Home > Economia e Finanza > F2i investe nel settore della biomassa legnosa: acquisito il 100% di San Marco Bioenergie SpA

F2i investe nel settore della biomassa legnosa: acquisito il 100% di San Marco Bioenergie SpA

scritto da: Articolinews | segnala un abuso


Il 100% del capitale di San Marco Bioenergie SpA passa a F2i : la società guidata dall'AD Renato Ravanelli ha portato a termine l'operazione rilevando la quota da Bioenergie, controllata al 60% dal Gruppo Faranda e al 40% dal Fondo Equinox.

F2i

Biomassa legnosa: F2i si espande nel settore con l'acquisizione del 100% del capitale di San Marco Bioenergie SpA

Già operatore leader nelle rinnovabili, F2i si espande anche nel settore della valorizzazione energetica della biomassa legnosa con un'importante operazione. La società guidata da Renato Ravanelli ha infatti rilevato da Bioenergie il 100% del capitale di San Marco Bioenergie SpA, attiva nel comparto attraverso attività di manutenzione forestale, pulizia degli alvei dei fiumi, utilizzazione dei residui agricoli e del verde urbano. San Marco Bioenergie SpA è proprietaria della centrale termoelettrica a biomasse solide di Bando d'Argenta (Ferrara), una delle più grandi in assoluto del Nord e del Centro Italia per capacità installata (21 MW elettrici). Grazie a questa acquisizione, F2i porta a 18 le società che compongono il suo portafoglio, con una copertura di 8 settori differenti in ambito infrastrutturale. L'operazione, in particolare, non offre soltanto opportunità di crescita a livello economico ma genera benefici a livello ambientale: l'incuria nella gestione dei territori boschivi e degli alvei dei fiumi è spesso causa, infatti, di gravi disastri sul territorio nazionale. Nell'acquisizione sono state coinvolte le banche finanziatrici Unicredit, Banco BPM e UBI Banca. F2i ha scelto Chiomenti e Legance come studi legali per l'operazione.

F2i: gli investimenti e le attività della società di gestione del risparmio

Costituita nel 2007, F2i è una società di gestione del risparmio che ha avviato il più grande fondo chiuso in Italia e uno dei più importanti a livello europeo. Tra gli azionisti di riferimento annovera alcune delle principali banche italiane, istituzioni, primari istituti di credito, fondazioni bancarie e casse di previdenza. Autorizzato nell'agosto del 2007, il primo fondo lanciato da F2i è arrivato a raccogliere 1.852 milioni di euro, una cifra investita quasi completamente in diversi comparti infrastrutturali e che ha portato all'acquisizione di quote di rilievo di importanti società quali 2i Rete Gas, Alerion Clean Power, HFV, Gesac, Infracis, Metroweb, Sagat e SEA. Nel luglio del 2012 è avvenuto il lancio del Secondo Fondo, il cui obiettivo di raccolta era pari a 1.200 milioni di euro e la cui raccolta si è chiusa nel luglio del 2015 con una cifra complessiva di 1.242,5 milioni di euro. È notizia di questi giorni che F2i sia pronta per partire con la raccolta di un terzo fondo: il target questa volta è assestato a 3 miliardi, da investire negli aeroporti, nel settore delle energie rinnovabili, nel ciclo idrico integrato e nella distribuzione del gas. La società di gestione del risparmio è guidata dall'Amministratore Delegato Renato Ravanelli e dal Presidente Massimiliano Cesare.


Fonte notizia: http://h2biz.net/azienda/f2i-2494


F2i | Renato Ravanelli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il Secondo Fondo F2i supera l’obiettivo iniziale di 1.200 milioni di euro


Logistica portuale, F2i completa l’acquisizione di MarterNeri


F2i, insieme ad Ania, acquista Compagnia Ferroviaria Italiana. Il commento dell’AD Renato Ravanelli


Renato Ravanelli: acquisizione dell’aeroporto di Olbia, il valore dell’operazione per F2i


I traguardi principali raggiunti dai fondi infrastrutturali creati da F2i SGR S.p.A.


Renato Ravanelli: F2i SGR acquista sette impianti eolici in Sicilia e Calabria


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Italia leader della circular economy: Riva Acciaio abbraccia i nuovi obiettivi di sostenibilità

Italia leader della circular economy: Riva Acciaio abbraccia i nuovi obiettivi di sostenibilità
“Verso un modello di economia circolare per l’Italia”: il documento stilato dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero dell’Ambiente è stato accolto a pieno da Riva Acciaio Riva Acciaio, come player di riferimento nell'ambito siderurgico, ha abbracciato la sfida della sostenibilità, puntando al raggiungimento degli impegni presi dal nostro Paese verso l'Accordo di Parigi e l'Agenda 2030 delle Nazioni Unite.Riva Acciaio: l'Italia sul podio della circular economy ma bisogna guardare avantiRiva Acciaio supporta la transizione energetica in corso in Italia, condivid (continua)

“Mala Gestio”: intervista all’autore Massimo Malvestio, avvocato ed editorialista

“Mala Gestio”: intervista all’autore Massimo Malvestio, avvocato ed editorialista
Massimo Malvestio: “Le banche come sono state per 150 anni stanno scomparendo. La vera novità è nella tecnologia finanziaria e in chiunque saprà affrancarsi dalle banche e dai regolatori” L'avvocato Massimo Malvestio, editorialista del "Corriere del Veneto" e collaboratore di "Nordesteuropa.it", ha denunciato per anni la situazione in cui versava il Veneto e il sistema bancario: in "Mala Gestio, perché i veneti stanno tornando poveri" i prodromi della catastrofe finanziaria che ha investito negli scorsi anni il territorio.Il Veneto, le banche, la crisi: la lungimirante inchies (continua)

FME Education: la cultura a portata di click

FME Education: la cultura a portata di click
FME Education ha aiutato a portare l’infinito patrimonio storico-culturale italiano sulle piattaforme digitali per valorizzare il Paese attraverso le nuove tecnologie Nata a Milano come Editore che si propone di promuovere contenuti didattici innovativi, FME Education è in prima linea nella promozione della cultura italiana sul digitale.FME Education: la tecnologia al servizio della culturaLa digitalizzazione era una rivoluzione che si aspettavano tutti. Prima di marzo 2020 nessuno però avrebbe mai creduto che si sarebbe rivelata l'unica via per acced (continua)

La storia di Federico Motta Editore contraddistinta da qualità, innovazione e importanti collaborazioni

La storia di Federico Motta Editore contraddistinta da qualità, innovazione e importanti collaborazioni
Federico Motta Editore ha sempre puntato sulla qualità e sull’innovazione della sua proposta, collaborando con autori di rilievo e ottenendo prestigiosi riconoscimenti La qualità e l'innovazione sono state al centro delle opere proposte per oltre 90 anni da Federico Motta Editore: il lavoro della Casa Editrice è diventato simbolo di autorevolezza e pregio.Le origini del marchio Federico Motta Editore, un simbolo di cultura e qualitàFederico Motta, appassionato e incantato dall'arte della riproduzione a stampa, decise di sfruttare le conoscenze apprese duran (continua)

Luciano Castiglione spiega perché l’idrogeno rappresenterebbe una svolta nel settore energetico

Luciano Castiglione spiega perché l’idrogeno rappresenterebbe una svolta nel settore energetico
Luciano Castiglione spiega perché, con molta probabilità, l’idrogeno costituirà un elemento chiave nel processo di abbandono dei combustibili fossili. Per Luciano Castiglione l'idrogeno ha un potenziale enorme che andrebbe sfruttato nel settore delle energie data la sua alta resa energetica e il basso impatto ambientale che derivano dal suo utilizzo.Il ruolo dell'idrogeno nella decarbonizzazione secondo Luciano CastiglioneL'obiettivo preposto dalla strategia di decarbonizzazione è sostanzialmente quello di ridurre al minimo le emission (continua)