Home > Arte e restauro > Lorenzo Puglisi, Scintille di un fuoco nero

Lorenzo Puglisi, Scintille di un fuoco nero

articolo pubblicato da: CSArt | segnala un abuso

Lorenzo Puglisi, Scintille di un fuoco nero

Lorenzo Puglisi I Scintille di un fuoco nero, 24 marzo – 5 maggio 2018, LABS Gallery di Bologna.

A cura di Martina Cavallarin, inaugurazione sabato 24 marzo alle ore 18.00.

Scintille di un fuoco nero, prima personale a Bologna di Lorenzo Puglisi, si configura come un’esperienza partecipata e immersiva. Il suono dell’album Bitches Brew di Miles Davis, le immagini di capolavori della Storia dell’Arte riprodotti in loop su un tablet, l’illuminazione calda delle candele, sono gli elementi che accompagnano lo spettatore alla visione dell’opera pittorica di Puglisi.

Nell’ampia sala rettangolare della galleria, in passato luogo di culto religioso, tre opere a olio su tavola di dimensioni monumentali realizzate site specific per la mostra (Il Grande sacrificio, 195x375 cm; Nell’orto degli ulivi, 208x158 cm; Matteo e l’angelo, 208x158 cm) sono abissi neri calibrati e disciplinati, note gigantesche sullo spartito bianco costituito dai muri perimetrali dell’aula. A completare il percorso espositivo, nella stanza attigua, una costellazione di opere più piccole compone un carosello nero, immerso nel silenzio.

Come spiega la curatrice, «Oltre alle rievocazioni storiche – Leonardo Da Vinci, Francisco Goya, Michelangelo, Caravaggio, con Angeli, Pietà, Cenacoli, Crocifissioni, sino alla singolare trasversalità dei ritratti di retrogusto baconiano – c’è in Puglisi una dimensione attuale che interrompe la meccanicità del riemerso e della ripetizione. Impastati nel nero profondo, gli indizi ripartiti sulla pelle del dipinto consegnano l’opera allo sguardo e alla contemplazione spirituale. Ciò che cattura l’attenzione dell’artista, e lo spinge a realizzare un lavoro, è l’impianto scenico della rappresentazione coniugato con un messaggio profondo, esoterico o mistico, che rifugge questioni teologiche o filosofiche e ha invece a che fare con l’introspezione dell’animo umano e una ricerca di trascendenza, valore che l’arte ha sempre perseguito per cercare un senso oltre il visibile. In Scintille di un fuoco nero le caratteristiche superfici pellicolari piatte e buie sono abitate dalla ristretta gamma di tracce cromatiche del bianco, del grigio, delle punte di rosso».

Scintille di un fuoco nero è una narrazione esperienziale tesa a coinvolgere lo spettatore, complice e voyeur dell’indagine il cui protagonista è sempre il conflitto tra conscio e inconscio proposto dalla pittura di Puglisi. «Si tratta – conclude Martina Cavallarin – di abbandonarsi all’esercizio delle relazioni in un luogo sperimentale di convivenze di presenze; un incontro romantico nel quale è premiato il riconoscimento delle diversità complementari dell’espressione pittorica e del supporto tecnologico che ci racconta le fonti dell’inspirazione artistica sia dal punto di vista iconografico che sonoro».

La mostra sarà visitabile fino al 5 maggio 2018, da martedì a venerdì ore 16.00-19.00, oppure su appuntamento. Ingresso libero. Catalogo disponibile in Galleria con testi di Martina Cavallarin e ricco apparato iconografico. Per informazioni: M. +39 348 9325473, info@labsgallery.it, www.labsgallery.it.

Lorenzo Puglisi | Martina Cavallarin | LABS Gallery | mostra | pittura | arte |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

NAPOLI CITTÀ DELLA CONVERSAZIONE


Idee Vestito nero da sposa


NON SOLO EFFICIENZA ENERGETICA: LA VOSTRA SICUREZZA PER YTONG E’ AL PRIMO POSTO


Le principali competenze e specializzazioni conseguite da Lorenzo Damia in ambito professionale


L’esperienza maturata dal Dott. Lorenzo Damia nel panorama odontoiatrico italiano


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Premio ANGAMC 2020 alla carriera di Roberto Casamonti

Premio ANGAMC 2020 alla carriera di Roberto Casamonti
 Premio ANGAMC 2020 alla carriera di Roberto Casamonti che, con grande passione e dedizione, ha portato il marchio Tornabuoni Arte nei centri focali dell’arte mondiale, facendosi portavoce della cultura italiana nel mondo. È Roberto Casamonti, fondatore della Tornabuoni Arte, il vincitore del Premio ANGAMC 2020, riconoscimento teso a valorizzare il ruolo e la carriera di un gall (continua)

Guido Pinzani. La forma nel tempo della forma

Guido Pinzani. La forma nel tempo della forma
 A undici anni dall’antologica dedicata a Guido Pinzani (Firenze, 1939), la Galleria Open Art di Prato mette in mostra, dopo un’attenta selezione, circa trenta lavori, tra sculture in legno di grande formato (è recente l’acquisizione di una di queste da parte della Fondazione VAF per la collezione permanente del MART) e bronzi, ciascuno dei quali fuso in un unico, pre (continua)

Ricordo di Anna Cantoni nel centenario della nascita 1919-2019

Ricordo di Anna Cantoni nel centenario della nascita 1919-2019
La Galleria Parmeggiani di Reggio Emilia (Corso Cairoli, 2) ospita, dal 21 dicembre 2019 al 19 gennaio 2020, la mostra in “Ricordo di Anna Cantoni nel centenario della nascita 1919-2019”. Realizzata in collaborazione con il Comune di Reggio Emilia e i Musei Civici, l’esposizione sarà inaugurata sabato 21 dicembre alle ore 11.00. Organizzata per ricordare la figura dell&rs (continua)

Falsa indicazione

Falsa indicazione
La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 4) presenta, dal 14 dicembre 2019 al 18 gennaio 2020, la consueta collettiva di Natale con opere pittoriche, scultoree e fotografiche di una quarantina di autori contemporanei, da Assadour, Benati e Galliani a Scolari, Stefanini e Varini. L’esposizione trae il titolo – “Falsa indicazione” – da una (continua)

Michelangelo Galliani vincitore del Franco Cuomo International Award per l'Arte 2019

Michelangelo Galliani vincitore del Franco Cuomo International Award per l'Arte 2019
 È lo scultore Michelangelo Galliani, titolare della cattedra di Tecniche del Marmo e delle Pietre dure presso l’Accademia di Belle Arti di Urbino, il vincitore del Franco Cuomo International Award per l’Arte 2019. Michelangelo Galliani tratta la scultura quasi come un progetto di design e lavora in maniera unica la materia plasmando dal marmo e dal piombo forme di straord (continua)