Home > Ambiente e salute > Polemiche sull段ntroduzione della Cannabis ad uso medico

Polemiche sull段ntroduzione della Cannabis ad uso medico

scritto da: Ictadmin | segnala un abuso

Polemiche sull段ntroduzione della Cannabis ad uso medico


Sostanza che da decenni non cessa di trascinare polemiche e manifestazioni, diatribe etiche e scientifiche, quello dell’uso della cannabis ad uso terapico è un argomento che ha avuto una svolta con l’inserimento nella tariffa nazionale dei medicinali nel 2017.

Purtroppo, come spesso accade, invece di essere una buona notizia per i sostenitori della cannabis ad uso medico, la novità è diventata campo di scontro proprio in merito all’importo stabilito dal Ministero della Salute nel tariffario nazionale dei medicinali.

Questo è stato fissato a 9 euro al grammo e i professionisti del settore medico, in particolare i farmacisti,  sottolineano come sia inferiore a quello richiesto dai distributori della sostanza; ecco dunque che la Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (FOFI) sottolinea in un comunicato come avesse già, in fase di istruttoria, fatto presente il problema richiedendo di fissare il prezzo a una cifra superiore per impedire che i propri associati si trovino a pagare la materia prima più di quanto costi la preparazione magistrale stessa, portandoli quindi a operare in perdita (da notare come nel caso della cannabis ad uso medico, di importazione olandese, i costi per i farmacisti preparatori che ne fanno uso arrivano ad 11 euro).

Ecco dunque che si è passati dal poter vendere cannabis ad uso medico a prezzo doppio rispetto a quello di acquisto con la precedente normativa, che consentiva ai laboratori galenici che effettuavano la preparazione di rientrare pienamente delle spese di registrazione analisi e preparazione del prodotto (già comunque particolarmente alte), alla situazione attuale in cui invece sarà necessario acquistare la materia prima in perdita rendendo non solo sconveniente ma addirittura deleterio per i conti dei farmacisti, le preparazioni con questo tipo di prodotto, con il conseguente rischio che solo gli ospedali saranno in grado di distribuire il farmaco ai pazienti creando a questi ultimi notevoli difficoltà.

Da qui una richiesta di confronto è stata rivolta da tutte le organizzazione Fofi, Federfarma, Asfi, Assofarma, Farmacie Unite, Sifap Società Italiana Farmacisti Preparatori e Utifar al ministero per risolvere il problema.

Confronto che, oltre a richiedere una risoluzione del problema appena sorto andrà a prendere in esame una revisione complessiva della tariffa nazionale dei medicinali. Questa infatti, risulta immutata da oltre vent’anni, in contrasto con la revisione biennale prescritta dalla legge, creando così evidenti problemi di sostenibilità economica nella realizzazioni dei preparati magistrali.

La questione cannabis è dunque la cosiddetta ciliegina su una torta molto più ampia, un terreno di confronto complesso tra farmacisti e ministero, terreno di discussioni approfondite da affrontare senza ulteriori rinvii.

 


Fonte notizia: https://www.sifap.org/


cannabis | tariffario nazionale | medicinali galenici |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Farmaco brevetto scaduto: la responsabilit del medico prescrittore


Nasce a Racale il primo Cannabis social club d'Italia


La mancanza di informazione, per le terapie sulla cannabis il peggior nemico


Non tutta la marijuana fa male: prova la nuova cannabis legale


Farmacie multate per cannabis, sanzioni dal Ministero ma non per morfina e oppiacei


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Coronavirus e acqua del rubinetto, smontiamo la bufala

Coronavirus e acqua del rubinetto, smontiamo la bufala
L棚talia e il mondo itero stanno vivendo, in questo periodo, un momento di altissimo ischio a causa del famigerato virus Covid-19 (anche conosciuto come Coronavirus).Da quando questa malattia balzata agli onori della cronaca per la sua virulenza e il tasso di infettivit, a diffondersi non stato solo il virus ma anche il panico e, con esso, molte false voci e notizie finte.Coronavirus, prima d (continua)

Obbligo di aggiornamento del DVR e della formazione obbligatoria

Obbligo di aggiornamento del DVR e della formazione obbligatoria
Con l'attuale situazione di emergenza venutasi a creare con il virus CoVID-19, scopriamo, insieme all'esperto consulente in sicurezza sul lavoro Riccardo P. quali sono le mosse da adottare per redigere il documento di valutazione dei rischi (DVR).Devo aggiornare il DVR per il rischio da COVID-19?NO, la valutazione e la gestione di un rischio biologico generale che trascende la singola Azienda e ch (continua)

I sistemi di sicurezza meccanici per la nostra abitazione

I sistemi di sicurezza meccanici per la nostra abitazione
Quali sono i sistemi di sicurezza pi efficaci per la nostra abitazione? Esistono delle linee guida per poter dormire sonni tranquilli in casa?La sicurezza della nostra casa, della nostra famiglia e dei nostri beni una preoccupazione costante, soprattutto oggi che le abitazioni sono l弛bbiettivo preferito dai ladri, anche rispetto a negozi e uffici.Per assicurare questa sicurezza ci viene in soc (continua)

Obblighi di legge per il personale HACCP

Obblighi di legge per il personale HACCP
Qual è l’obbligo di formazione per tutto il personale addetto alla preparazione e somministrazione degli alimenti per ottenere la certificazione HACCP? L’obbligo della formazione professionale per tutto il personale addetto alla preparazione e somministrazione degli alimenti (compresi i responsabili HACCP), è stato notevolmente ribadito dal Reg. 852/04 e dalle diverse di (continua)

Inquinamento plastica: un弾mergenza alimentare

Inquinamento plastica: un弾mergenza alimentare
L’uomo mangia 5 grammi di plastica ogni settimana e questa sta diventando un'emergenza sempre più pressante. Mano a mano che gli scienziati studiano il problema ci si rende conto della gravità della situazione: se fino a qualche anno fa si pensava che il problema principale fosse di natura strettamente ecologica per la vita di flora e fauna, oggi, progressivamente, ci si sta r (continua)