Home > Arte e restauro > Andrea Cereda – Alessandro Costanzo, La sostanza del ricordo

Andrea Cereda – Alessandro Costanzo, La sostanza del ricordo

scritto da: CSArt | segnala un abuso

Andrea Cereda – Alessandro Costanzo, La sostanza del ricordo


 La Galleria Bonioni Arte (Corso Garibaldi 43, Reggio Emilia) presenta, dall’8 giugno all’8 luglio 2018, “La sostanza del ricordo”, doppia personale di Andrea Cereda e Alessandro Costanzo. Curata da Matteo Galbiati, la mostra sarà inaugurata venerdì 8 giugno con orario 18.00-22.00.

Un progetto curatoriale che, per la prima volta, mette a confronto le esperienze artistiche di Andrea Cereda e Alessandro Costanzo, selezionati dalla Galleria Bonioni Arte nell’ambito di Arteam Cup 2017. Nonostante percorsi differenti, i due artisti riescono a “incontrarsi”, svelando inattese affinità poetiche e analogie di visione.
«In entrambi – scrive Matteo Galbiati – la scelta di esprimersi rispettivamente con la scultura e con la pittura, mezzi tradizionali, ritrova inedite modalità formali, evidenziando una comune attitudine e convergenza a rinnovarne i codici espressivi e a contaminarne le azioni, portando alla verità di opere che sommano i modi e i mondi di entrambi i linguaggi. Concretezza, memoria, tempo, spazio, colore, natura e artificio trovano spazio per “muoversi” e “muovere” le immagini in un concatenarsi di fenomeni che svelano, poco per volta, il valore e il senso del loro fare che affida all’immagine il compito di testimoniare la suggestione di qualcosa che supera la contingenza del frammento reale costituito dall’opera stessa». 
Andrea Cereda presenta una selezione di opere a parete e da appoggio composte da una pluralità di elementi, tutte realizzate dal 2015 ad oggi. Per i suoi lavori utilizza prevalentemente ferri e lamiere recuperati da vecchi bidoni industriali, combusti, assemblati e tenuti insieme da saldature “urgenti”. Materiali che evidenziano la storia e la memoria della materia, con riferimento alle dinamiche umane, come ad esempio la necessità di adattarsi e trasformarsi per sopravvivere.
Alessandro Costanzo espone una serie di lavori a parete di medie e grandi dimensioni, riferibili al biennio 2017-2018. La sua ricerca, tesa all’approfondimento dell’idea di luogo inteso come spazio intimo, con particolare attenzione ai legami, ai flussi e all’osservazione delle masse, si caratterizza per la stratificazione dei materiali, la finitura con cera d’api e l’applicazione di piccoli frammenti di carta, che si sollevano dal supporto occultando una porzione del dipinto.
La mostra – premio speciale della Galleria Bonioni Arte conferito in occasione di Arteam Cup 2017 – è visitabile da martedì a domenica con orario 10.00-13.00 e 16.00-20.00. Ingresso libero. Catalogo Vanillaedizioni con un testo di Matteo Galbiati e ricco apparato iconografico.
Per informazioni: tel. 0522 435765, www.bonioniarte.it, info@bonioniarte.it, www.facebook.com/bonioniarte, www.instagram.com/bonioniarte. 
Andrea Cereda nasce a Lecco nel 1961, vive e lavora a Robbiate, in Brianza. Arriva al mondo dell’arte passando per l’esperienza maturata nel campo della pubblicità. La sua attività espositiva, inaugurata nel 2001, comprende numerose mostre in Italia e all’estero. Tra le recenti esposizioni si segnalano: “Romana Design District” (Scalise Costruzioni, Milano, 2018, a cura di Associazione Culturale Arteam), “saturAzioni” (Castello Visconteo, Abbiategrasso, Milano, 2018, a cura di Sonia Catena), “Arteam Cup 2018” (Fondazione Dino Zoli, Forlì, 2018, a cura di Livia Savorelli e Matteo Galbiati), “gARTen” (Villa Rovere, Correggio, Reggio Emilia, 2018, a cura di idee di gomma). Da anni collabora con le sue opere alle edizioni Pulcinoelefante.
Alessandro Costanzo nasce nel 1991 a Catania, dove vive e lavora. Dopo il diploma, si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Urbino, dove studia nuovi linguaggi della pittura. Prosegue gli studi all’Accademia di Catania, conseguendo la laurea specialistica in Pittura - Arti Visive. È stato selezionato nell’ambito dei seguenti concorsi artistici: Premio Ora (2017), Arteam Cup 2017, Premio Arti Visive San Fedele (2017-2018), Arteam Cup 2018. Le sue opere sono state recentemente esposte a BAF - Bergamo Arte Fiera (Arteam, 2018) e alla Fondazione Dino Zoli di Forlì, nell’ambito della mostra dei finalisti di Arteam Cup 2018, a cura di Livia Savorelli e Matteo Galbiati. 
 

Fonte notizia: http://www.bonioniarte.it


arte contemporanea | mostre | Andrea Cereda | Alessandro Costanzo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

PRIMA NEVE E PRIMIERO (TN) VERSO IL TRICOLORE, CAMPIONATI ASSOLUTI DI SCI NORDICO A GENNAIO


PASSO CEREDA PREPARA I CAMPIONATI ITALIANI, TRE GIORNI IN TRENTINO CON I MIGLIORI NAZIONALI


CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI DI FONDO, “DIDI” NÖCKLER FA IL BIS E RIECCO LA PILLER


CAMPIONATO ITALIANO A PASSO CEREDA, LA TEAM SPRINT... ATTENDE LA BEFANA


- Campania Palcoscenico del 4° Gran Premio Teatro Amatoriale FITA Stagione artistica 2018. (Inoltrato da Antonio Castaldo)


TRICOLORI IN PALIO A PASSO CEREDA (TN), GRUPPI SPORTIVI ALL’ASSALTO DEL TITOLO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Gallerie d'arte: Angamc scrive al ministro Franceschini

Gallerie d'arte: Angamc scrive al ministro Franceschini
Angamc scrive al ministro Franceschini per sollecitare risposte immediate e concrete a sostegno della filiera artistica L’Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea, unica voce a livello nazionale a rappresentare la categoria dei Galleristi, ha inviato una lettera al Ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, on. Dario Franceschini, per sollecitare l’apertura di un immediato dialogosu temi strategici per un settore duramente colpito dalla prolungata chiusura degli spazi (continua)

Roberto Rocchi, PRAXIS. Di marmo, di aria, di luce

Roberto Rocchi, PRAXIS. Di marmo, di aria, di luce
La Galleria ArteSì di Modena (via Fonte d’Abisso, 10) presenta, dal 14 marzo all’11 aprile 2020, “PRAXIS. Di marmo, di aria, di luce”, mostra personale dello scultore Roberto Rocchi, a cura di Cristina Muccioli, docente presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Il percorso espositivo comprende una ventina di opere di marmo, di aria e di luce, la maggior parte (continua)

Una, nessuna, centomila. Ritratti di donne nel Novecento

Una, nessuna, centomila. Ritratti di donne nel Novecento
 “Una, nessuna, centomila”: le rappresentazioni della donna nell’arte sono tante quante le donne stesse. Gli artisti si misurano da sempre con il tema del femminile, quasi a voler catturare qualcosa di ineffabile. Tantissime sono le donne dipinte, scolpite e fotografate che popoleranno la Galleria de’ Bonis (Viale dei Mille 44/D, Reggio Emilia) dal 7 al 28 marzo 2020. (continua)

BAU. Contenitore di cultura contemporanea 2004-2020

BAU. Contenitore di cultura contemporanea 2004-2020
Il CAMeC Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia celebra i primi sedici anni di attività dell’Associazione Culturale BAU con la mostra “BAU. Contenitore di cultura contemporanea 2004-2020” che, dal 21 febbraio al 7 giugno 2020, porterà al piano zero del museo le oltre mille opere contenute nei sedici numeri della rivista sperimentale “BAU”, tra (continua)

Lucia Bubilda Nanni. Profili cuciti di santità

Lucia Bubilda Nanni. Profili cuciti di santità
 Alla Fondazione Dino Zoli di Forlì si stringe ulteriormente il legame tra arte e tessuto con la mostra personale di Lucia Bubilda Nanni, “Profili cuciti di santità”, realizzata in partnership con la Dino Zoli Textile, l’azienda madre del Gruppo Dino Zoli.  Inserita nel programma “Who’s Next”, ideato nel 2018 per sostenere e promuovere l (continua)