Home > Ambiente e salute > L’Ospedale Israelitico di Roma rinnova completamente le infrastrutture PACS e RIS. Stanziati oltre 500.000 euro per garantire efficienza e qualità

L’Ospedale Israelitico di Roma rinnova completamente le infrastrutture PACS e RIS. Stanziati oltre 500.000 euro per garantire efficienza e qualità

scritto da: Lalessi | segnala un abuso


 

Con 4 sedi nella capitale, 100 posti letto e oltre 40.000 esami radiologici effettuati ogni anno, l’Ospedale Israelitico vanta ormai una consolidata e affermata tradizione nel panorama sanitario romano.

Con i suoi oltre 300 anni di storia, l’Ospedale Israelitico continua nel suo percorso di crescita e aggiornamento tecnologico e professionale, finalizzato a voler continuare sempre ad offrire soluzioni innovative e all’avanguardia; in questo contesto l’Ospedale ha deciso di aggiornare la propria infrastruttura PACS e RIS scegliendo le soluzioni Carestream per garantire ai pazienti la massima efficienza e professionalità.

La Clinical Colloboration Platform, di cui il PACS fa parte, rappresenta una soluzione IT modulare e completamente personalizzabile in grado di archiviare, visualizzare, gestire e distribuire il patrimonio iconografico dei dipartimenti di diagnostica per immagini ottimizzando il flusso di lavoro per gli specialisti e migliorando la collaborazione le 3 strutture coinvolte. Attraverso il Portale Pazienti MyVue, una delle componenti di questa soluzione, per esempio, sarà possibile accedere alle immagini e ai referti dei propri esami radiologici con pochi semplici click comodamente da casa utilizzando il proprio PC, smarphone o tablet.

Il vero fiore all’occhiello dell’investimento, però, è sicuramente rappresentato dal Lesion Management, un’applicazione che consente di gestire le lesioni oncologiche in modo da migliorare la valutazione di questi pazienti con misurazioni quantitative, bookmarking e confronti nel tempo per aiutare gli oncologi nel processo decisionale diagnostico e terapeutico. Monitorando in modo automatico l’evoluzione di una lesione a partire da esami effettuati nel corso del tempo, Lesion Management permette al radiologo non solo di semplificare notevolmente la segmentazione e l’analisi ma anche di importare i risultati di esami che provengono da altri sistemi PACS migliorando la comprensione del quadro clinico di riferimento.

“Il Lesion Management di Carestream fornisce un'eccellente analisi quantitativa delle lesioni” afferma Basilio Lippi, Primario del reparto di Diagnostica per immagini dell’Ospedale Israelitico “In particolare i dati volumetrici offerti consentono di superare alcuni dei limiti delle tecniche di misurazione monodimensionale standard, attraverso una segmentazione e un'analisi rapida e che migliora la coerenza delle interpretazioni e quindi la qualità di cura offerta ai nostri pazienti”.

ospedale | medicina | investimento | CARESTREAM | sanità | ospedale israelitico |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

RITORNA RIDE MILANO


Centric annuncia la propria collaborazione con l’azienda tedesca Deuter, pioniere nella produzione di zaini


Licenziamento per giusta causa: truffa e permessi ex lege 104/92


Le novità L&S presentate a SICAM 2016


Antonio Mastrapasqua e la creazione di un’eccellenza sanitaria a livello nazionale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Digital Health Summit: Istituto Ospedaliero Fondazione Poliambulanza e Carestream Health insieme per parlare di strategie di Enterprise Imaging

Digital Health Summit: Istituto Ospedaliero Fondazione Poliambulanza e Carestream Health insieme per parlare di strategie di Enterprise Imaging
L’Istituto Ospedaliero Fondazione Poliambulanza è una struttura privata accreditata con il SSN, no-profit, punto di riferimento da oltre cento anni per l’eccellenza delle prestazioni erogate e l’attenzione dedicata al paziente nella sua globalità e dimensione clinica, umana e spirituale.   Durante il Digital Health Summit, evento che si terrà a P (continua)

In viaggio verso l’Antartide

  Sul plateau antartico, a 3.200 metri di altitudine e 1200 chilometri di distanza dalla costa continentale, si trova la stazione di ricerca italo-francese “Concordia”, frutto di un accordo congiunto del 1993 tra ENEA (Ente per le Nuove Tecnologie, l’Energia e l’Ambiente) e Istituto polare francese Paul Émile Victor (IPEV). Inizialmente stipulato con lo sc (continua)

ANTARES VISION CONTINUA LA CRESCITA: 2017 ANNO D’ORO

  Antares Vision, società leader mondiale nelle macchine e sistemi per l’ispezione visiva, nelle soluzioni di tracciatura e nella gestione intelligente dei dati, continua il proprio trend positivo anche nel 2017. Il fatturato consolidato della multinazionale bresciana, infatti, ha fatto registrare una crescita del 52% toccando quota 89,3 milioni di euro (58,5 milioni nel 2016), (continua)

L’Ospedale Cardarelli di Napoli investe 3 milioni di euro nella tecnologia PACS in cloud: Primo ospedale pubblico in Italia a dotarsi di questa innovazione

  Con oltre 950 posti letto e un numero di esami che si stima attorno ai 170.000 all’anno, l’ospedale “Antonio Cardarelli” di Napoli si conferma il più grande del Sud Italia, rappresentando un importante punto di riferimento a livello nazionale, non solo legato al Meridione. Al passo con l’innovazione e il rinnovo del parco tecnologico, l’Osped (continua)

Progetto di formazione offerto da Inpeco: borse di studio con valore di 60.000 € per il futuro dei giovani della Regione Sardegna

  Inpeco SPA, filiale italiana del gruppo internazionale leader nella progettazione e produzione di sistemi avanzati di automazione per i laboratori diagnostici di tutto il mondo (oltre 1.600 unità installate in 64 nazioni), ha lanciato un bando per 2 borse di studio in ambito medicina digitale, fruibili presso la sua sede di Pula. Con il progetto “PATH – Pathology in A (continua)