Home > Altro > Acquistare all'ingrosso cosmetici e accessori per il make up

Acquistare all'ingrosso cosmetici e accessori per il make up

articolo pubblicato da: simonafer | segnala un abuso

Acquistare all'ingrosso cosmetici e accessori per il make up

COSE DA SAPERE PRIMA DI COMPRARE ALL’INGROSSO COSMETICI DALLA CINA

Acquistare all’ingrosso cosmetici e accessori per il make up direttamente dalla Cina può rivelarsi un business molto redditizio e non a caso l’interesse commerciale verso questo settore sta crescendo sempre di più. Trattare i prodotti dermocosmetici, però, può non essere una cosa semplice perché questi articoli sono soggetti a rigide regolamentazioni sia nel mercato europeo, che in quello statunitense e australiano. Se stai quindi pensando di importare prodotti di bellezza dalla Cina per rivenderli in Italia o su un e-commerce, questi sono alcuni passaggi che devi seguire:

  • trovare un fornitore affidabile;
  • conoscere i requisiti di sicurezza e di etichettatura in vigore nel tuo Paese e in quelli dove intendi rivendere la merce;
  • studiare le regole per rivendere eventualmente i prodotti su Amazon o altri portali;
  • trovare le fiere cinesi che possono interessarti, ad esempio la fiera di Canton a Guangzhou in primavera e in autunno, oppure la China International Beauty Expo che si tiene annualmente a maggio, a Shanghai.

ACQUISTARE ALL’INGROSSO COSMETICI IN CINA: A CHI AFFIDARSI

Le fabbriche cinesi sono specializzate nella produzione di:

  • trucchi
  • cosmetici
  • strumenti per il make up
  • prodotti per la cura della pelle
  • attrezzature per il nail art
  • Extension per capelli e parrucche
  • Attrezzature per parrucchieri
  • Apparecchiature cosmetiche elettriche
  • Vasetti ed imballaggi

si trovano per lo più nelle province di Zhejiang, Guangdong e Jiangsu; alcuni uffici che si occupano della vendita però si trovano a Hong Kong e Shanghai, e in tal senso bisogna anche fare attenzione perché quasi tutte le aziende che hanno sede in queste città vendono all’ingrosso, ma non hanno i loro impianti di produzione.

Come fare allora per trovare il fornitore giusto? I due elenchi più importanti che puoi prendere in considerazione si trovano su Globalsources.com e Alibaba.com: qui trovi un numero enorme di fornitori, ma devi scegliere con cura i contatti.

Assicurati quindi:

  • che il fornitore sia specializzato nella produzione di cosmetici;
  • che i suoi prodotti rispettino gli standard di sicurezza presenti nel paese in cui intendi rivenderli;
  • che il capitale sociale della fabbrica superi i 1.000.000 yuan.

INGROSSO COSMETICI: QUALI SONO LE NORMATIVE PER L’IMPORTAZIONE E LA VENDITA

ingrosso cosmetici cina

Come abbiamo già accennato i cosmetici sono soggetti a rigide regole di sicurezza in quasi tutti i paesi: questo perché ci sono alcune sostanze chimiche che sono soggette a restrizioni e altre che non possono essere utilizzate; dovrai quindi assicurarti che i prodotti che importi dalla Cina vengano realizzati nel rispetto di tali standard altrimenti non potrai rivenderli.

I prodotti dovranno soprattutto rispettare le regole di etichettatura in vigore nel tuo paese: se non ti assicuri che tutto venga realizzato a norma di legge potresti anche correre il rischio che la tua merce si fermi alla dogana. Quello che ti consigliamo di fare è quindi un controllo preventivo.

In Europa e nel Regno Unito, chi importa merce di questo tipo è considerato responsabile della garanzia e del rispetto delle normative in vigore, e dovrà quindi assicurarsi che la merce rispetti almeno:

  • la normativa europea sui cosmetici;
  • la nuova regolamentazione eu sui cosmetici;
  • il Reach (Registrazione, Valutazione, Autorizzazione e Restrizione delle sostanze chimiche il Reach è una normativa UE che disciplina migliaia di sostanze come piombo, cadmio e colori AZO).

Gli accessori e gli altri strumenti di bellezza diversi dal make-up come forbicine, pennelli, ecc. potrebbero non essere considerati nella stessa categoria dei cosmetici, anche se sono funzionali ad essi. Tali prodotti vengono quindi assoggettati a regole differenti e richiedono:

  • marcatura CE;
  • etichetta del Paese di origine;
  • Reach

I prodotti devono inoltre essere realizzati secondo le Buone Prassi di Fabbricazione (GPM) che determinano dei requisiti di qualità al fine di prevenire contaminazione e impatto ambientale per far sì che i prodotti non siano dannosi per i consumatori. Se quindi vuoi importare prodotti cosmetici dalla Cina e vuoi stare tranquillo ti consigliamo di effettuare dei test di laboratorio prima che la merce ti venga spedita. E dovrai anche stare attento a scegliere bene il produttore perché non tutti sono capaci di rispettare gli standard richiesti nel tuo paese.

Tra gli altri fattori da considerare ci sono poi le etichette obbligatorie, i file tecnici che devono corredare i prodotti dermocosmetici e il CPNP (Portale Europeo di Notifica dei Prodotti Cosmetici) nel quale questi prodotti devono figurare.

INGROSSO COSMETICI: COSA È IL CPNP

comprare ingrosso cosmetici

Il CPNP è un sistema di notifica online che è stato reso obbligatorio dal Cosmetics UE (regolamento 1223/2009), in particolare dall’11 luglio 2013. In cosa consiste? In pratica, prima di essere immesso sul mercato, ogni prodotto cosmetico devi essere notificato sul portale. Il CPNP rappresenta quindi la fase conclusiva del processo di conformità dei prodotti cosmetici.

La notifica deve essere inoltrata alla Commissione Europea elettronicamente prima di immettere il prodotto sul mercato UE ed è necessario che si forniscano alcune informazioni specifiche:

  • nome e categoria di prodotto cosmetico;
  • nome e recapito del Responsabile (RS) che può essere una persona fisica o giuridica all’interno della Comunità europea;
  • Pese di importazione;
  • Stato membro in cui si vende il prodotto per la prima volta;
  • contatti di una persona fisica da chiamare in caso di necessità;
  • eventuale presenza di nanomateriali, indicando quale sostanza nanometrica e le condizioni di esposizione prevedibili;
  • formulazione del telaio al fine di consentire un eventuale trattamento medico in caso vi sia bisogno;
  • nome e numero del Chemical Abstract Service (CAS) oppure numero CE delle sostanze identificate categoria 1A, 1B CMR (allegato regolamento 1272/2008 CPL (CE) in cui si specificano per sostanze e miscele classificazione, regole di etichettatura e di imballaggio).

Quando il prodotto viene immesso sul mercato il responsabile deve infine inviare alla Commissione europea l’etichetta originale e una foto della confezione cui corrisponde.

In particolare, la formulazione del prodotto può essere fornita come:

  • formulazione frame – non si deve indicare la composizione completa se il prodotto ha una formula standard, ma solo i dati specifici e la concentrazione esatta degli ingredienti considerati a rischio;
  • concentrazione esatta – viene indicata la concentrazione esatta di ogni ingrediente del prodotto;
  • intervallo di concentrazione – si usano intervalli di concentrazioni specifiche per gli ingredienti che non sono pericolosi, mentre gli altri vengono riportati con le esatte concentrazioni fornendo dati specifici su alcune delle sostanze.

In caso vi sia presenza di nanomateriali nel prodotto, in base all’art.16 del regolamento eu sui cosmetici viene richiesta una notifica 6 mesi prima dell’immissione del prodotto sul mercato, si devono fornire diverse informazioni:

  • descrizione, specifiche, nome chimico del nanomateriale;
  • descrizione specifica del nanomateriale (dimensione particelle, proprietà chimiche e fisiche);
  • quantità di nanomateriale inserita nei prodotti immessi sul mercato annualmente;
  • profilo tossicologico;
  • dati di sicurezza del nanomateriale in riferimento alla categoria del prodotto;
  • condizioni di esposizione prevedibili ragionevolmente.

In caso la formula del prodotto sia la stessa, ma vi siano pacchetti diversi (nome prodotto, marchio, imballaggio) si deve eseguire la notifica per ogni pacchetto e se il prodotto viene importato da Paesi diversi, si dovranno eseguire tutte le notifiche dei Paesi.

Se vi è un aggiornamento della formula si devono modificare le informazioni corrette precedentemente fornite con una notifica al CPNP: in questo caso quindi i dati aggiornati vengono associati a una nuova formula.

COME VENDERE SU AMAZON COSMETICI E PRODOTTI DI BELLEZZA

ingrosso cosmetici yakkyo 

Hai pensato di rivendere i tuoi prodotti cosmetici su Amazon? Prima di farlo devi sapere che Amazon divide i prodotti di bellezza da quelli per la cura personale e che per vendere in una di queste categorie devi prima avere un permesso. Questa liberatoria si ottiene dopo aver presentato la documentazione che attesti la conformità dei prodotti alle normative del mercato di riferimento e può capitare che ti venga richiesto di fornire i test eseguiti sul tuo lotto di prodotti. Amazon può anche richiedere la licenza del marchio e la fattura del fornitore; per conoscere le sostanze per le quali Amazon vieta la vendita clicca qui.

COME ACQUISTARE INGROSSO COSMETICI FACILMENTE

La più grande difficoltà degli importatori è la conformità dei prodotti al mercato di vendita. Ci sono poi i test di laboratorio che possono costare davvero molto e i controlli doganali che sono particolarmente rigidi in caso di cosmetici.

Non tutti i fornitori sono in grado di gestire direttamente la conformità e quelli che lo fanno devono assumere un consulente esterno il cui compenso verrà aggiunto al costo della tua merce con il risultato che per te potrebbe non essere più vantaggioso acquistare dalla Cina.

Se a questo punto ti senti scoraggiato hai ragione: importare prodotti cosmetici dalla Cinanon è una cosa semplice, ma puoi superare questo scoglio grazie a Yakkyo, l’azienda italiana che aiuta le piccole e medie imprese a comprare all’ingrosso dalla Cina prodotti da rivendere in altri mercati.

Tramite Yakkyo puoi importare prodotti certificati, in linea con le normative del tuo Paese. Con il servizio YakkyoBot un assistente virtuale personalizzato ti segue nella ricerca e nella personalizzazione dei prodotti. Verrai messo in contatto solo con fornitori cinesi seri e affidabili e non dovrai pensare ad altro: dalla logistica, al trasporto al superamento della dogana pensa Yakkyo. A questo punto puoi riprendere a sognare: con Yakkyo importare dalla Cina e avviare il tuo business è un gioco da ragazzi.

cosmetici | makeup | lifestyle | pmi |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Le vendite eCommerce impennano: +81% come conseguenza del Coronavirus

Le vendite eCommerce impennano: +81% come conseguenza del Coronavirus
  Il Coronavirus rallenta l’economia globale, ma traina il settore delle vendite online e tra queste anche la startup italiana Yakkyofy. Il Coronavirus ha sicuramente avuto pesati conseguenza sull’economia globale, tuttavia proprio come conseguenza della ridotta mobilità delle persone e della necessità di rifornimenti ci sono alcuni settori che hanno rilevato un&rs (continua)

Rivoluzione eCommerce: Yakkyofy centra l’obiettivo ed è in overfunding su Mamacrowd.

Rivoluzione eCommerce: Yakkyofy centra l’obiettivo ed è in overfunding su Mamacrowd.
  Yakkyofy, dopo aver raggiunto l'obiettivo fissato per la sua campagna di equity crowdfunding su Mamacrowd, piattaforma di Siamo Soci, è ora in overfunding. Roma 28/02/2020, Yakkyofy, la startup italiana che sta rivoluzionando il modo di fare eCommerce con il metodo del dropshipping, si è rivelata un investimento molto invitante e di sicuro un’azienda che mantiene le pr (continua)

Una nuova tecnologia di Image Recognition rivoluziona il mondo dell’eCommerce.

Yakkyofy, il software italiano che rende completamente automatica la gestione di un negozio online, oggi lancia sul mercato il primo strumento mai inventato, per la realizzazione di preventivi automatici di prodotti da vendere in dropshipping. Questo permetterà di semplificare e velocizzare notevolmente la ricerca di fornitori e prodotti da vendere online, con un notevole impatto sul setto (continua)

Yakkyofy, la startup che rivoluziona il modo di fare eCommerce, arriva su Mamacrowd.

Yakkyofy, la startup che rivoluziona il modo di fare eCommerce, arriva su Mamacrowd.
  Yakkyofy, la startup che rivoluziona il modo di fare eCommerce, arriva su Mamacrowd.   Yakkyofy, la startup che sta rivoluzionando il modo di fare eCommerce con il metodo del dropshipping, oggi dà il via ad una campagna di equity crowdfunding su Mamacrowd. Roma 14/01/2020, Yakkyofy, software che rivoluziona il modo di fare eCommerce, rendendo completamente automatico tutto i (continua)

Qual è la migliore alternativa a Facebook per promuovere il tuo negozio in dropshipping?

Qual è la migliore alternativa a Facebook per promuovere il tuo negozio in dropshipping?
 Il 68% degli adulti americani usa Facebook e le sue pubblicità generano revenue per oltre $16 miliardi di entrate all’anno. Ma cosa c’entra questo con la tua azienda? Oggi la competizione online è sempre più elevata, le campagne pubblicitarie sono sempre più care ed è sempre più difficile attirare l’attenzione di cli (continua)