Home > Lavoro e Formazione > Mauro Ticca riflette su un argomento di grande attualità: lo smart working

Mauro Ticca riflette su un argomento di grande attualità: lo smart working

scritto da: Articolinews | segnala un abuso


Mauro Ticca esprime il suo pensiero sullo smart working, un tema che ha analizzato da angolazioni diverse, documentandosi anche attraverso il lavoro svolto dalle principali testate giornalistiche.

Mauro Ticca

Smart working: l'analisi di Mauro Ticca

Nasce dall'attenzione alla ricerca di un equilibrio tra fattori, opposti solo a una lettura superficiale, l'analisi di Mauro Ticca sullo smart working, uno degli argomenti più dibattuti nell'ultimo periodo. Le principali testate giornalistiche ne hanno ampiamente parlato e, in Italia, è passato il concetto di una generale accoglienza benevola da tutte le parti sociali, dalla componente sindacale a quella aziendale ed infine a quella dei lavoratori. La riflessione di Mauro Ticca muove dalla presa in considerazione della possibilità che ambiti e situazioni desiderate generino i loro opposti. Uno scenario idilliaco nel quale il lavoratore fornisce la sua prestazione da dove desidera, migliorando in tal modo la qualità della sua vita, potrebbe essere infatti rovinato da controlli a tappeto, invasioni della privacy e discussioni di altro tipo. In questo entra in gioco infatti l'Azienda e, in particolare il manager, il quale sbaglierebbe molto se vedesse in questo sistema soltanto un abbattimento di costi di struttura. Lo smart working è molto di più e "deve poggiare salde fondamenta in fattori motivazionali, fiduciari, di delega a fronte di condivisione di intenti, di target, di feedback continui, di contenuti da evadere in tempi stabiliti e rispettati". Proprio per questo motivo è necessaria la trasparenza e la condivisione delle conoscenze, in modo da evitare RIDONDANZE GERARCHICHE e un sistema di controllo asfissiante. Allo stesso tempo, il lavoratore lo deve percepire come una conquista reversibile oltre che meritata. L'efficacia dello smart working si realizza inevitabilmente nell'incontro di questi due poli.

Le tappe del percorso professionale di Mauro Ticca

Classe 1960, originario di Torino, Mauro Ticca ha un'esperienza consolidata in qualità di dirigente nel settore dei trasporti e aeroportuale. Il 1987 segna l'inizio del suo percorso: Executive Trasporti, società che opera nel comparto del trasporto nazionale su gomma, lo assume infatti come Addetto Commerciale. Dal 1991 al 1993 lavora presso l'ufficio commerciale di Federal Express, a Torino. Conclusa questa esperienza, Mauro Ticca viene assunto da Bartolini S.p.A., azienda per la quale svolge l'incarico di Direttore di Filiale per le città di Ivrea e Asti, divenendo successivamente Direttore dell'Hub di Torino. Dopo aver offerto consulenza a diverse realtà attive nel settore del trasporto espresso, nel 2004 viene nominato Direttore dello Scalo di Venezia da GH Italia S.p.A. e fa il suo ingresso nell'handling aeroportuale. Forte delle competenze assunte in questi anni, nel 2005 passa ad Aviapartner S.p.A. come Station Director, avviando una collaborazione destinata a protrarsi fino al 2017. Sotto la sua gestione, la società ha registrato ottimi risultati in economici.


Fonte notizia: https://www.linkedin.com/pulse/smart-work-full-trust-mauro-ticca/


Mauro Ticca |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La carriera del manager Mauro Ticca, manager del settore logistica e trasporti


Mauro Ticca riflette sul cargo aereo italiano


Le considerazioni di Mauro Ticca in merito all’avvio di una attività di e-commerce


Mauro Ticca: “La calma di un NO, come forma elegante di volersi bene”


Mauro Ticca: le considerazioni del manager sulla gestione del reso in e-commerce


Al via il progetto smart road a Torino: il pensiero di Mauro Ticca


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Pietro Vignali, per l’ex Sindaco di Parma un calvario giudiziario durato 10 anni

Pietro Vignali, per l’ex Sindaco di Parma un calvario giudiziario durato 10 anni
Dopo 10 anni di vicende giudiziarie, lo scorso inverno Pietro Vignali ha ottenuto la completa assoluzione dall’accusa di assunzioni clientelari durante il suo mandato come Sindaco di Parma Un'inchiesta partita nel 2011 e che si è conclusa solo nel 2020 con l'assoluzione e la riabilitazione. Per Pietro Vignali, ex primo cittadino di Parma, la battaglia non è ancora finita.Pietro Vignali: sul presunto caso 'dirigentopoli' accuse tanto infamanti quanto inconsistenti"A fine 2010 ero il quarto sindaco più amato d'Italia ed erano gli anni dei grandi progetti. Parma, inoltre, guidava (continua)

Alessandro Fioretto, AD di Italchimica, commenta il successo dell’attività

Alessandro Fioretto, AD di Italchimica, commenta il successo dell’attività
Alessandro Fioretto (Italchimica): “Tutti i prodotti sono stati adeguati in base alle informazioni fornite dagli enti competenti in materia di salute pubblica per il contenimento della pandemia” Italchimica al fianco di turismo e ristorazione, per la sicurezza di studenti e famiglie, come azienda leader in Italia nell'ambito della sanificazione e dei prodotti detergenti. L'AD Alessandro Fioretto spiega l'origine di questo successo e gli obiettivi per il futuro.Alessandro Fioretto: il successo di Italchimica"Con i nostri prodotti siamo in 18mila scuole. E se a settembre abbiamo lavora (continua)

Giampiero Catone: “Occorre riflessione seria sul lavoro, Rdc errore clamoroso”

Giampiero Catone: “Occorre riflessione seria sul lavoro, Rdc errore clamoroso”
Sul quotidiano “La Discussione” Giampiero Catone commenta i numeri del reddito di cittadinanza: “Sprecati 7,2 miliardi” Non ha dubbi Giampiero Catone: il Reddito di Cittadinanza è una misura fallimentare. In un articolo pubblicato sul quotidiano "La Discussione", il giornalista spinge per un utilizzo delle risorse mirato a politiche del lavoro e welfare.Giampiero Catone: "Ogni posto creato con il Rdc costa allo Stato 52mila euro"Sotto il punto di vista dell'occupazione, il sussidio introdotto dal Governo si è (continua)

House to House: innovazione e sostenibilità per crescere e ripartire dopo la pandemia

House to House: innovazione e sostenibilità per crescere e ripartire dopo la pandemia
Un’opportunità unica, quella di diventare Laundry Specialist, e fare carriera: l’impegno di House to House per formare e valorizzare i futuri professionisti del settore Nata nel 2006, House to House, specializzata in elettrodomestici e prodotti naturali per il bucato, continua ad espandersi in tutta Italia aprendo le porte a nuovi collaboratori: la crescita dell'azienda guidata da Nicola Lunardon.House to House: traguardi e riconoscimenti internazionaliFor a better life. House to House nasce nel 2006 per migliorare la quotidianità delle famiglie it (continua)

Sicurezza in Azione: il progetto di Riva Acciaio vince il Premio AIM Sicurezza

Sicurezza in Azione: il progetto di Riva Acciaio vince il Premio AIM Sicurezza
Il progetto “Sicurezza in Azione” di Riva Acciaio ha coinvolto alcuni lavoratori degli stabilimenti di Cerveno e Sellero, vincendo il Premio Sicurezza indetto dall’AIM Il progetto di Riva Acciaio dedicato alla salute e sicurezza sul lavoro ha coinvolto i dipendenti di due stabilimenti. I dettagli e gli obiettivi di "Sicurezza in Azione"."Sicurezza in Azione": il progetto di Riva AcciaioGrazie al progetto "Sicurezza in Azione" realizzato per gli anni 2018 - 2019, Riva Acciaio si è aggiudicato il Premio Sicurezza promosso dall'Associazione Ital (continua)