Home > Altro > Difficoltà di apprendimento nei bambini

Difficoltà di apprendimento nei bambini

articolo pubblicato da: egolem | segnala un abuso

Difficoltà di apprendimento nei bambini

 Tutta la nostra esistenza è un imparare continuo, ma il periodo in cui apprendiamo con maggiore intensità è l’infanzia, in modo particolare la prima infanzia. Per cui è evidente che le difficoltà dii apprendimento si manifestano soprattutto allora.

Un altro periodi ricco di attività intellettiva è poi l’età scolare. Per molti bambini la scuola non presenta gravi problemi, ma per quelli che incontrano difficiotà può diventare un luogo odioso, che ispira tutta una serie di rifiuti e di paure.

Affinchè il bambino possa apprendere normalmente sono necessarie alcune condizioni. Prima di tutto, lo sviluppo mentale deve essere adeguato: le anomalie del sistema nervoso si manifestano generalmente nei primi mesi di vita, ma difetti lievi, o molto specifici, come l’incomprensione della parola scritta (dislessia) o dei numeri (discalcolia) possono manifestarsi solo più tardi, in età scolare.

Le condizioni fisiche del bambino devono essere buone, in particolare è importante che siano normalmente sviluppati l’udito e la vista. Molti bambini possono mostrare ritardi nell’apprendimento solo perchè non vedono bene la lavagna o non riescono a sentire le perole dell’insegnante.

Un altro fattore importantissimo è di ordine psicologico. Il bimbo deve essere circondato da un ambiente tranquillo e stabile, sia in casa sia a scuola. E’ provato, ad esempio, che frequenti spostamenti di abitazione e di scuola possono favorire l’insorgere di problemi emozionali.

Al bambino devono essere offerte tutte le opprtunità possibili per apprendere senza limitazioni di tempo e di luogo: a casa, a scuola e mentre gioca.

L’affollamento eccessivo, il non avere uno spazio proprio per giocare e per fare i compiti, l’assenza di un insegnamento che sappia stimolare e guidare l’immaginazione, sono tutti fattori che contribuiscono a creare difficoltà di apprendimento.

Il fatto che un bambino impari lentamente non vuol dire che la sua intelligenza sia scarsa: molti bambini normali possono avere difficoltà a scuola e un comportamento anomalo a casa.

Comunque, in alcuni casi, scarsi progressi nella lettura, nella scrittura, nella proncunica e nel calcolo aritmetico, accompagnati da anomalie nel comportamento come il ribare o il dire bugie, la pigrizia eccessiva, i mal di pancia inspiegabili e l’abitudine di bagnare il letto, richiedono un sollecito intervento.

Sarà allora il caso di parlarne prima con l’insegnante e con il medico di famiglia. Anche l’aiuto di un bravo psicologo può rivelarsi molto utile. Successivamente potrebbe essere necessario sottoporre il bambino a test volti ad appurarne lo sviluppo fisico e mentale, che prevedono esercizi di lettura, scrittura, calcolo e altre prove attidudinali, nonchè esami della vista, dell’udito e della coordinazione muscolare.

I problemi imposti da alcune menomazioni fisiche, come la sordità o la vista debole, su superano facilmente ricorrendo a sistemi di insgnamento opportunamente calibrati per risolvere questi tipi di handicap.

L’intervento indispensabile, ad ogni modo, resta la comprensione dei genitori e la sicurezza di un clima familiare affettuoso e sereno.

La Dott.ssa Barberis, psicoterapeuta a Messina, presso il suo studio di Via Gagini 6 offre consulenze psicodiagnostiche, sostegno psicologico, psicoterapia psicoanalitica, sia all’individuo che alla coppia.

psicoterapia | psicologia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La recensione di Videogiochiamo a scuola, l'ultimo libro di Luca Pizzonia - Edizioni Psiconline


E-Learning: di cosa si tratta?


La formazione esperienziale e i formatori alla sicurezza


ALLE EASYMAMME, CI PENSA ADRIANA CANTISANI!


Il CCDU informa a Firenze


“Dal Diritto allo Studio al Diritto all’Apprendimento”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La storia degli Hotel in Italia

 È molto difficile attribuire una data certa alla nascita dei primi hotel in Italia. Sappiamo attraverso scritti che delle prime strutture di accoglienza nacquero durante importanti manifestazioni sportive e religiose risalenti all'età classica.   Sono giunti a noi documenti più dettagliati e descrittivi dei primi "Hotel a Roma" sviluppati lungo le Vie co (continua)

A cosa servono le linee vita?

A cosa servono le linee vita?
Lo scopo di un sistema anticaduta é quello di consentire che il lavoro da svolgere ad alta quota sia eseguito in sicurezza. Nei lavori in quota, dove i lavoratori sono esposti a rischi particolarmente elevati per la loro salute e sicurezza, in particolare a rischi di caduta dall’alto, e quando il dislivello è maggiore di quello imposto dalla legislazione vigente (2 mt), devono (continua)

Storia del matrimonio

Storia del matrimonio
Sposarsi al giorno d'oggi non è una cosa facile. Spesso, nel rapporto matrimoniale, non è sufficiente l'amore reciproco ma assumono notevole importanza circostanze economiche, che, in ogni caso, costituiscono la base della pianificazione familiare.    Ma, per conoscere a fondo tutti gli aspetti del matrimonio può essere interessante andare indietro nel tempo e capi (continua)

Cosa è l’Attestazione SOA

Cosa è l’Attestazione SOA
 L’attestazione SOA è il documento, rilasciato dalle Società Organismi di Attestazione (SOA), che dimostra il possesso dei requisiti di cui all’art. 8 della Legge 11/02/1994, n. 109. Il possesso della qualificazione attestata dalla certificazione SOA è sufficiente ad assolvere ogni onere documentale circa la dimostrazione dell’esistenza dei requisi (continua)

Lavaggio biancheria per alberghi

Lavaggio biancheria per alberghi
 Sapere come trattare ogni tessuto è la prima regola per mirare ad un bucato perfetto e per garantire ai prodotti una lunga durata di vita. Poi entrano in gioco i detersivi giusti: prodotti ad alto rendimento e a basso impatto, proprio perché disponibili sempre nelle formulazioni più avanzate per poter essere usati nelle giuste dosi ad ogni carico di lavatrice. Le regol (continua)