Home > Informatica > ESET, pronti per il GDPR con crittografia e autenticazione a due fattori

ESET, pronti per il GDPR con crittografia e autenticazione a due fattori

scritto da: Elygiuliano | segnala un abuso

ESET, pronti per il GDPR con crittografia e autenticazione a due fattori


ESET scommette sul GDPR e lo fa con ESET Endpoint Encryption e ESET Secure Authentication, soluzioni rispettivamente di crittografia e di strong authentication richieste dal GDPR ed in grado di garantire un’efficace tutela dei dati. «Queste due soluzioni fanno parte dell’offerta di ESET già da tempo e sono quindi consolidate e in uso da parte di clienti in diversi settori di mercato. Tuttavia in concomitanza con il GDPR sono state arricchite con nuove funzionalità e stiamo riscontrando un rinnovato interesse per entrambe» afferma Anna Cerimele, Marketing and Communication Manager ESET Italia (https://www.eset.it).

Soluzioni a misura di GDPR

Lo slittamento al 21 agosto 2018 del decreto attuativo di adeguamento della normativa esistente non intacca le prescrizioni del Regolamento in tema di trattamento dei dati che dal 25 maggio scorso devono essere attuate da imprese e professionisti. «Secondo ESET l’adeguamento alla nuova normativa europea deve essere inteso come un’opportunità per innalzare il livello dei sistemi di sicurezza aziendale ed andare oltre il semplice utilizzo di un software antivirus. Nello specifico, l’articolo 32 del regolamento fa riferimento alla crittografia come tecnologia di protezione dei dati adatta al raggiungimento della compliance. Questa misura è citata anche nell’articolo 34, in cui si parla di tecnologie che rendono illeggibili i dati» spiega Cerimele. «Con ESET Endpoint Encryption l’azienda dispone di uno strumento che permette la cifratura completa dell’endpoint crittografando l’intero disco così come qualsiasi dispositivo esterno di archiviazione (usb, cd, dvd e hard disk esterni)». Funzionalità che, dichiara ESET, si sposano con facilità d’uso per gli utenti e semplicità di configurazione per l’IT grazie a una console di gestione centralizzata dalla quale definire e distribuire policy di configurazione e chiavi di crittografia per utenti e gruppi di lavoro diversi. L’offerta di ESET per l’adeguamento al GDPR è completata da ESET Secure Authentication, soluzione di autenticazione a due fattori grazie alla quale, attraverso una one-time password (OTP) generata da applicazioni mobili, SMS o token hardware, è possibile proteggere l’accesso remoto alla rete aziendale e ai dati sensibili contenuti nelle appliances utilizzate quotidianamente in azienda. «L’entrata in vigore del GDPR ha rappresentato uno stimolo in più per le aziende che hanno compreso l’importanza di rivedere i processi interni di sicurezza e la necessità di innescare un percorso virtuoso di miglioramento degli asset e della produttività aziendale» afferma Cerimele. «Abbiamo potuto constatare sin da subito l’esigenza per molte imprese di salvaguardare il proprio patrimonio informativo: in questo senso entrambe le soluzioni possono rappresentare lo strumento per iniziare con il piede giusto, oppure completare un percorso già avviato» afferma Cerimele.

Focus GDPR all’ ESET Security Days di Roma

La tematica della compliance al nuovo regolamento europeo è stata approfondita sotto vari punti di vista durante l’evento di ESET Italia “GDPR e Cyber Security: strumenti strategici per il tuo business”, che si è svolto a Roma lo scorso 17 maggio. Tra gli intervenuti all’evento Angelo Carelli, Presidente e legale rappresentante della società Omicron Consulting srl, ha annunciato che la tecnologia di autenticazione a due fattori di ESET è stata scelta da Euler Hermes Italia - compagnia d’assicurazione crediti commerciali leader in Italia - per la protezione dei dati aziendali e la compliance al GDPR.  «L’esigenza di tutela dei dati sensibili dal rischio di Data Breach è ormai sentita in molte realtà operanti in diversi settori di mercato, in particolare nel Finance e nell’Healthcare» ci dice Cerimele. «L’offerta di ESET si rivolge comunque a tutti, anche se con modalità e approcci differenti. La nostra strategia punta in primis a mostrare i vantaggi offerti dalle nostre tecnologie, ma fa leva altresì sulla nostra esperienza trentennale nel settore e sulle capacità dei nostri commerciali di proporre progetti di sicurezza tagliati su misura, a seconda della realtà di business con cui si interfacciano. Proponiamo infine una serie di strumenti aggiuntivi, come simulazioni, case study, tutorial, paper e un sito web dedicato proprio alla compliance al nuovo regolamento (https://encryption.eset.com/it/)».

INTERVISTA PUBBLICATA SU DATAMANAGER ONLINE


Fonte notizia: http://www.datamanager.it/2018/06/eset-pronti-per-il-gdpr-con-crittografia-e-autenticazione-a-due-fattori/


ESET | GDPR | ESET Security Days |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ESET presenta ESET Full Disk Encryption, la soluzione di crittografia che protegge i dati sia nel mondo reale che in quello digitale


Vendite conformi al GDPR? Acronis ti dice come fare


ESET: il GDPR come percorso virtuoso verso una migliore gestione del business


ESET presenta la nuova linea di soluzioni di sicurezza per gli utenti privati


ESET premiata da AV-Comparatives per le soluzioni di sicurezza business e consumer


ESET inaugura la nuova suite di soluzioni per la sicurezza aziendale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Al via i convegni online di Future Time sulla cybersecurity: ransomware e inadeguatezza del privacy shield al centro del primo appuntamento

Al via i convegni online di Future Time sulla cybersecurity: ransomware e inadeguatezza del privacy shield al centro del primo appuntamento
L’evento si svolgerà in collaborazione con Stormshield Future Time, azienda romana attiva dal 2001 nella distribuzione di soluzioni per la sicurezza informatica, è lieta di annunciare il primo di una serie di convegni online in collaborazione con Stormshield, leader europeo nella sicurezza delle infrastrutture digitali. Nell'appuntamento del 27 maggio, dal titolo “Dove nascono le rughe del Ciso: ransomware e inadeguatezza del privacy shield sorve (continua)

COME SVILUPPARE UNA MUNICIPALITA’ DIGITALE E RIMANERE AL SICURO: L’ESEMPIO DI TEL AVIV, UNA DELLE CITTA’ PIU’ SMART AL MONDO

COME SVILUPPARE UNA MUNICIPALITA’ DIGITALE E RIMANERE AL SICURO: L’ESEMPIO DI TEL AVIV, UNA DELLE CITTA’ PIU’ SMART AL MONDO
Baciata dal sole del Mar Mediterraneo, Tel Aviv è uno dei migliori esempi di metropoli moderna, grazie ai suoi teatri, scuole d’arte, università, ristoranti che propongono ogni tipo di cucina, eventi sportivi, trasporti pubblici, una frequentatissima spiaggia e il più grande numero di start up per persona al mondo Negli anni Tel Aviv ha ricevuto una serie numerosa di riconoscimenti, tra cui quello di migliore metropoli in crescita, migliore gay city e, cosa più importante, città più smart al mondo. Tel Aviv ha dotato infatti i suoi cittadini di una rete Wi-Fi libera in tutta la città, insieme ad una applicazione che ha raggiunto il 60% dell’utilizzo da parte dei residenti nei primi 5 anni dalla sua in (continua)

Future Time distribuirà WOZON, la scatola nera della cybersecurity

Future Time distribuirà WOZON, la scatola nera della cybersecurity
Future Time, azienda romana attiva dal 2001 nella distribuzione di soluzioni per la sicurezza informatica, annuncia di aver siglato una partnership con WOZON per la distribuzione dell’omonimo software dedicato alla protezione del patrimonio aziendale Il software WOZON, interamente sviluppato in Italia da un team di tecnici specializzati in digital forensics, supporta le aziende nella tutela della proprietà intellettuale e nelle fasi di investigation interna a seguito di incidente informatico o contenzioso di lavoro, fornendo elementi che attestino l'implementazione di adeguate misure di sicurezza. Il sistema è una “scatola nera della cybe (continua)

Ariana Grande, sfruttato l’audio di Positions per rubare le credenziali di Microsoft 365

Ariana Grande, sfruttato l’audio di Positions per rubare le credenziali di Microsoft 365
I consigli degli esperti di Odix per proteggere la posta elettronica da attacchi indesiderati A fine marzo i ricercatori del team di Odix hanno individuato una estesa campagna di phishing che sfruttava un link alla riproduzione di Positions di Ariana Grande per rubare le credenziali di Microsoft 365 dei malcapitati utenti, pubblicandoli poi su un feed RSS. La dinamica del phishing utilizzata in questo caso è comune a molte altre campagne di questo tipo: l’utente riceve una mail (continua)

Sfruttata la funzionalità Link sicuri di Microsoft per una campagna di phishing

Sfruttata la funzionalità Link sicuri di Microsoft per una campagna di phishing
I consigli degli esperti di Odix per proteggere la posta elettronica da attacchi indesiderati Il 24 febbraio i ricercatori del team di Odix hanno individuato una estesa campagna di phishing attuata attraverso un allegato HTML che simulava una pagina di login Microsoft.Nulla di strano fin qui, considerato che Microsoft è la piattaforma maggiormente utilizzata per le campagne di phishing. Analizzando attentamente il link adoperato in questa campagna, gli esperti di Odix si sono però acc (continua)