Home > Ambiente e salute > Cancro e alimentazione: cosa è bene mangiare?

Cancro e alimentazione: cosa è bene mangiare?

scritto da: Digitalpr | segnala un abuso

Cancro e alimentazione: cosa è bene mangiare?


A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica

L’alimentazione è un fattore molto importante che incide sullo stato di salute delle persone. La prevenzione tumore al seno comprende una serie di precauzioni, anche alimentari. Nella lotta contro i tumori, infatti, la dieta è considerata il secondo fattore di prevenzione più importante, subito dopo il fumo, e in Occidente il 30% dei casi di cancro è connesso proprio all’alimentazione[1].

Ci sono altri fattori che concorrono al benessere del nostro organismo e coadiuvano nella prevenzione di varie forme tumorali[1], come un’attività fisica regolare, stile di vita salutare, ecc.

Il Fondo mondiale per la ricerca sul cancro (World CancerResearch Fund) ha eseguito un lavoro, nel 2007, sulla relazione fra sviluppo dei tumori e alimentazione, avvalendosi della collaborazione di più di 150 studiosi provenienti dai migliori centri di ricerca mondiali[2]. L’opera ha evidenziato come, per prevenire alcune neoplasie, sia essenziale cercare di tenersi in forma, evitare cibi grassi e calorici e bevande zuccherate, preferire carni bianche o pesce a quello rosse e lavorate industrialmente, e anche praticare l’allattamento al seno per almeno i primi 6 mesi dalla nascita del bimbo[2].

Gli studi sul legame fra cibo e tumori sono aumentati, e grazie anche allo sviluppo di nuove tecniche di valutazione, è stato possibile dar vita all’epidemiologia nutrizionale, ossia a un nuovo ramo della ricerca scientifica[3].

Non tutti i cibi grassi sono connessi a un aumentato rischio cancro. La frutta secca, ad esempio, è fonte di molte sostanze benefiche per l’organismo. Ciò che conta è evitare alimenti grassi, calorici e zuccherati[4,5].

Una dieta corretta prevede il consumo di molta frutta e verdura, per introdurre, oltre, alle giuste quantità di vitamine e sali minerali, anche molta acqua e fibre ma poche calorie. In generale, per la prevenzione dei tumori, è consigliata un’alimentazione ricca di cibi vegetali che aiutano a ridurre obesità e sovrappeso[4,5].

Vediamo nel dettaglio quali sono i cibi raccomandati in una dieta preventiva:

- legumi: lenticchie, piselli, fave, fagioli;

- cereali integrali: orzo, quinoa, grano saraceno, farro, mais;

- frutta e vegetali verdi: broccoli, zucchine e kiwi;

- frutta e vegetali gialli-arancio: carote, peperoni, albicocche, limoni;

- frutta e vegetali rossi: lamponi, fragole, pomodori, barbabietole;

- frutta e vegetali blu-viola: melanzane, prugne, more, mirtilli;

- frutta e vegetali bianche: verza, cipolle, porri, cavolfiore[4,5].

In una dieta preventiva è vivamente sconsigliata l’assunzione di carne rossa, carne lavorata, e insaccati[4,5].

La dieta da sola non basta. Per intraprendere un piano preventivo completo contro varie forme di neoplasie, è bene anche sottoporsi a visite mediche regolari e a test genetici, come il test BRCA, fondamentale nello screening del cancro mammario e ovarico. Si stima che il 15% dei casi di tumore alle ovaie e il 10% di quelli alla mammella sono connessi ad alterazioni ai geni BRCA1 e BRCA2[6].

Per maggiori informazioni: www.brcasorgente.it

Fonti:

1. Diet, nutrition and the prevention of cancer Timothy J. Key, Arthur Schatzkin, Walter C.Willett, Naomi E. Allen, Elizabeth A. Spencer and Ruth C. Travis

2. www.airc.it

3. www.fondazioneveronesi.it

4. Linee guida nutrizione – www.ieo.it

5. World Cancer Research Fund International - www.wcrf.org

6. Pal T, Permuth-Wey J, Betts JA, et al. BRCA1 and BRCA2 mutations account for a large proportion of ovarian carcinoma cases. Cancer 2005; 104(12):2807–16

 

test genetico tumore al seno | tumore al seno | cancro al seno | mutazioni geni brca |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Recensione sulle 10 diete TOP


Convegno Internazionale sul Cancro al Seno nelle Donne Migranti Latinoamericane in Italia al Teatro Agorà.


Orto d'Artista dalla Semina al raccolto: IL RACCOLTO


Congresso ASH 2017: Edoxaban efficace nel trattamento TEV pazienti oncologici


dieta sana


"Arredo per vacche e amici": Bando di concorso per il benessere degli animali


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Quando si scopre di aspettare un bambino, è molto importante che la futura mamma si occupi sia del proprio benessere sia di quello del bimbo che porta in grembo. Intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato, nutrirsi in modo bilanciato, ma soprattutto farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi ad almeno uno (continua)

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante
  A cura di: Ufficio stampa Sorgente Quando si aspetta un figlio, sono tante le decisioni che la famiglia deve prendere, e tanti sono gli aspetti da considerare. Uno di quelli più importanti, e su cui questo articolo intende fare chiarezza in modo che le coppie possano compiere una scelta consapevole, è la conservazione cellule staminali cordone ombelicale. Le cellule stamina (continua)

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il carcinoma mammario è la forma tumorale con il tasso di incidenza maggiore tra la popolazione femminile. Le cause che portano allo sviluppo di questa neoplasia sono molteplici: età, familiarità e presenza di mutazioni genetiche, come quelle dei geni BRCA [1]. Si tratta di un argomento molto delicato e non manc (continua)

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media
  A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   La gravidanza è un periodo molto delicato nella vita di una donna. Quando una coppia è in cerca di un figlio, può sapere prima del concepimento se esiste una probabilità di trasmettere una malattia genetica al bambino effettuando un test genetico preconcepimento. Una delle malattie genetiche recessive che i (continua)

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica     Quando una coppia decide di avere un bambino, è importante che inizi a preoccuparsi, fin da prima della gravidanza, di quelle che potrebbero essere le future condizioni di salute del piccolo. I test prenatali sono indicati per indagare lo stato di salute del nascituro, in particolare un test preconcepimento consente alla c (continua)