Home > Ambiente e salute > Marco Carra: più contrasto al gioco d'azzardo patologico

Marco Carra: più contrasto al gioco d'azzardo patologico

articolo pubblicato da: Marco Carra | segnala un abuso

Marco Carra: più contrasto al gioco d'azzardo patologico

Salvaguardare le persone più fragili a cominciare proprio dai giovani, contro questa piaga sociale, già definita l' “eroina del Terzo Millennio”. La legge approvata dal Consiglio regionale lombardo ormai 5 anni fa per la prevenzione e il contrasto del gioco d'azzardo patologico è stata un primo paletto importante, ma da sola non basta. E' necessario aggiornare costantemente le misure di contrasto e usare linguaggi diversi con target diversi. Ben venga quindi il coinvolgimento dell'Ufficio ScolasticoRegionale e degli istituti di formazione. Oggi 450 ragazzi hanno affrontato con il loro linguaggio un tema contro il quale non si può mai abbassare la guardia. I primi 3 milioni di euro di bando regionale hanno consentito l'attivazione in Lombardia di diverse decine di progetti, di cui oltre una cinquantina da parte dei Comuni, volti all'informazione, alla formazione per azioni no slot, controllo, vigilanza e mappatura; le ex Asl hanno aperto sportelli di consulenza e diffusione di materiale informativo rivolti alla popolazione e a target selezionati, quali esercenti, polizia locale, operatori sociali e centinaia di corsi di formazione per gestori di locali. Con il bando successivo di 2 milioni di euro sono stati poi accreditati altri progetti coinvolgendo anche enti in partenariato, allo scopo di allargare la partecipazione ad una più vasta platea di soggetti. A fronte di questi risultati occorre però rimarcare che molte misure messe in campo non risultano ad oggi sufficientemente efficaci, dall'utilizzo del marchio No Slot alle agevolazioni d'imposta previste dalla legge per disinstallare le macchinette. Si può fare meglio: ci sono misure da ripensare e dati nuovi da raccogliere, la lotta alla ludopatia chiede determinazione e aggiornamento continuo degli strumenti di contrasto.

no slot | gioco d azzardo | ludopatia | marco carra |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Avv. Marco Carra: sì al salario minimo

Avv. Marco Carra: sì al salario minimo
Dobbiamo ritornare a mettere il lavoro e la dignità dei lavoratori al centro dell’agenda politica, anche perché come dice l’art. 1 della Costituzione, siamo una Repubblica democratica fondata sul lavoro. Uno dei modi per farlo è certamente l’istituzione del salario minimo, ma non , a mio avviso, con una cifra prestabilita per legge (c’è infatti la proposta di 9 euro lordi l’ora). Se, finora, non (continua)

Avv. Marco Carra: le donne e il lavoro

Avv. Marco Carra: le donne e il lavoro
Le donne nel mercato del lavoro italiano rappresentano una storia di disuguaglianze. E’ vero che Il tasso di occupazione femminile italiano è aumentato negli ultimi anni, toccando il 48,8 per cento, ma media europea è però del 60 per cento. I dati sul lavoro delle donne in Italia indicano inoltre che esiste una disparità tra uomini e donne, come dimostra plasticamente il fatto che la diminuzion (continua)

Avv. Marco Carra: subito il taglio del cuneo fiscale

Avv. Marco Carra: subito il taglio del cuneo fiscale
La priorità il lavoro, che risulta da tutti i sondaggi la prima e più grande preoccupazione degli italiani. La principale misura da introdurre subito è il taglio del cuneo fiscale, che è, in sostanza, la differenza tra lo stipendio lordo versato dal datore di lavoro e la busta paga netta incassata dai dipendenti. Dall’ultimo rapporto Istat risulta che la retribuzione netta che resta a disposizion (continua)

Avv. Marco Carra: disabile licenziata per aggravamento malattia

Avv. Marco Carra: disabile licenziata per aggravamento malattia
Una donna, dipendente di Eurospin Tirrenica a Vinci, invalida, assunta come categoria protetta e con un figlio, è stata licenziata. Motivo: in seguito all’aggravamento della sua patologia (patologia in base alla quale era stata assunta come categoria protetta), la lavoratrice ha superato il limite di sei mesi di malattia (previsti dal Contratto) in quanto stava effettuando terapie salva vita. A (continua)

Marco Carra: scompare ben 1 milione di bambini ogni anno in Europa

Marco Carra: scompare ben 1 milione di bambini ogni anno in Europa
Scompaiono perché minori, stranieri e non accompagnati, senza genitori, documenti e protezione. Solo una piccola percentuale viene ritrovata: in Italia la media è di un bambino scomparso ogni sette giorni, solo il 18 per cento torna a casa. A volte scompaiono perché sottratti da un genitore, altre perché in fuga dal luogo in cui vivono. In alcuni casi scompaiono perché intercettati e rapiti in un (continua)