Home > Politica > Primo e-book in rete sulla politica condivisa

Primo e-book in rete sulla politica condivisa

articolo pubblicato da: Laurapod | segnala un abuso

Le testimonianze del web riguardo la distanza tra politica e cittadini e la creatività di Torino sono state raccolte in un e-book

Nell’era del web 2.0 anche la politica diventa condivisa: è uscito il primo e-book che raccoglie le testimonianze raccolte in rete su “Come colmare il divario tra la politica e le persone” e “Torino viene vissuta come una città estremamente creativa, ma nel contempo anche poco capace di sviluppare e trattenere sul proprio territorio le stesse idee da essa prodotte”. L’e-book, scaricabile dal ning http://cambiareinsieme.com, raccoglie le segnalazioni, i pareri, la rabbia e la passione verso una nuova forma di politica condivisa e dimostra come il web sia uno strumento che permette a chiunque il proprio parere, senza filtri e in totale libertà; i contributi riportati nell’e-book non hanno infatti subito alcuna forma di censura.
Le due inchieste sono state promosse da Claudia Porchietto, candidata alla presidenza della provincia di Torino (al ballottaggio il 21 e 22 giugno), attraverso Facebook nell’aprile del 2009 e allargate poi su altri social media.

Dalle risposte alla prima inchiesta emerge una delusione nei confronti dei politici, ma anche una forte voglia di riacquistare fiducia nella politica: “vogliamo aria nuova nella politica” dice Mario mentre Sergio pretenderebbe dai politici “credibilità, onestà, correttezza” perchè, pensa Claudia, “la politica non dovrebbe essere né di destra né di sinistra, è semplicemente di tutti”. Ci sono anche persone che, come Donato, sono completamente sfiduciate: “la politica fa male alla pelle”.
Chi ha risposto a quest’inchiesta ritiene in genere che il divario politica-persone sia colmabile; se Angelo sostiene “vedo arduo colmare il divario” e Fabiana “il divario mai si sanerà”, molti altri si sono dimostrati più possibilisti. “Si può colmare” (Giampiero), “certamente si può e si deve colmare” (Agnese), “si deve colmare” (Virginia), “difficile forse, ma pur sempre possibile!” (Lorena). Qualcuno è invece decisamente ottimista: “tale divario effettivamente si colmerà” afferma Gianmaria.

Per uscire dall’impasse della distanza della politica nei confronti della gente, chi ha risposto alla prima inchiesta dà qualche consiglio; primo tra tutti, quello di restare vicino ai cittadini e ai propri elettori: “politica con la gente, per la gente, tra la gente” suggerisce Franco, “amici dei cittadini” secondo Franco, “filo diretto tra la politica e il cittadino” afferma Stefania e “una politica al servizio del cittadino” consiglia Alessandro.
Dice Emanuele A. G. ‘Credo che per avvicinare e colmare il divario, il metodo sia quello sportivo, ovvero il coinvolgimento. Rendendo partecipi le persone ai progetti e alle idee di chi ci governa, si creerebbe la condivisione o le critiche propositive che permettono di avere un avvicinamento ed un interessamento da parte della gente’.
Le persone richiedono inoltre ai politici una maggiore vicinanza agli elettori e una maggiore normalità da parte dei politici perchè troppo spesso vengono visti come casta inavvicinabile e soprattutto coerenza con ciò che i politici dicono prima di essere eletti. “Non essere ‘casta’ tra ‘poveri mortali’” (Armando), agire “per il bene comune e non per se stessi prima e dopo le elezioni” (Paola), “alle parole seguano i fatti” (Bruno). Alex, come molti altri, consiglia di “coinvolgere i giovani”, elettori importanti e oggi troppo spesso scollati dalla politica.
Questo divario deve quindi essere colmato; in fondo, come sostiene Carlo, “politica e persone non sono altro che due facce della stessa medaglia”.

La seconda inchiesta, in appendice nell’e-book, riguarda la creatività di Torino e l’incapacità della città di sviluppare e trattenere sul proprio territorio le stesse idee che ha prodotto.
Una causa di questa situazione è dovuta, secondo i piemontesi che hanno risposto, ad un atteggiamento diffuso di immobilismo tipico della città sabauda: Torino, dice Filippo, “‘bogia nen’, letteralmente non si muove”, mentre Paolo la definisce “ermetica, austera e discreta”. Ciò su cui concordano molti è il fatto che Torino sia poco valorizzata e poco comunicata: è “incentrata sul fare e non sull'apparire” (Marco), non lavora “sull’immagine della stessa” (Giancarlo), “non pubblicizza il risultato” (Barbara); i torinesi sono “molto bravi a fare e poco a vendere” (Angelo) e “non sfruttano a dovere le potenzialità” (Giacomo).
Dice Federico B. ‘Eccessivo understatement e ridotta apertura al mondo esterno hanno provocato quest'incapacità a valorizzare le notevoli risorse di cui dispone. Un ruolo fondamentale in questo senso l'ha giocato, per troppo tempo, la presenza ingombrante di un soggetto monopolista che, come tale, non ha mai avuto interesse ad un reale sviluppo’.

“Torino è stata la capitale di tutto ciò che è creatività”, afferma Luca, ma, sostiene Carlo, “le buone idee poi si sviluppano altrove e tornano all'origine soltanto negli ormai numerosi musei di cui è piena la città”. Questo perché “manca una classe dirigente che sia portatrice di innovazione” (Carlo) e perché Torino ha avuto “una dirigenza e un'imprenditoria spesso fuori dal mondo”. E’ su queste incapacità che bisogna lavorare, sostiene la maggioranza di chi ha risposto a questa seconda inchiesta, oltre che, come dichiara Rino, dare “massima fiducia ai giovani”, per far tornare Torino alle glorie del passato.


http://cambiareinsieme.ning.com/profiles/blogs/al-ballottaggio-in-provincia






Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Massimo Paracchini Free Sprinkling R- Evolution alla Meeting Art


Massimo Paracchini alla Meeting Art con Free Sprinkling R-Evolution


NASCE IN ITALIA LA W.I.A LA PRIMA ACADEMY DEDICATA ALL’INTERA INDUSTRIA DEL SETTORE WEDDING


Massimo Paracchini ad Arte Genova 2020


JAKA presenta IL SUONO DELL’ISOLA disponibile dal 11 Maggio


Massimo Paracchini nella Collezione Sgarbi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

All’interno della due giorni di incontri del Global Marketing 2012, un importante approfondimento: IL “SOCIAL DAY”, un programma dedicato al Social Thinking e al Social Business

All’interno della due giorni di incontri del Global Marketing 2012, un importante approfondimento: IL “SOCIAL DAY”, un programma dedicato al Social Thinking e al Social Business
All’interno della seconda giornata dell’evento, giunto alla sua tredicesima edizione e fondato sugli appuntamenti one to one preselezionati e sulle conferenze, ci saranno una serie di incontri e laboratori incentrati sul concept di SOCIAL THINKING e SOCIAL BUSINESS. Questo è Global Marketing, edizione Anti-Crisi 2012. Il format dell’evento Global Marketing è stud (continua)

Pickover

La prima applicazione Facebook creata ad hoc per il social network Pickwicki, dedicato ai libri Quante volte capita di prendere un libro in mano, sfogliarlo e decidere di comprarlo solo per l’immagine della copertina? PickCover è un'applicazione Facebook, realizzata da Mikamai, che gioca sulla memoria visiva dei lettori e le copertine dei cento libri più letti del duemilanove. Il gioco ha tre (continua)

“Tutto ciò che accade è oggi”: canzoni di David Byrne e Brian Eno alla Reggia di Venaria

Mercoledì 29 luglio alle 21.30 grande concerto del musicista britannico David Byrne all’interno del calendario “Sogni di una Reggia d’Estate – Venaria Real Music” Torino, 22 luglio 2009 - Mercoledì 29 luglio alle 21.30 la kermesse “Artisti in concerto nei Giardini nuovi della Reggia” (25 giugno – 1 agosto) di Venaria Reale, la cittadina a circa 10 km da Torino, ospiterà un artista del calibro (continua)

Hotel Centrale Roma: ``Promozione: entusiasmante estate``

Per l’estate 2009 l’albergo tre stelle, in posizione centralissima, offre prezzi convenienti insieme ad un’ospitalità di qualità superiore Ultimissime camere doppie disponibili con la promozione “Entusiasmante estate” dell’albergo tre stelle Superiore Hotel Centrale, situato nel centro di Roma, a pochi passi da Piazza di Spagna. Questo piccolo e tranquillo hotel offre uno staff amichevole che f (continua)

Riflessioni sulle prime Elezioni Politiche 2.0: intervista a Giuseppe Mascitelli

Le recenti elezioni amministrative e europee dello scorso giugno 2009 hanno rappresentato l’esordio della nuova comunicazione politica sullo scenario nazionale. Durante la serata “Provincia di Fermo: il luogo in cui tutti vorrebbero vivere”, condotta dal direttore del Tgcom Paolo Liguori, sono state celebrate tutte le eccellenze del territorio marchigiano attraverso un format che ha alternato mome (continua)