Home > Ambiente e salute > Rischi dovuti ad amianto ed eternit

Rischi dovuti ad amianto ed eternit

scritto da: Egolem | segnala un abuso

Rischi dovuti ad amianto ed eternit


 L’amianto (o asbesto) è una sostanza di natura minerale a base di silicio, in grado di formare fibre molto flessibili resistenti al calore e chimicamente inerti.

 
L’amianto veniva utilizzato nel passato per le sue proprietà isolanti, sia nelle coibentazioni, sia nei materiali compositi (Eternit per le coperture dei tetti). Le fibre e la polvere di amianto se inalate, sono però cancerogene. Tale materiale viene pertanto oggi rimosso e smaltito con particolari precauzioni.
 
L’amianto rappresenta un rischio per la salute se le sue fibre sono rilasciate o se sono presenti nell’aria e se queste vengono respirate. Gli organi maggiormente colpiti dall’esposizione ad amianto sono i polmoni e la pleura. A carico del polmone, l’amianto può provocare il cancro o una malattia cronica detta ‘asbestosi’, mentre a carico della pleura la patologia correlata è il tumore noto anche come mesotelioma.
L’insorgenza di patologie tumorali non è sempre legato ad una lunga esposizione a fibre di amianto, ma è stato provato che è possibile contrarre malattie correlate anche con basse esposizioni.
 
Il rischio di esposizione, non interessa solamente i lavoratori che operano su materiali contenenti amianto, ma anche tutte quelle persone che risiedono o frequentano ambienti in cui è presente amianto sotto forma di manufatti. La pericolosità delle fibre di amianto deriva dalla possibilità di essere inalate e di penetrare facilmente negli interstizi polmonari.
 
La passata esposizione all’amianto uccide ancora oggi migliaia di persone l’anno. Si ritiene purtroppo che tale numero continuerà ad aumentare nei prossimi dieci anni.
 
Solitamente trascorre un lungo periodo di tempo fra la prima esposizione all’amianto e l’inizio della malattia vera e propria. Ciò può variare in un intervallo compreso fra 15 e 60 anni. Soltanto impedendo o minimizzando tale esposizione le malattie correlate all’amianto potranno essere finalmente eliminate.
 
I manufatti contenenti amianto più diffusi sono naturalmente le lastre di eternit piane o ondulate utilizzate per copertura in edilizia. In tali manufatti l’amianto è inglobato in una matrice non friabile che, quando è in buono stato di conservazione, impedisce il rilascio spontaneo di fibre.
 
Dopo anni dall’installazione tuttavia, le coperture subiscono un deterioramento per azione delle piogge acide, degli sbalzi termici, dell’erosione eolica e di organismi vegetali, che determinano corrosioni superficiali con affioramento delle fibre e conseguente liberazione di queste in aria.
 
Nelle coperture la liberazione di fibre avviene facilmente in corrispondenza di rotture delle lastre e di aree dove la matrice cementizia è corrosa.
 
Le fibre rilasciate sono disperse dal vento e, in misura ancora maggiore sono trascinate dalle acque piovane, raccogliendosi nei canali di gronda o venendo disperse nell’ambiente dagli scarichi di acque piovane non canalizzate.
 
Con la legge 257/92 sono stati vietati tutti i prodotti di amianto, con successivi Decreti Ministeriali: DM 06.09.1994, DM 26.10.1995, DM 14.05.1996, DM 20.08.1999, D.LGgs. N° 257 DEL 25 luglio 2006.
 
Sono stati regolamentati tutti gli aspetti relativi alla tutela dell’ambiente, della salute pubblica e dei lavoratori, dello smaltimento dei rifiuti, del controllo delle attività di bonifica dell’amianto presente negli edifici e negli impianti
 
L’azienda Lazzaroni Coperture di Rovato si occupa di smaltimento amianto Brescia, oltre che alla fornitura e posa di coperture civili e industriali.

 

smaltimento amianto |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Un percorso formativo per i responsabili del rischio amianto


Un corso per i responsabili dei manufatti contenenti amianto


Eternit: è obbligatorio bonificarlo?


Eternit: conoscerlo per smaltirlo in sicurezza


Perché l’amianto è pericoloso?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La saldatura laser

La saldatura laser
La saldatura laser consiste nello sfruttare una fonte di calore per fondere un metallo base ed unirlo con un metallo chimicamente compatibile chiamato metallo d'apporto. Le saldatrici laser utilizzano impulsi termici ad altissima densità di potenza.Il fascio di luce laser (Light Amplification by Stimulated Emission Radiation), è un fascio di luce coerente (con la stessa lunghezza d’onda) con una potenza molto concentrata.Al termine della scarica del fascio laser avviene l’istantaneo raffreddamento. Il calore generato è sostanzialmente limitato all’area di lavoro e (continua)

La piegatura della lamiera

La piegatura della lamiera
La piegatura della lamiera è un processo di lavorazione molto diffuso che nasconde delle difficoltà legate alla natura stessa del materiale impiegato. La piegatura della lamiera modifica in maniera permanente la struttura della lamiera, tuttavia non la rompe; a questo scopo, è indispensabile considerare il limite oltre il quale la lamiera non si deforma plasticamente, bensì si rompe.L’operazione di piegatura viene effettuata attraverso un punzone e una matrice che presenta, in negativo, la stessa forma del punzone.La piegatura delle lamiere è un (continua)

Punzonatrici

Punzonatrici
La punzonatura è una tecnica utilizzata nella lavorazione della lamiera che permette di imprimere un segno, o una forma, su una superficie mediante la pressione o la percussione di uno strumento detto punzone (dal latino “punctio”, pungere). Il primo esempio importante di punzonatura applicata all’arte pittorica si ha nell’affresco della Maestà di Simone Martini nel palazzo Pubblico di Siena (1315 circa). Questa tecnica veniva anticamente utilizzata nella lavorazione e decorazione di metalli e nella produzione di monete, poi anche per la dentellatura dei francobolli.Oggi viene utilizzata frequentemente in meccanica per lavorare le lam (continua)

Presse piagatrici per lamiera

Presse piagatrici per lamiera
La piegatura è un processo destinato a semplificare la deformazione di un pezzo in lamiera. Le presse piegatrici sono macchine utensili utilizzate per la piegatura a freddo di lamiere di vario spessore.Nell’industria meccanica, la piegatrice è una macchina per piegare lamiere e profilati metallici secondo superfici cilindriche (ma in tal caso è denominata calandra) o più spesso secondo diedri con spigolo arrotondato: per lamiere di piccolo spessore vengono impiegate quelle costituite da (continua)

Epilazione laser definitiva per uomo e donna

Sempre maggiore è negli ultimi anni l’importanza assunta dall’epilazione laser in strati sempre più ampi della popolazione, in parte per la grande pubblicità delle riviste e dei giornali, ma soprattutto in seguito alla grande diffusione delle tecnologie (Laser e Luce Pulsata ) che sono ormai presenti in molti centri estetici.Anche l’abbassamento dei prezzi di questi trattamenti al consumatore fina (continua)