Home > Economia e Finanza > Inflazione USA in crescita, i Treasury volano ai massimi di 4 anni

Inflazione USA in crescita, i Treasury volano ai massimi di 4 anni

scritto da: Elleny | segnala un abuso

Inflazione USA in crescita, i Treasury volano ai massimi di 4 anni


Il rendimento dei Treasury si avvicina al massimo da circa 4 anni, con inevitabili implicazioni sul quadro generale relativo alla inflazione USA. Dopo la cavalcata della settimana scorsa, anche quella appena cominciata è all'insegna del rialzo. La forte crescita del rendimento dimostra come tra gli investitori stia crescendo l'idea che ben presto la dinamica dei prezzi americani possa impennarsi. Un balzo dell'inflazione porterebbe con sé anche un incremento delle possibilità che la FED acceleri il cronoprogramma del rialzo dei tassi di interese.

Bond e inflazione

Alla base di questa view c'è soprattutto la crescita di alcune commodities. Se prendiamo uno qualunque dei migliori broker regolamentati Consob, possiamo vedere come ci sia stata una forte corsa dei prezzi del petrolio e dei metalli. Il motivo è stato l'accrescimento delle tensioni geopolitiche e commerciali a livello internazionali. La guerra dei dazi e anche la tesnioen che c'è sul fronte siriano, infatti hanno imrpesso un forte movimento rialzista al mercato di alcune materie prime. Dal momento che l'inflazione finisce per erodere il valore di bond sovrani in circolazione, è chiaro che gli investitori preferiscono alleggerire le loro posizioni.

Secondo gli ultimi dati sui future sui Fed Funds, c'è una possibilità del 46% (dal punto di vista degli investitori) che entro la fine del 2018 i ritocchi al costo del denaro da parte della Federal Reserve possano essere tre o più; l'istituto centrale americano ne ha previste tre nella sua riunione di marzo, ma il mercato non esclude quindi la possibilità che ce ne possa essere una aggiuntiva. Anche per questo motivo molti trader hanno cominciato a comprare il dollaro, ed altri che sfruttano strategie trend following (breakout swing trading) si sono messi in scia facendo altrettanto. Il decennale Usa vede i rendimenti salire al 2,97%.

Il sell-off sull'obbligazionario statunitense è stato accompagnato dalla crescita del dollaro Usa, con l'Index arrivato ai massimi da inizio marzo. Il dollar index, che misura la forza del biglietto verde contro un paniere di sei delle principali valute mondiali, è infatti salito a 90,46, ovvero al livello più alto da inizio marzo. Una bella spinta è arrivata pure dal fronte geopolitico, visto che la Corea del Nord ha reso noto che interromperà i test missilistici e nucleari prima dell'atteso del vertice con il presidente degli Stati Uniti. Questo ha finito per tranquillizzare i mercati e riportare i trader dagli investimenti sui beni rifugio verso quelli a maggiore rischio.

inflazione | broker regolamentati | strategia trend following |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA "LA MIA TERRA


Presentato da Qintesi al Sap Now 2019 un innovativo progetto realizzato per il Gruppo Zambon


Affettatrici a volano: da chi acquistare


Quotazione dell'oro sotto pressione dopo un 2020 da urlo


Mercato valutario, pioggia di vendite sulla Corona di Svezia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Denaro, flussi in uscita dalla Cina. Pechino pensa ai future sullo yuan sul mercato onshore

Pechino è entrata in allarme. Da un po' di tempo i flussi di denaro in valuta estera stanno fuoriuscendo dal Paese. Per questo motivo, la banca centrale cinese (PBoC) pensa di sfoderare una mossa senza precedenti, ovvero la creazione di un mercato di future onshore sullo yuan.La Cina vuole attirare denaroUn contratto futures consentirebbe agli investitori di acquistare o vendere una certa quantit (continua)

BCE, ottimismo sul futuro ma nel breve termine c'è ancora da soffrire

Il bollettino economico della BCE fa il punto sulla situazione e le prospettive per la Eurozona. La Eurotower ha parlato di crescita, inflazione, tassi e programma PEPP.Lo scenario dipinto dalla BCESe il PIL reale della eurozona si stima che si sia contratto del 6,6% nel 2020, la BCE ha riscontrato però che il rimbalzo dell'economia globale è stato più rapido del previsto. Ci si può inoltre aspett (continua)

Mercato del greggio ancora in rialzo, il WTI prova a varcare i 70 dollari

Continua ad esserci un certo ottimismo attorno al mercato del greggio. Anche in questo avvio di settimana, i prezzi stanno marciando al rialzo, sostenuti dagli ultimi dati macro che sono giunti dalla Cina.Dati cinesi e mercato del greggioLa produzione industriale cinese è aumentata del 35,1% nei primi due mesi dell'anno, dopo un aumento del 7,3% a dicembre. Il dato va ben oltre le aspettative del (continua)

Quotazione dell'oro sotto pressione dopo un 2020 da urlo

Nonostante molti asset finanziari ambiscano a prendere il suo ruolo come safe haven, l'oro rimane ancora il rifugio sicuro preferito dagli investitori. Eppure in questi mesi di incertezza economica, la quotazione dell'oro si è allontanata dai record raggiunti nel 2020.Cosa indirizza la quotazione dell'oroI movimenti di prezzo del metallo prezioso non sono governati soltanto dall'umore del mercato. (continua)

Inflazione in arrivo, ecco cosa dovrebbe preocucpare gli investitori

L'attenzione crescente riguardo all'inflazione è testimoniata dal web. Questo termine infatti è stato cercato su Google in modo sempre più sostanzioso dall'inizio dell'anno. E come hanno fatto notare sia la BRI (Banca dei Regolamenti Internazionali) che il Fondo Monetario (FMI), più una parola è cercata, più significa che lo stato di allerta del pubblico è alto. Occhio all'inflazioneNon c'è dub (continua)