italia a potersela permettere nella nostra disciplina”.

Qual è l’episodio più curioso al quale ha assistito in questi anni? “Troppi per poterli ricordare. Tanti atleti hanno vinto a Caldaro, come l’australiana Kate Allen nel 2000 e 2001, per poi vincere le Olimpiadi ad Atene nel 2004. Anche il tedesco Daniel Unger a Caldaro è arrivato terzo nel 2007 e poi vinse in quell’anno i Mondiali”.

Progetti futuri? Quanto si può crescere? “Anche in futuro prepareremo una gara di qualità e non solo per la massa, migliorando negli eventi di contorno prima e dopo la gara, sarebbe la ciliegina sulla torta”.

Quali atleti hanno fatto la storia? “Il tedesco Christian Weimer, o anche Giulio Molinari che ha vinto tre volte a Caldaro”.

Sono previsti anche eventi di contorno? “Certamente l’High Heel Run, una simpatica corsa di 60 metri sui tacchi a spillo dedicata alle donne. La partenza viene effettuata in diversi gruppi, poi le migliori partecipanti proseguono affrontando il successivo round. L’altezza minima dei tacchi è di 7 cm e con una larghezza massima di 1.5 cm. La gara avrà luogo il 4 maggio 2018, senza dimenticare lo “Slackline Contest” con prova di record del mondo”. 

 

Iscrizioni aperte a 65 euro, per info: www.kalterersee-triathlon.com


Fonte notizia: http://www.newspower.it/comunicati/TriathlonCaldaro/Comunicati/TriathlonCaldaro_comu_ita.htm


triathlon lago di caldaro | suedtirol | newspower |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

TRIATHLON DEL LAGO DI CALDARO ANCHE SU… PEDALÒ. STEGER E DORNAUER “COPPIA ILLUSTRE”


GRANDE FESTA DEL TRIATHLON A CALDARO. SARZILLA E KOVACS VITTORIE D’AUTORE


TRIATHLON SULLA STRADA DEL VINO DELL’ALTO ADIGE


SABATO TRIATHLETI “OLIMPICI” A CALDARO. LA 31.a EDIZIONE PRESENTATA DA INTERNORM


BARDOLINO INTERNAZIONALE CON IL TRIATHLON. APPUNTAMENTO DA “IRONMAN” IL 16 GIUGNO


TRIATHLON DEL LAGO DI CALDARO AL VIA IL 5 MAGGIO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

LA VALLE DEL BIATHLON RITORNA IN PISTA: DUE ATTESI WEEKEND DI IBU JUNIOR CUP

LA VALLE DEL BIATHLON RITORNA IN PISTA: DUE ATTESI WEEKEND DI IBU JUNIOR CUP
L’ASV Martello scalda i motori per i due grandi appuntamenti Venerdì 10 e domenica 12 le prime sfide con Individual e staffette Gli azzurri sono già a Martello per preparare le gare Germania, Russia, Slovenia, Austria, Polonia, Svizzera e Italia le nazioni favorite Ci siamo. Dicembre è arrivato e questo vuol dire che siamo entrati nel mese tutto dedicato al biathlon in Val Martello. La ASV Martello, col comitato guidato da Georg Altstaetter, ha in programma due grandi appuntamenti con la IBU Junior Cup fra il 10 e il 18 dicembre presso il Biathlon Zentrum in località Grogg, nella vallata altoatesina. Ma andiamo con ordine, le piste sono completamente agibili (continua)

IL TEAM FUTURA ALTA QUOTA TRENTINO FISSA GLI APPUNTAMENTI PER LA NUOVA STAGIONE

IL TEAM FUTURA ALTA QUOTA TRENTINO FISSA GLI APPUNTAMENTI PER LA NUOVA STAGIONE
Il Team festeggia i primi 40 anni di storia tra sci e skiroll Il presidente Buttaboni presenta il nuovo calendario di stagione “Alta Quota” e “Trentino” i main sponsor, novità 2022 è la partnership con la Dobbiaco-Cortina Primo appuntamento con la Sgambeda di Livigno il 4 dicembre E la storia continua… il Team Futura Alta Quota Trentino festeggia in famiglia i primi 40 anni di esperienza nel mondo delle granfondo, e non vede l’ora di scendere in pista per questa nuova stagione.Il presidente Andrea Buttaboni vanta nel suo team non solo amatori e master, ma svela anche le punte di diamante come i fratelli Stefano e Riccardo Mich, Emanuele Bosin, Manuel Amhof e lo svedese Rick (continua)

SONO METÁ DI MILLE IN GARA A LIVIGNO. GRANFONDO AL VIA CON LA SGAMBEDA

SONO METÁ DI MILLE IN GARA A LIVIGNO. GRANFONDO AL VIA CON LA SGAMBEDA
Sabato la 31.a edizione a numero chiuso e sold out La Sgambeda è la prima gara di lunghe distanze della stagione Al via anche i Pro Teams italiani, ci sarà da divertirsi Campioni di ieri, fondisti oggi: Marianna Longa e Nikolaj Pankratov I granfondisti scalpitano, ancora di più gli amanti dello skating, perché sabato 4 dicembre a Livigno apre ufficialmente la stagione delle granfondo con la 31.a edizione della Sgambeda. È un “classico” a Livigno perché nel Piccolo Tibet la neve si presenta sempre con grande anticipo. Una Livigno tutta imbiancata e bardata a festa in vista delle festività natalizie e occasione ghiotta per le prime (continua)

DEFRANCESCO E SALVADORI GIOCANO IL JOLLY. A LIVIGNO OCCHIO ANCHE A SILVESTRI E CUSINI

DEFRANCESCO E SALVADORI GIOCANO IL JOLLY. A LIVIGNO OCCHIO ANCHE A SILVESTRI E CUSINI
Coppa Italia venerdì 3 dicembre con 10 e 15 km in tecnica libera Gare concomitanti con Coppa Europa e del Mondo, molti atleti sgomitano Tra i tanti al via anche i due “gioielli” di Livigno che si esibiscono in casa Da non sottovalutare Maj, DeZolt, Cassol, Bertolina, Fanton, Rastelli e Nöckler Appena smaltite le fatiche del weekend scorso a Santa Caterina Valfurva, gli atleti della Coppa Italia di fondo si apprestano ad affrontare un nuovo appuntamento venerdì 3 dicembre a Livigno.Una gara attesa, perché gran parte dei fondisti di Coppa Italia si sono preparati prima dell’avvio di stagione proprio sulle piste del Piccolo Tibet.Venerdì le sfide si concentreranno su una 10 km femminile e (continua)

DH E SUPER-G A SANTA CATERINA VALFURVA. COPPA EUROPA PUNTANDO SUGLI AZZURRI

DH E SUPER-G A SANTA CATERINA VALFURVA. COPPA EUROPA PUNTANDO SUGLI AZZURRI
Due vittorie italiane nelle prime due tappe di Coppa Europa A Zinal (SuperG) colpaccio di Franzoso e Franzoni L’11 e 12 dicembre gare di discesa libera, lunedì 13 il SuperG A Santa Caterina Valfurva sulla pista Deborah Compagnoni 22 nazioni “Benvenuti in paradiso” si legge a caratteri cubitali sul sito di Santa Caterina Impianti.E come dare torto alla località della Valfurva? Piste imbiancate, ambiente unico, quello del Parco Nazionale dello Stelvio, con le vette del gruppo Ortles-Cevedale a fare da sfondo, una vera e propria attrattiva turistica.Ma anche lo sport, d’inverno, gioca qui le sue carte migliori e infatti la pista ‘Debora (continua)