Home > Ambiente e salute > Scopri tutto quello che c定 da sapere sulla sindrome di Down

Scopri tutto quello che c定 da sapere sulla sindrome di Down

scritto da: Digitalpr | segnala un abuso

Scopri tutto quello che c定 da sapere sulla sindrome di Down


 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica

 La gravidanza è un momento unico nella vita di una donna: il suo corpo si modifica per accogliere il piccolo che cresce. Gli accorgimenti non sono mai troppi ed è bene che la salute propria e del futuro nascituro diventino delle priorità per la donna in dolce attesa. Durante la gestazione è consigliabile sottoporsi ad un test di screening prenatale, come il test DNA fetale, che indica la probabilità in percentuale secondo cui il feto possa essere affetto da un’anomalia cromosomica.

Le Trisomie come la Sindrome di Down, la Sindrome di Edwards e la Sindrome di Patau sono anomalie cromosomiche caratterizzate dalla presenza di un cromosoma in sovrannumero. Le anomalie cromosomiche che riguardano il numero di cromosomi aumentano di frequenza quando la gestante supera i 35 anni di eta’1.

La Sindrome di Down, o Trisomia 21, è dovuta alla presenza di un cromosoma 21 in più. Questa anomalia prende il nome dal medico inglese John Langdon Down che la descrisse nel 1866.  In Italia, 1 bambino su 1.200 nasce con la Sindrome di Down2.

Si distinguono 3 diversi tipi di trisomia 21:

       trisomia libera

       trisomia da traslocazione

       mosaicismo.

La trisomia libera è la tipologia più frequente al mondo tanto che riguarda il 95% circa dei casi. Si verifica quando il cromosoma 21 in sovrannumero è presente in tutte le cellule, per cui la persona affetta da questa sindrome possiede nel proprio corredo genetico 47 cromosomi invece che 463.

La trisomia per traslocazione avviene nel 4% circa dei casi e si verifica quando una parte del cromosoma 21 si fonde a un altro cromosoma. Un genitore con tale traslocazione nel proprio corredo cromosomico ha un’elevata probabilità di dare alla luce un figlio affetto da Sindrome di Down3.

La trisomia a mosaico o mosaicismo è molto rara (1% circa). In questo caso il soggetto che ne è affetto presenta sia cellule normali con 46 cromosomi, sia cellule con 47 cromosomi e il cromosoma in sovrannumero è sempre il 213

La Sindrome di Down si manifesta con un ritardo mentale che trova espressione a livello sociale e comportamentale4 e la si può individuare con un test di screening prenatale. Nella scelta del test a cui sottoporsi una gestante deve valutare il tasso di affidabilità e quanto precocemente lo si vuole effettuare.

Già a partire dalla 10a settimana di gravidanza, la mamma può sottoporsi al test del DNA fetale, un esame non invasivo che si basa su tecniche di ultima generazione per analizzare il DNA fetale circolante nel sangue materno durante la gravidanza. Questo tipo di test si effettua con un semplice prelievo di sangue e rileva con un’affidabilità del 99,9%, le principali trisomie (come la Sindrome di Down, Sindrome di Edwards, Sindrome di Patau), oltre alle microdelezioni principali e altre anomalie genetiche.

Tra l’11a e la 13a settimana di gravidanza è possibile effettuare il Bi test che viene svolto in concomitanza con l’esame ecografico di translucenza nucale. Il tasso di affidabilità di questi esami combinati è dell’85% circa5. Tra la 15a e la 17a settimana invece, la mamma può svolgere il Tri Test che è affidabile nel 60% dei casi.

 

Consulta il tuo ginecologo di fiducia per discutere di quale esame di screening prenatale svolgere.  Per ulteriori informazioni sul test non invasivo del DNA fetale visita il sito www.testprenataleaurora.it

 

 

Fonti: 

1)      Embriologia medica di Langman di Thomas W. Sadler, a cura di R. De Caro e S. Galli; 2016.

2)      Associazione Trisomia 21 Onlus

3)      Linguaggio e Sindrome di Down di P. Soraniello, pag.15

4)      Ritardo mentale, Sindrome di Down e autonomia cognitivo-comportamentale di D. Di Giacomo, D. Passafiume; 2004

5)      Medicina dell'età prenatale: Prevenzione, diagnosi e terapia dei difetti congeniti e delle principali patologie gravidiche -Di Antonio L. Borrelli, Domenico Arduini, Antonio Cardone, Valerio Ventrut 

test del DNA fetale | screening prenatale | gravidanza | amniocentesi | villocentesi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Le patologie correlate a delezioni e microdelezioni


Prozac e Sindrome di Down, nuovo orrore


Quali sono le principali anomalie cromosomiche?


Sindrome di Usher: Insieme per Sconfiggere la Disabilit


I piumini urban/outdoor di Fj舁lr舸en


DOWN THE STONE: "POKER FACE" (Cover Lady Gaga) il nuovo singolo e video


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Autori più attivi
Marzo

Recenti

Stesso autore

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Quando si scopre di aspettare un bambino, è molto importante che la futura mamma si occupi sia del proprio benessere sia di quello del bimbo che porta in grembo. Intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato, nutrirsi in modo bilanciato, ma soprattutto farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi ad almeno uno (continua)

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perch importante

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perch  importante
  A cura di: Ufficio stampa Sorgente Quando si aspetta un figlio, sono tante le decisioni che la famiglia deve prendere, e tanti sono gli aspetti da considerare. Uno di quelli più importanti, e su cui questo articolo intende fare chiarezza in modo che le coppie possano compiere una scelta consapevole, è la conservazione cellule staminali cordone ombelicale. Le cellule stamina (continua)

Tumore al seno e reggiseno: c定 un誕ssociazione?

Tumore al seno e reggiseno: c定 un誕ssociazione?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il carcinoma mammario è la forma tumorale con il tasso di incidenza maggiore tra la popolazione femminile. Le cause che portano allo sviluppo di questa neoplasia sono molteplici: età, familiarità e presenza di mutazioni genetiche, come quelle dei geni BRCA [1]. Si tratta di un argomento molto delicato e non manc (continua)

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media
  A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   La gravidanza è un periodo molto delicato nella vita di una donna. Quando una coppia è in cerca di un figlio, può sapere prima del concepimento se esiste una probabilità di trasmettere una malattia genetica al bambino effettuando un test genetico preconcepimento. Una delle malattie genetiche recessive che i (continua)

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica     Quando una coppia decide di avere un bambino, è importante che inizi a preoccuparsi, fin da prima della gravidanza, di quelle che potrebbero essere le future condizioni di salute del piccolo. I test prenatali sono indicati per indagare lo stato di salute del nascituro, in particolare un test preconcepimento consente alla c (continua)