Home > Ambiente e salute > Cibo, conservazione delle staminali cordonali, e gravidanza sono legati tra loro?

Cibo, conservazione delle staminali cordonali, e gravidanza sono legati tra loro?

scritto da: Digitalpr | segnala un abuso

Cibo, conservazione delle staminali cordonali, e gravidanza sono legati tra loro?


A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

Nutrirsi bene e in modo equilibrato è un tema diffuso e da tempo oggetto di discussioni. Nonostante nel nostro Paese sia molto sentito il tema del "mangiar bene" e vi siano in commercio tantissimi e differenti prodotti alimentari, per molte persone l'approccio al cibo non avviene in modo del tutto naturale. L'argomento che vogliamo discutere in questo articolo riguarda proprio il cibo, e il suo rapporto con la gravidanza e la conservazione staminali cordone ombelicale.

Esiste una relazione tra cibo e stato gravidico, ossia tra salute della mamma e sviluppo del nascituro. Sul portale del Ministero della Salute1, è stata messa a disposizione una guida che elargisce consigli sul regime alimentare da seguire. Tra i suggerimenti presenti ci sono:

·          idratarsi bene bevendo molta acqua;

·         fare quattro o cinque pasti al giorno;

·         mangiare frutta e verdure di stagione;

·         preferire carni bianche e pesce cotti bene.

Nella guida, inoltre, si indicano anche i cibi che è meglio evitare nell'alimentazione, ossia: carni rosse, pesce crudo, pietanze ricche di grassi, insaccati, alcolici. Si suggerisce anche di ridurre l’assunzione di uova, caffè e zucchero.

L'alimentazione è un tema complesso e spesso circolano notizie sulle conseguenze negative che si hanno sia con la malnutrizione, sia al contrario con un aumento esagerato di peso durante i nove mesi di gestazione.

Nel comune di Pavia è stato condotto uno studio2 dal gruppo di medicina rigenerativa dell'Ospedale San Matteo, che ha evidenziato una connessione fra dieta seguita dai genitori biologici (prima e durante la gestazione) e cellule staminali cordonali.

Il tutto è partito dal ritenere che lo sviluppo delle cellule riproduttive umane (ovociti e spermatozoi) sia "influenzabile" dai cibi, e che di conseguenza tali cellule riproduttive potrebbero condizionare le cellule staminali cordonali.

Lo studio pavese sostiene che i figli nati da donne con problemi alimentari, quindi malnutrite o ipernutrite, posseggano un numero inferiore di cellule staminali. Di conseguenza, questa condizione di deficit, porterebbe ad avere le difese immunitarie più deboli e basse, e a essere più soggetti ad ammalarsi. Inoltre, il corpo avrebbe più difficoltà a riprendersi e gestirebbe con più difficoltà la sostituzione delle cellule. Perdere cellule è un evento che si verifica quotidianamente e non solo a causa di una malattia. Se nel corpo ci sono meno cellule staminali, lo stato di salute di una persona ne risente.

La conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale mette a disposizione delle famiglie un trattamento terapeutico alternativo, il cui potere cresce assieme ai progressi in campo scientifico.

Per maggiori informazioni: www.sorgente.com

Note

1 . “Gravidanza, corretta alimentazione”. Ministero della Salute

2. Per informazioni sullo studio La Provincia Pavese

cellule staminali | staminali del cordone ombelicale | cordone ombelicale | conservare le cellule staminali |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cellule staminali cordone ombelicale: come si usano nei trapianti


Intervista esclusiva a Andrea Mazzoleni, Vice Presidente di Beike Europe


Che cosa sono le cellule staminali?


Autismo e cellule staminali del cordone ombelicale


A cosa serve il cordone ombelicale?


Domande e risposte più frequenti sulla conservazione del cordone ombelicale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Quando si scopre di aspettare un bambino, è molto importante che la futura mamma si occupi sia del proprio benessere sia di quello del bimbo che porta in grembo. Intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato, nutrirsi in modo bilanciato, ma soprattutto farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi ad almeno uno (continua)

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante
  A cura di: Ufficio stampa Sorgente Quando si aspetta un figlio, sono tante le decisioni che la famiglia deve prendere, e tanti sono gli aspetti da considerare. Uno di quelli più importanti, e su cui questo articolo intende fare chiarezza in modo che le coppie possano compiere una scelta consapevole, è la conservazione cellule staminali cordone ombelicale. Le cellule stamina (continua)

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il carcinoma mammario è la forma tumorale con il tasso di incidenza maggiore tra la popolazione femminile. Le cause che portano allo sviluppo di questa neoplasia sono molteplici: età, familiarità e presenza di mutazioni genetiche, come quelle dei geni BRCA [1]. Si tratta di un argomento molto delicato e non manc (continua)

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media
  A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   La gravidanza è un periodo molto delicato nella vita di una donna. Quando una coppia è in cerca di un figlio, può sapere prima del concepimento se esiste una probabilità di trasmettere una malattia genetica al bambino effettuando un test genetico preconcepimento. Una delle malattie genetiche recessive che i (continua)

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica     Quando una coppia decide di avere un bambino, è importante che inizi a preoccuparsi, fin da prima della gravidanza, di quelle che potrebbero essere le future condizioni di salute del piccolo. I test prenatali sono indicati per indagare lo stato di salute del nascituro, in particolare un test preconcepimento consente alla c (continua)