Home > Lavoro e Formazione > Mauro Ticca riflette su un argomento di grande attualità: lo smart working

Mauro Ticca riflette su un argomento di grande attualità: lo smart working

articolo pubblicato da: articolinews | segnala un abuso

Mauro Ticca esprime il suo pensiero sullo smart working, un tema che ha analizzato da angolazioni diverse, documentandosi anche attraverso il lavoro svolto dalle principali testate giornalistiche.

Mauro Ticca

Smart working: l'analisi di Mauro Ticca

Nasce dall'attenzione alla ricerca di un equilibrio tra fattori, opposti solo a una lettura superficiale, l'analisi di Mauro Ticca sullo smart working, uno degli argomenti più dibattuti nell'ultimo periodo. Le principali testate giornalistiche ne hanno ampiamente parlato e, in Italia, è passato il concetto di una generale accoglienza benevola da tutte le parti sociali, dalla componente sindacale a quella aziendale ed infine a quella dei lavoratori. La riflessione di Mauro Ticca muove dalla presa in considerazione della possibilità che ambiti e situazioni desiderate generino i loro opposti. Uno scenario idilliaco nel quale il lavoratore fornisce la sua prestazione da dove desidera, migliorando in tal modo la qualità della sua vita, potrebbe essere infatti rovinato da controlli a tappeto, invasioni della privacy e discussioni di altro tipo. In questo entra in gioco infatti l'Azienda e, in particolare il manager, il quale sbaglierebbe molto se vedesse in questo sistema soltanto un abbattimento di costi di struttura. Lo smart working è molto di più e "deve poggiare salde fondamenta in fattori motivazionali, fiduciari, di delega a fronte di condivisione di intenti, di target, di feedback continui, di contenuti da evadere in tempi stabiliti e rispettati". Proprio per questo motivo è necessaria la trasparenza e la condivisione delle conoscenze, in modo da evitare RIDONDANZE GERARCHICHE e un sistema di controllo asfissiante. Allo stesso tempo, il lavoratore lo deve percepire come una conquista reversibile oltre che meritata. L'efficacia dello smart working si realizza inevitabilmente nell'incontro di questi due poli.

Le tappe del percorso professionale di Mauro Ticca

Classe 1960, originario di Torino, Mauro Ticca ha un'esperienza consolidata in qualità di dirigente nel settore dei trasporti e aeroportuale. Il 1987 segna l'inizio del suo percorso: Executive Trasporti, società che opera nel comparto del trasporto nazionale su gomma, lo assume infatti come Addetto Commerciale. Dal 1991 al 1993 lavora presso l'ufficio commerciale di Federal Express, a Torino. Conclusa questa esperienza, Mauro Ticca viene assunto da Bartolini S.p.A., azienda per la quale svolge l'incarico di Direttore di Filiale per le città di Ivrea e Asti, divenendo successivamente Direttore dell'Hub di Torino. Dopo aver offerto consulenza a diverse realtà attive nel settore del trasporto espresso, nel 2004 viene nominato Direttore dello Scalo di Venezia da GH Italia S.p.A. e fa il suo ingresso nell'handling aeroportuale. Forte delle competenze assunte in questi anni, nel 2005 passa ad Aviapartner S.p.A. come Station Director, avviando una collaborazione destinata a protrarsi fino al 2017. Sotto la sua gestione, la società ha registrato ottimi risultati in economici.

Mauro Ticca |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La carriera del manager Mauro Ticca, manager del settore logistica e trasporti


Mauro Ticca riflette sul cargo aereo italiano


Le considerazioni di Mauro Ticca in merito all’avvio di una attività di e-commerce


Mauro Ticca: “La calma di un NO, come forma elegante di volersi bene”


Mauro Ticca: le considerazioni del manager sulla gestione del reso in e-commerce


Al via il progetto smart road a Torino: il pensiero di Mauro Ticca


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Vito Gamberale: asfalto al grafene per strade più sicure a Milano grazie ad Iterchimica

Iterchimica, guidata dalla famiglia Giannattasio e dall'Ing. Vito Gamberale, realizzerà insieme a Città metropolitana di Milano il rifacimento di due tratti stradali. L'asfalto in grafene sarà caratterizzato dal Gipave, supermodificante in grado di garantire maggior durabilità e maggiore sicurezza alla pavimentazione. Vito Gamberale: l'impegno di Iterchimica per la n (continua)

Serenissima Ristorazione si aggiudica il 261esimo posto nelle 400 migliori aziende italiane in cui lavorare

Tra gli obiettivi che Serenissima Ristorazione si impegna a perseguire vi è la soddisfazione dei propri clienti, ma anche quella dei dipendenti. Da un'indagine condotta dalla società tedesca indipendente "Statista" è emerso che questi ultimi sono soddisfatti del proprio ambiente lavorativo, infatti l'azienda si colloca al 261esimo posto della classifica delle 400 mig (continua)

FME Education: l’Osservatorio sulla Didattica Digitale e le ricerche su giovani e web

Come cambia l'approccio di studenti e famiglie verso il digitale? Quali sono le opportunità, quali i timori? FME Education , attraverso la piattaforma MyEdu e l'Osservatorio sulla Didattica Digitale, ha provato a rispondere a questi interrogativi conducendo delle ricerche sul territorio. FME Education: come cambia l'approccio di genitori e studenti verso il web MyEdu, progetto ideato e (continua)

Frabemar: l’impegno sul fronte della tecnologia

Il mito della vecchia nave cargo arrugginita è ormai da sfatare: anche nel settore dei trasporti marittimi vi è una rinnovata attenzione per lo sviluppo tecnologico. Lo testimoniano le attività di Frabemar e il rinnovato interesse per i viaggi su navi cargo. Frabemar: un viaggio alternativo grazie ai progressi tecnologici Un viaggio alternativo, a contatto con la natura, (continua)

Estate e studio: i suggerimenti di FME Education

FME Education è un editore attivo nel settore della didattica digitale e nella formazione. Da sempre si pone come obiettivo il supporto delle famiglie e degli studenti attraverso una vasta gamma di contenuti. Quest'estate ha pensato di proporre utili consigli per conciliare al meglio vacanze estive e compiti, senza pensieri e ansie. FME Education: i consigli per un'estate serena, senza tralasc (continua)