Home > Cultura > “Balla e il ‘900”

“Balla e il ‘900”

scritto da: Filippo Lotti | segnala un abuso

“Balla e il ‘900”


 SAN MINIATO. Giacomo Balla è stato uno dei vertici dell'arte italiana del Novecento, promotore del Futurismo e dell'Astrattismo. Quest'anno - 2018 - ricorrono i 60 anni dalla morte. Il critico d'arte Luca Nannipieri cura la mostra "Balla e il '900", mettendo in luce il suo genio attraverso varie opere pittoriche e scultoree, a confronto con altri grandi artisti come De Chirico, Morandi, Sironi, Rosai, De Pisis, Severini. La mostra, organizzata dalla Casa d'Arte San Lorenzo, viene allestita a San Miniato (Pisa), all'interno dello storico Palazzo Grifoni (Piazza Grifoni 12, San Miniato), sede della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato, con il coordinamento di Filippo Lotti, la collaborazione del CRA Centro Raccolta Arte, di FuoriLuogo – Servizi per l’Arte e di Casa Nannipieri Arte, con il patrocinio di Regione Toscana e Provincia di Pisa.

L'inaugurazione sarà sabato 24 marzo 2018, alle ore 17.30. L'esposizione sarà visibile gratuitamente fino al 15 aprile 2018. 

Afferma Nannipieri: "Balla è sempre stato fondatore e traditore dei movimenti che ha promosso. È stato futurista, ma poi ha abbandonato il futurismo. È stato astrattista, ma poi neanche l'astrattismo lo ha persuaso per intero. È stato divisionista, superando il Divisionismo e rinnegandolo poco dopo. È  stato figurativo capendo però tutto l'anacronismo dell'essere meramente figurativo in un secolo che ha sperimentato di tutto al di là della figurazione. Un genio febbrile, nomade, con risultati assoluti che rimangono nella storia dell'arte europea del XX secolo".

La prima metà del Novecento è stata per l’arte italiana il momento storico più elettrizzante dell’intero ‘900. Nonostante le tragedie delle due guerre mondiali, tutto ciò che è avvenuto, prima, durante e dopo, ha segnato in maniera indelebile una sorta di nuovo Rinascimento dove tutte le arti concorrevano a quelli che oggi possiamo definire cambiamenti epocali.

A partire dal Futurismo, l’Italia si colloca al centro della scena internazionale.

Giacomo Balla (Torino, 1871 – Roma, 1958), fondatore e attivista di tale movimento è il soggetto principalmente indagato in questa mostra, nel sessantesimo anniversario della morte; con opere che vanno dagli anni Venti a metà dei Quaranta, lo spettatore si troverà proiettato in un contesto storico, sociale e artistico che ha modificato il pensiero e il costume del popolo italiano.

All’interno delle prestigiose sale del palazzo, a fianco alle opere di Giacomo Balla trovano spazio testimonianze artistiche di altri protagonisti di quella porzione di secolo: dalle vedute di Giorgio De Chirico alle composizioni di Filippo De Pisis, passando dalle nature morte di Giorgio Morandi ai “figurini” di Severini, il tutto contestualizzato dalle “propagande” sironiane.

In mostra circa 30 lavori tutti provenienti da importanti collezioni private esposti per la prima volta nel cuore della Toscana.

L'esposizione, fortemente voluta dall’amministrazione comunale di San Miniato, a ingresso libero, resterà aperta fino al 15 aprile 2018, con il seguente orario: dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 18, il sabato e la domenica dalle 10 alle 20.

Info: Casa d’Arte San Lorenzo, 0571 43595 - galleria@arte-sanlorenzo.it


Fonte notizia: http://www.arte-sanlorenzo.it


cultura | arte | mostra |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Viola Si Balla


Nuova serie Jabra PRO 900: efficienza e produttività a servizio del business


Liquoreria Carlotto: Made Rural incontra Daniela Carlotto La Signora del Liquore


Andrea Gioe’ “Premura” è il quarto scanzonato singolo estratto dall’album “L’Ottimista”


SCALARE LA COMPATTEZZA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Pinocchio al Pinocchio

Pinocchio al Pinocchio
 Si inaugura sabato 6 gennaio 2018 (ore 11.00), alla Casa culturale di San Miniato Basso (Pi), la mostra collettiva dal titolo “Pinocchio al Pinocchio”. La mostra, curata da Filippo Lotti, riunisce trentasei pittori, selezionati tra i nomi più illustri del panorama artistico toscano, ognuno invitato a illustrare, secondo la propria cifra stilistica ed iconografica, uno dei (continua)

“Archeologie”, Giuliano Giuggioli

“Archeologie”, Giuliano Giuggioli
 VETULONIA (Gr) - Si inaugura sabato 9 dicembre 2017 (ore 17.00), nel Museo Civico Archeologico “Isidoro Falchi” di Vetulonia (Gr) la personale di pittura di Giuliano Giuggioli dal titolo “Archeologie - Segni di un passato in un tempo futuro”. Nella mostra, organizzata da Casa d’Arte San Lorenzo e FuoriLuogo - Servizi per l’Arte e curata da Filippo Lotti (continua)

“Antropology - I fiori della nostra distrazione”, Massimo Barlettani

“Antropology - I fiori della nostra distrazione”, Massimo Barlettani
 Massimo Barlettani torna ad esporre in Toscana con la nuova mostra dal titolo “Antropology - I fiori della nostra distrazione”, curata dalla giornalista, critico d’arte milanese Alessandra Redaelli. E lo fa per un solo giorno, in una mostra che di per sé è un evento pensato per svilupparsi e concludersi in una sola sera, sabato 18 Novembre 2017 (dalle ore 18) (continua)

Pier Toffoletti, “La bellezza resistente”

Pier Toffoletti, “La bellezza resistente”
 SAN MINIATO (PI) – L’artista friulano Pier Toffoletti, reduce da importanti successi internazionali, in occasione della 47^ Mostra Mercato del Tartufo Bianco di San Miniato (11/12 - 18/19 - 25/26 novembre 2017), arriva ad esporre nella città federiciana per la prima volta e su invito di Casa d'Arte San Lorenzo. “La bellezza resistente”, curata da Filippo Lotti (continua)

“Rumore di fondo”, Giovanni Maranghi

“Rumore di fondo”, Giovanni Maranghi
 TREVISO. L’arte di Giovanni Maranghi approda, per la prima volta, in Veneto. E lo fa nella splendida cornice della prestigiosa Casa dei Carraresi, nella "città dipinta", in concomitanza con la grande mostra di Francis Bacon. L’esposizione dal titolo “Rumore di fondo” si inaugurerà sabato 14 gennaio 2017, alle ore 17.00. Una tappa fondament (continua)