Home > Informatica > Facebook migliora il proprio sistema di 2FA aggiungendo il supporto per le app di autenticazione

Facebook migliora il proprio sistema di 2FA aggiungendo il supporto per le app di autenticazione

articolo pubblicato da: Elygiuliano | segnala un abuso

Facebook migliora il proprio sistema di 2FA aggiungendo il supporto per le app di autenticazione

Secondo quanto riportato in un comunicato stampa del responsabile della 2FA di Facebook Scott Dickes, sulla piattaforma non sarà più necessario registrare un numero di telefono per impostare l’autenticazione a due fattori (2FA), nel tentativo di spingere il maggior numero di utenti possibile ad aggiungere un ulteriore livello di sicurezza ai propri account.

Per autenticare gli accessi, il social network ora consente agli utenti di utilizzare un’app di terze parti come Google Authenticator o Duo Security su desktop e dispositivi mobile. La società ha anche rinnovato la sua funzionalità 2FA con un “sistema di installazione semplificato che guida l’utente attraverso il processo”.

“L’autenticazione a due fattori è una best practice del settore per fornire una protezione aggiuntiva dell’account e abbiamo deciso di semplificarne l’installazione”, ha scritto Dickens.

I messaggi di testo attualmente sono il secondo fattore più utilizzato, anche se la maggior parte degli esperti di sicurezza non li giudicano sicuri, a causa delle vulnerabilità insite nella comunicazione SMS. Facebook offre già da tempo un sistema 2FA basato sulla tecnologia SMS e continuerà a farlo, ma l’uso di altri mezzi come un dispositivo hardware o un’app di autenticazione, generalmente viene considerato più sicuro.

Oggi non ci sono dati certi su quanti utenti Facebook effettivamente usano la 2FA. Negli account Google, ad esempio, i dati sono piuttosto tristi poiché purtroppo solo un titolare di profilo su dieci utilizza la 2FA.

Cosa fare?

Per abilitare l’autenticazione a due fattori sul proprio profilo Facebook, premere su “Impostazioni”, quindi su “Sicurezza e accesso”, entrare nella sezione “Utilizza autenticazione a due fattori”, dove si potrà scegliere e impostare il proprio metodo 2FA preferito. ESET Italia consiglia di approfittare di questo momento per controllare anche le altre impostazioni sulla privacy e sulla sicurezza per migliorare ulteriormente il livello di protezione del proprio profilo.

Molti servizi online, compresi quelli più famosi, attualmente offrono almeno uno dei due metodi per implementare l’autenticazione a due fattori. Per verificare che un determinato servizio Web disponga di 2FA è possibile collegarsi al seguente sito:

https://twofactorauth.org/

Pur non essendo la soluzione definitiva a tutti i problemi di sicurezza degli account, sicuramente l’autenticazione a due fattori aggiunge un prezioso livello di protezione aggiuntivo richiedendo davvero un minimo sforzo. Si può tranquillamente affermare che la 2FA avrebbe impedito innumerevoli intrusioni nel corso degli anni se i titolari degli account l’avessero attivata per tempo.

In fine ricordiamo che pur aggiungendo questa ulteriore protezione agli account non bisogna mai dimenticare di utilizzare una password forte e unica o, ancora meglio una passphrase.

ESET | 2FA | Facebook |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Mobile banking: app oroscopo su Google Play utilizzate per veicolare trojan bancari


I siti più famosi ancora indietro sulla sicurezza delle password


Aumentano le truffe legate alle cripto valute su Android: scoperte dai ricercatori di ESET app fake di Poloniex e MyEtherWallet


G DATA: il curioso caso della app che sottoscrive servizi “premium” a tua insaputa


TuttoFood 2017 Corea ecco le eccellenze culinarie che piacciono agli italiani


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Adolescenti e tecnologia: come evitare la dipendenza dei più piccoli

Adolescenti e tecnologia: come evitare la dipendenza dei più piccoli
Lo smartphone è ormai una presenza costante nella vita di ogni individuo, ma soprattutto fra i più giovani rischia di diventare una vera e propria dipendenza. Con la sua immediatezza, la Rete offre molteplici vantaggi legati a diversi aspetti della vita quotidiana, dall’apprendimento all’informazione passando per la connessione fra coetanei. Ma come per ogni aspetto, (continua)

ESET: nuova campagna di spam estorsivo ai danni degli utenti italiani

ESET: nuova campagna di spam estorsivo ai danni degli utenti italiani
I ricercatori di ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell’Unione europea, hanno rilevato una nuova ondata di email fasulle che tentano con l’inganno di estorcere denaro ai destinatari: il criminale informatico nel messaggio dichiara di aver hackerato il sistema operativo e di aver ottenuto l’accesso completo all’account dell’u (continua)

GlobalCoin: in arrivo la valuta made in Facebook

GlobalCoin: in arrivo la valuta made in Facebook
Dopo le voci dei mesi passati, la possibilità per Facebook di creare la propria criptovaluta sembrerebbe ormai realtà. Il progetto era nell’aria da tempo, l’idea di Mark Zuckerberg di creare una moneta virtuale a disposizione dei suoi quasi due miliardi e mezzo di utenti starebbe quindi prendendo corpo. Nessuna conferma dal diretto interessato ma secondo la BBC che ha (continua)

Google Play: app fake di Trezor ruba le credenziali di accesso ai wallet di monete virtuali

Google Play: app fake di Trezor ruba le credenziali di accesso ai wallet di monete virtuali
Nel mese di maggio 2019 il valore del Bitcoin ha toccato nuovi vertici, superando le quotazioni più alte raggiunte a settembre 2018. Non sorprende quindi che i criminali informatici abbiano sfruttato questa crescita per tornaconti illeciti, insidiando gli utenti di criptovaluta con truffe di vario tipo e app dannose. Secondo i ricercatori di ESET una di queste, chiamata Trezor Mobile Wall (continua)

Il GDPR un anno dopo

Il GDPR un anno dopo
Il 25 maggio 2019 ricorre il primo anniversario dell’entrata in vigore del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR) in Europa. Progettato per migliorare la protezione dei dati individuali e garantire la privacy di coloro che vivono all’interno dell’UE, il nuovo regolamento viene preso come esempio dal resto del mondo per gestire in modo più sicuro i dati sen (continua)