Home > Informatica > Bill Gates vs Bitcoin – il fondatore di Microsoft critica duramente le cryptovalute

Bill Gates vs Bitcoin – il fondatore di Microsoft critica duramente le cryptovalute

scritto da: Elygiuliano | segnala un abuso

Bill Gates vs Bitcoin – il fondatore di Microsoft critica duramente le cryptovalute


Bill Gates si schiera contro le cryptovalute, o almeno ne critica aspramente la quasi totale mancanza di controllo. Nel rispondere durante un dibattimento aperto su una famosa piattaforma online, l’ex amministratore delegato nonché fondatore di Microsoft ha evidenziato i possibili rischi che l’anonimato nelle transazioni offerto da queste valute virtuali può produrre, non ultimi i pericoli alla salute fisica causati dalla possibilità di acquistare facilmente online molti tipi di sostanze stupefacenti o addirittura droghe pesanti utilizzando proprio queste monete digitali.

La caratteristica principale delle cryptovalute è l’anonimato. Non penso sia una buona cosa – afferma Gates. - La capacità delle autorità di scoprire il denaro riciclato, l’evasione delle tasse e il finanziamento dei terroristi è una buona cosa. Attualmente le cryptovalute sono usate per comperare droghe, quindi è una tecnologia che ha causato morti in modo piuttosto diretto. Credo che l’ondata speculativa relativa alle cryptovalute sia super rischiosa per chi guarda al lungo termine”.

L’ideatore del celebre sistema operativo Windows non è il solo personaggio di spicco a sollevare forti perplessità sul Bitcoin e i suoi “fratelli”, infatti anche lo stesso Warren Buffett, presidente e amministratore delegato di Berkshire Hathaway, si dice molto scettico sul futuro delle cryptovalute. “Posso dire che quasi certamente le cryptovalute faranno una brutta fine”, come affermato dallo stesso Buffett durante un servizio della Cnbc andato in onda nelle scorse settimane.

Certamente come dimostrano le ultime rilevazioni di vari malware destinati al mining di queste valute virtuali, l’interesse che hanno suscitato a livello globale le pone tra i principali obiettivi dei criminali informatici che proprio approfittando di standard di controllo e regolamentazione non adeguati continuano a diffondere truffe su ogni piattaforma tecnologica, inondando anche gli store ufficiali di app mobile con programmi che millantano facili guadagni, rivelandosi poi soltanto ignobili frodi ai danni delle malcapitate vittime.

ESET Italia consiglia agli utenti di porre estrema attenzione a tutti i software che promettono elevati profitti cavalcando l’entusiasmo delle borse per le cryptovalute, in particolare di scegliere con attenzione le app per i dispositivi Android i cui store ultimamente vedono imperversare tantissimi programmi truffa per il mining di monete digitali.

Per ulteriori informazioni su ESET visitare il sito www.eset.it


Fonte notizia: https://blog.eset.it/2018/03/bill-gates-vs-bitcoin-il-fondatore-di-microsoft-critica-duramente-le-cryptovalute/


ESET | Cryptovalute | Bill Gates |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Davvero (quasi)Tutti  pazzi per le Criptovalute?


Guida per imparare a investire con Bitcoin


Un homme trouve de vraies poupées d'amour et de sexe


Accu Asus f750jn Laptop Professioneel


Asus G58JB Laptop Accu


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Al via i convegni online di Future Time sulla cybersecurity: ransomware e inadeguatezza del privacy shield al centro del primo appuntamento

Al via i convegni online di Future Time sulla cybersecurity: ransomware e inadeguatezza del privacy shield al centro del primo appuntamento
L’evento si svolgerà in collaborazione con Stormshield Future Time, azienda romana attiva dal 2001 nella distribuzione di soluzioni per la sicurezza informatica, è lieta di annunciare il primo di una serie di convegni online in collaborazione con Stormshield, leader europeo nella sicurezza delle infrastrutture digitali. Nell'appuntamento del 27 maggio, dal titolo “Dove nascono le rughe del Ciso: ransomware e inadeguatezza del privacy shield sorve (continua)

COME SVILUPPARE UNA MUNICIPALITA’ DIGITALE E RIMANERE AL SICURO: L’ESEMPIO DI TEL AVIV, UNA DELLE CITTA’ PIU’ SMART AL MONDO

COME SVILUPPARE UNA MUNICIPALITA’ DIGITALE E RIMANERE AL SICURO: L’ESEMPIO DI TEL AVIV, UNA DELLE CITTA’ PIU’ SMART AL MONDO
Baciata dal sole del Mar Mediterraneo, Tel Aviv è uno dei migliori esempi di metropoli moderna, grazie ai suoi teatri, scuole d’arte, università, ristoranti che propongono ogni tipo di cucina, eventi sportivi, trasporti pubblici, una frequentatissima spiaggia e il più grande numero di start up per persona al mondo Negli anni Tel Aviv ha ricevuto una serie numerosa di riconoscimenti, tra cui quello di migliore metropoli in crescita, migliore gay city e, cosa più importante, città più smart al mondo. Tel Aviv ha dotato infatti i suoi cittadini di una rete Wi-Fi libera in tutta la città, insieme ad una applicazione che ha raggiunto il 60% dell’utilizzo da parte dei residenti nei primi 5 anni dalla sua in (continua)

Future Time distribuirà WOZON, la scatola nera della cybersecurity

Future Time distribuirà WOZON, la scatola nera della cybersecurity
Future Time, azienda romana attiva dal 2001 nella distribuzione di soluzioni per la sicurezza informatica, annuncia di aver siglato una partnership con WOZON per la distribuzione dell’omonimo software dedicato alla protezione del patrimonio aziendale Il software WOZON, interamente sviluppato in Italia da un team di tecnici specializzati in digital forensics, supporta le aziende nella tutela della proprietà intellettuale e nelle fasi di investigation interna a seguito di incidente informatico o contenzioso di lavoro, fornendo elementi che attestino l'implementazione di adeguate misure di sicurezza. Il sistema è una “scatola nera della cybe (continua)

Ariana Grande, sfruttato l’audio di Positions per rubare le credenziali di Microsoft 365

Ariana Grande, sfruttato l’audio di Positions per rubare le credenziali di Microsoft 365
I consigli degli esperti di Odix per proteggere la posta elettronica da attacchi indesiderati A fine marzo i ricercatori del team di Odix hanno individuato una estesa campagna di phishing che sfruttava un link alla riproduzione di Positions di Ariana Grande per rubare le credenziali di Microsoft 365 dei malcapitati utenti, pubblicandoli poi su un feed RSS. La dinamica del phishing utilizzata in questo caso è comune a molte altre campagne di questo tipo: l’utente riceve una mail (continua)

Sfruttata la funzionalità Link sicuri di Microsoft per una campagna di phishing

Sfruttata la funzionalità Link sicuri di Microsoft per una campagna di phishing
I consigli degli esperti di Odix per proteggere la posta elettronica da attacchi indesiderati Il 24 febbraio i ricercatori del team di Odix hanno individuato una estesa campagna di phishing attuata attraverso un allegato HTML che simulava una pagina di login Microsoft.Nulla di strano fin qui, considerato che Microsoft è la piattaforma maggiormente utilizzata per le campagne di phishing. Analizzando attentamente il link adoperato in questa campagna, gli esperti di Odix si sono però acc (continua)