Home > Ambiente e salute > Scopri di più sulle staminali del cordone ombelicale!

Scopri di più sulle staminali del cordone ombelicale!

scritto da: Digitalpr | segnala un abuso

Scopri di più sulle staminali del cordone ombelicale!


 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

Perché si parla tanto di raccolta cellule staminali del cordone? E come mai così tanto interesse per la loro applicazione clinica?  

Il cordone ombelicale ha la funzione fondamentale di scambiare nutrienti tra madre e figlio. Questo importante organo contiene mediamente 60-80 cc di sangue. In questo sangue vi si trova anche una popolazione eterogenea di cellule staminali, chiamate nel loro insieme, cellule staminali cordonali.

Studi scientifici hanno permesso di individuare diversi tipi di cellule staminali cordonali:

       staminali cordonali simil-embrionali: sono in grado, potenzialmente, di differenziare in cellule appartenenti a tessuti endotermici, come l’intestino, mesodermici, come il derma, ed ectodermici, come il midollo spinale;

       staminali cordonali di tipo mesenchimale: possono generare cellule del tessuto osseo, cartilagineo, adiposo e nervoso

       staminali cordonali ematopoietiche: differenziandosi, danno origine alle cellule del midollo osseo e a quelle del sangue;

       progenitori endoteliali: sono in grado di originare le cellule che costituiscono i vasi sanguigni1, 2.

Inoltre, di recente, è stato evidenziato che le staminali cordonali sono anche in grado di esercitare un’azione anti-infiammatoria, attraverso il rilascio di specifici fattori, detti fattori umorali, come ad esempio la prostaglandina E2 4, 5

L’interesse verso queste cellule è dovuto principalmente alla loro ampia capacità di differenziare in diversi tipi cellulari e la loro capacità di proliferare. Grazie a queste caratteristiche, infatti, le staminali cordonali possono essere utilizzate in medicina rigenerativa, quella branca della medicina moderna che si occupa della rigenerazione degli organi o dei tessuti danneggiati, offrendo un’alternativa al trapianto per la loro sostituzione.

È però importante precisare che solamente il trapianto autologo – ossia il trapianto effettuato con cellule prelevate direttamente dal paziente – mostra alta efficacia. Infatti, il trapianto allogenico, realizzato con cellule prelevate da un soggetto terzo, espone il paziente ad un rischio di sviluppare delle reazioni immunitarie come il rigetto, che lo costringerebbero a sottoporsi a terapie immunosoppressorie. In caso di trapianti allogenici, è preferibile l’impiego di staminali cordonali, poiché grazie alla loro "immaturità " immunologica1, 3 offrono un miglior attecchimento e un minor rischio di rigetto rispetto alle staminali ottenute da altri tessuti nell’adulto.

Questi sono i principali motivi per cui la conservazione delle cellule staminali cordonali è consigliata a tutte le coppie in attesa di un figlio.  Per ulteriori informazioni visita il sito www.sorgente.com

Fonti

1. Francese, R. and P. Fiorina, Immunological and regenerative properties of cord blood stem cells. Clin Immunol, 2010. 136(3): p. 309-22.

2. Mihu, C.M., et al., Isolation and characterization of stem cells from the placenta and the umbilical cord. Rom J Morphol Embryol, 2008. 49(4): p. 441-6.

3. Harris, D.T., Non-haematological uses of cord blood stem cells. Br J Haematol, 2009. 147(2): p. 177-84.

4. Jiang, X.X., et al., Human mesenchymal stem cells inhibit differentiation and function of monocyte-derived dendritic cells. Blood, 2005. 105(10): p. 4120-6.

5. Spaggiari, G.M., et al., MSCs inhibit monocyte-derived DC maturation and function by selectively interfering with the generation of immature DCs: central role of MSC-derived prostaglandin E2. Blood, 2009. 113(26): p. 6576-83. 

 

cellule staminali | staminali del cordone ombelicale | cordone ombelicale | conservare le cellule staminali |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

A cosa serve il cordone ombelicale?


Terapie staminali sicure e all'avanguardia


Cellule staminali cordone ombelicale: come si usano nei trapianti


Domande e risposte più frequenti sulla conservazione del cordone ombelicale


Cordone ombelicale: perché è importante la conservazione del tessuto?


Da BEIKE nuove prospettive nel trattamento del Lupus eritematoso sistemico grave


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Quando si scopre di aspettare un bambino, è molto importante che la futura mamma si occupi sia del proprio benessere sia di quello del bimbo che porta in grembo. Intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato, nutrirsi in modo bilanciato, ma soprattutto farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi ad almeno uno (continua)

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante
  A cura di: Ufficio stampa Sorgente Quando si aspetta un figlio, sono tante le decisioni che la famiglia deve prendere, e tanti sono gli aspetti da considerare. Uno di quelli più importanti, e su cui questo articolo intende fare chiarezza in modo che le coppie possano compiere una scelta consapevole, è la conservazione cellule staminali cordone ombelicale. Le cellule stamina (continua)

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il carcinoma mammario è la forma tumorale con il tasso di incidenza maggiore tra la popolazione femminile. Le cause che portano allo sviluppo di questa neoplasia sono molteplici: età, familiarità e presenza di mutazioni genetiche, come quelle dei geni BRCA [1]. Si tratta di un argomento molto delicato e non manc (continua)

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media
  A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   La gravidanza è un periodo molto delicato nella vita di una donna. Quando una coppia è in cerca di un figlio, può sapere prima del concepimento se esiste una probabilità di trasmettere una malattia genetica al bambino effettuando un test genetico preconcepimento. Una delle malattie genetiche recessive che i (continua)

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica     Quando una coppia decide di avere un bambino, è importante che inizi a preoccuparsi, fin da prima della gravidanza, di quelle che potrebbero essere le future condizioni di salute del piccolo. I test prenatali sono indicati per indagare lo stato di salute del nascituro, in particolare un test preconcepimento consente alla c (continua)