Home > Economia e Finanza > Dollaro, l'index vola contro un paniere di 6 valute

Dollaro, l'index vola contro un paniere di 6 valute

articolo pubblicato da: Elleny | segnala un abuso

Il dollaro ha raggiunto il picco di due settimane contro un paniere di valute, dopo che i dati macro hanno evidenziato un surplus commerciale record cinese, che potrebbe aggiungere benzina alle tensioni commerciali già forti tra il paese orientale e Trump. Questo ha spronato ancora più investitori a puntare sulla solidità del biglietto verde (che forse potrebbe risentire meno di altri di una guerra globale dei dazi). Inoltre i commenti ottimisti sull'economia statunitense da parte del presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, hanno alimentato la domanda di dollari.

Dollaro contro yen, euro e yuan

dollaroLo yen nel frattempo è caduto al minimo di 6 mesi contro il biglietto verde. La vauta giapponese ha toccato quota 112,79 per dollaro prima di riprendersi a 112,51 yen. Anche l'euro e lo yuan cinese si sono indeboliti contro la valuta statunitense. L'euro è sceso a un minimo di nove giorni a 1,1610, mentre lo yuan è sceso a 6,7250, vicino a un minimo di 11 mesi di 6,7326 il 3 luglio. Di sicuro sarà stata una giornata intensa per chi adotta tecniche di trading forex intraday.

È chiaro che in questa fase le preoccupazioni della guerra commerciale amplificano il rischio al ribasso sulla crescita globale, che tende ad essere positiva per il dollaro e mette un freno a altre valute. Se consideriamo il solo indice che replica l'andamento del greenback rispetto allo yen, euro e altre quattro valute, esso è salito dello 0,2% a 94.988 dopo aver toccato 95.241, il livello più alto dal 29 giugno.

Consiglio: se decidete di fare trading sulle valute, ricordate che anche gli orari apertura mercati forex vanno considerati bene.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump questa settimana ha annunciato che verranno introdotte nuove tariffe sui beni cinesi per 200 miliardi di dollari. Pechino ha promesso di vendicarsi. Le crescenti tensioni commerciali non hanno intaccato l'economia statunitense, che è la sua seconda espansione più lunga mai registrata.

dollaro | tecniche di trading forex | intraday forex | orari apertura mercati forex |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Dollaro canadese, sprint sui massimi settimanali contro l'USD

Come quasi tutte le valute del G10, anche il dollaro canadese ha guadagnato terreno sul suo "collega" americano, raggiungendo il livello massimo da una settimana. In realtà più che la forma propria del Loonie (come viene chiamata la valuta canadese in gergo),  ad imprimere la direzione al rapporto di cambio è stata soprattutto la debolezza del greenback american (continua)

Svalutazione competitiva dello Yuan, ecco la contromossa di Pechino

La guerra commerciale tra USA e Cina è ufficialmente sfociata in guerra valutaria. Come risposta alla nuova ondata di dazi voluta da Trump, la Cina ha consentito che la propria valuta subisse un svalutazione pesante contro il dollaro, tanto da giungere al valore minimo in 11 anni. La svalutazione competitiva dello Yuan Che le cose stessero volgendo al peggio si era capito da qualche giorn (continua)

Investimenti, dopo il rally è giusto abbandonare l'oro?

Gli investimenti in oro si sono rivelati un buon affare in questa prima metà del 2019, visto che la quotazione è tornata oltre quota 1400 dollari l'oncia come non accadeva da tempo. I numeri degli investimenti in oro Chi avesse investito circa 10mila in un Etf che replica il prezzo del metallo prezioso, oggi avrebbe un capitale di 11.125 euro. Parliamo di un guadagno dell'11,25%. M (continua)

La Federal Reserve si avvicina al taglio dei tassi. Dollaro in discesa

Come era prevedibile, la Federal Reserve ha deciso di lasciare i tassi di interesse al livello attuale. Tuttavia, ha confermato in modo evidente che si sta marciando verso un ormai prossimo taglio del costo del denaro. Il FOMC vota per non toccare i tassi La due giorni di meeting dell'istituto centrale americano si è concluso con un voto non unanime del Fomc. L'organo di politica monetari (continua)

Beni rifugio richiestissimi, cresce la paura sui mercati globali

Sui mercati è tornata a spirare in modo forte l'avversione al rischio, dando così una spinta ai beni rifugio come lo yen. La valuta giapponese è così arrivata ai massimi delle ultime due settimane nei confronti del dollaro, mentre sul biglietto verde pesano i timori di escalation delle tensioni commerciali tra Usa e Cina e la discesa dei rendimenti sulla curva dei Treas (continua)