Home > Cultura > Cyclopica: in Triennale mostra sulle grandi opere di Salini Impregilo

Cyclopica: in Triennale mostra sulle grandi opere di Salini Impregilo

articolo pubblicato da: clacro | segnala un abuso

Una mostra per raccontare il "lato umano delle infrastrutture". Un viaggio dentro le grandi opere. Un’esperienza multisensoriale, fatta di suoni, luci, immagini, installazioni. La scoperta dell’ingegno di chi le ha realizzate. Questo è Cyclopica la mostra prodotta dal Gruppo Salini Impregilo  che sarà alla Triennale di Milano  dal prossimo 1° maggio al tre giugno. Il sottotitolo della mostra è “The Human Side of Infrastructure”, il lato umano delle infrastrutture, e rende esplicito l'obiettivo di raccontare anzitutto la vita dei lavoratori nel settore delle costruzioni. Il titolo allude ai ciclopi, giganti con un occhio solo. Sono “gigantesche” le opere realizzate, e un solo occhio è proprio quello della fotocamera che ha immortalato opere e cantiere confluiti nel gruppo Salini Impregilo.  I materiali arrivano infatti da un ricchissimo archivio composto da 1.200.000 foto e 600 video.

Mostra per tutti, grandi e bambini, che troveranno nelle installazioni un motivo di stupore, Cyclopica è anche l'esaltazione del lavoro manuale in particolare: sudore e ingegno, passione e innovazione tecnologica. Tutti ingredienti che si “assaggeranno” attraverso un'esperienza sensoriale.

Per accedere alla mostra in Triennale, infatti, si attraversa un tunnel che riproduce un vero e proprio cantiere sotterraneo. Il visitatore arriva così sotto il crinale di una grande diga immerso tra video e immagini ed effetti speciali. L’installazione è lunga 22 metri e alta più di sei e introduce alla storia di Salini Impregilo ma soprattutto del lavoro dell'uomo e delle sua abilità artigiane.

Il racconto parte da 40 album che appartengono alle origini di Salini Impregilo ripercorrendo l’attività dell’impresa Girola, una delle società che ha dato vita al Gruppo. Il percorso qui spazia dalla fine dagli anni ’20 alla fine degli anni ’50. Gli album fotografici sono ognuno dedicato a un cantiere diverso. Quelli precedenti alla seconda Guerra Mondiale sono realizzati dal fotografo Antonio Poletti, successivamente da Guglielmo Chiolini. Paoletti fotografa lavoratori appollaiati su carrelli sospesi nel vuoto e riprende gesti concreti del lavoro manuale da cui all’epoca dipendevano ancora tutti i processi produttivi.

Cyclopica però ci porta anche in Africa, sul Nilo, in Sudamerica. Il reportage di Gunter R. Reitz ci racconta l’impresa dei templi di Abu Simbel sezionati e spostati con l’aiuto di tagliatori specializzati provenienti dalle cave di marmo di Carrara. Una delle foto scattate da Gunter R. Reitz  vinse il World Press Photo nel 1965. Ma questa è solo una delle molte storie africane che ci restituisce l’archivio Salini.

cyclopica | salini impregilo | infrastrutture | grandi opere |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

LE SFIDE HR NEI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE


A Triennale Cyclopica narra grandi opere


Massimo Paracchini e Francesco Leale alla Galleria Nelson Cornici


Salini Impregilo: 50 giovani ingegneri italiani per gli Stati Uniti. Al via la seconda edizione del programma Tomorrow's Builders


Engineering News Record: Salini Impregilo nella top 10 Usa


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Pietro Salini " Pronti con Fincantieri a rifare il ponte in un anno, ma il governo affronti l'emergenza edilizia"

«Siamo a Genova per spirito di servizio, in un progetto come la ricostruzione del ponte Morandi non si entra per fare utili. Tanti nostri operai che lavorano al Terzo valico sono liguri e noi vogliamo essere loro vicini. Con Fincantieri e gli altri partner ci sentiamo attrezzati per aiutare una città che senza quel ponte sta morendo, non può aspettare oltre. L’ho detto pi (continua)

Salini stringe su Astaldi, in volata in borsa

 Entro il 15 dicembre Salini Impregilo formalizzerà la proposta per Astaldi.  E' quanto ha anticipato l'agenzia Mf-DowJones, ricordando che il giorno dopo scade il termine fissato dal Tribunale per la presentazione del piano di risanamento, una scadenza che verosimilmente Astaldi  chiederà di prorogare di due mesi fino a metà febbraio per presentare un piano di (continua)

Astaldi: Gros-Pietro, bene consolidamento ma decidano societa'

 A margine della Italy corporate governance conference 2018, il presidente di Intesa Sanpaolo - Gian Maria Gros-Pietro - ha dichiarato che il primo obiettivo è mantenere le capacità imprenditoriali del nostro paese in tutti i settori, in particolare nel settore della costruzione di infrastrutture. L’obiettivo può essere realizzato attraverso dei consolidamenti soci (continua)

MASSIMO FERRARI: ATTIVISMO DEGLI AZIONISTI, FORZA POSITIVA IN ITALIA

 Milano, 11 Dicembre 2018 – L’attivismo degli azionisti rappresenta un grande valore per l’Italia e per le sue aziende  negli ultimi anni, secondo quanto dichiarato oggi da Massimo Ferrari, General Manager di Salini Impregilo, oltre che  Tim Board Member e Cairo Communication Board Member, durante la Italy Corporate Governance Conference,  che si è svol (continua)

Salini Impregilo, la stretta su Astaldi: lavorano insieme per la Metro Blu

Una proposta per Astaldi. La formalizzerà Salini Impregilo, il primo gruppo italiano di costruzioni, che in tal modo presenterà una soluzione industriale per salvare la seconda società italiana del settore, attualmente in crisi (è in concordato in bianco). La proposta non vincolante — secondo quanto trapela da fonti vicine agli advisor, Vitale & Co. e Bank of (continua)