Home > Altro > Fabbro S.p.A. vince l’appalto per i pasti dei Carabinieri

Fabbro S.p.A. vince l’appalto per i pasti dei Carabinieri

scritto da: Articolinews | segnala un abuso


Fabbro S.p.A. diventa il fornitore ufficiale di pasti dei Carabinieri: dal primo luglio servirà nelle quasi 300 caserme sparse in tutto il territorio nazionale.

Fabbro S.p.A.

Ristorazione collettiva, Fabbro S.p.A. insieme alle forze dell'Arma

"Per la società, vincere la gara è allo stesso tempo un onore e un'ulteriore conferma della qualità e dell'efficienza offerte
da quasi vent'anni". Così William Fabbro, Amministratore Delegato e Socio al 50% dell'omonimo gruppo, ha commentato l'importante risultato raggiunto recentemente da Fabbro S.p.A. In virtù dell'ottenimento dell'appalto per la fornitura di pasti, dal valore di 35 milioni di euro, l'azienda diventa infatti dal mese di luglio il fornitore ufficiale delle mense dell'Arma. In tutto saranno 297 le caserme servite, per un totale di oltre 20mila pasti giornalieri tra colazione, pranzo e cena. Fabbro S.p.A. porterà sulle tavole delle forze dell'ordine una dieta bilanciata e di qualità. Tra i punti di forza dell'offerta un'attenta selezione dei fornitori locali: strategia grazie alla quale è possibile accorciare la filiera distributiva e garantire la costante freschezza e genuinità dei prodotti. Particolare attenzione inoltre anche alla sostenibilità ambientale con imballaggi rigorosamente eco-friendly.

Le attività di Fabbro S.p.A.

Fondata verso la fine degli anni '90 da William Fabbro insieme al fratello, Fabbro S.p.A. nasce come azienda legata al mondo della distribuzione automatica di alimenti. Grazie alle felici intuizioni e all'approccio innovativo adottato sul mercato, nel corso degli anni successivi riesce a diversificare ed espandere le proprie attività, differenziandosi dalla concorrenza: alcuni esempi, in tale ottica, sono la scelta di introdurre, per primi, insalate fresche e una speciale miscela di caffè arabica 100% nei distributori. Forte oggi di un fatturato di oltre 130 milioni di euro e 2.000 dipendenti, Fabbro S.p.A. è impegnata sia nel settore della ristorazione collettiva che del Facility Management. Oltre a essere fornitore ufficiale per aziende, scuole, centri commerciali, aeroporti, stazioni, ristoranti, bar e grandi eventi, si occupa infatti della progettazione e della realizzazione di grandi cucine. Tra l'ampia gamma di servizi che la società mette a disposizione per i propri clienti rientrano la manutenzione e realizzazione di impianti, pulizia e sanificazione, gestione dei parcheggi e del verde, vigilanza, logistica e movimentazione merci.


Fonte notizia: http://www.repubblica.it/economia/rapporti/osserva-italia/mercati/2018/07/13/news/carabinieri_per_la_mensa_vince_il_cibo_a_filiera_corta-201407223/


Fabbro S p A |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Fabbro Treviso


Fabbro a Domicilio


A cosa può servire un fabbro?


5 consigli per scegliere un buon fabbro a Milano


-Brusciano si congratula con Lgt. Raffaele Di Donato Comandante di Stazione dei Carabinieri di Marigliano premiato al 205esimo Anniversario dell'Arma. (Scritto da Antonio Castaldo)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La pausa pranzo post Covid? È a lavoro con i colleghi e in totale sicurezza

La pausa pranzo post Covid? È a lavoro con i colleghi e in totale sicurezza
Dalla collaborazione tra Serenissima Ristorazione e Calligaris è nato un modello efficace che ha permesso ai dipendenti dell’azienda di design di mantenere (quasi) invariate le abitudini pre-pandemiaÈ possibile oggi passare la pausa pranzo insieme ai colleghi davanti a un piatto di pasta caldo e in totale sicurezza?Questa è la domanda che si è posto Riccardo Santarossa, Responsabile Commerciale Ar (continua)

Il laboratorio di Riva Acciaio ed il sistema di simulazione per la fabbricazione dell’acciaio

Il laboratorio di Riva Acciaio ed il sistema di simulazione per la fabbricazione dell’acciaio
Nello stabilimento siderurgico Riva Acciaio di Lesegno il rottame viene trasformato in un’infinità di nuovi prodotti, grazie anche all’aiuto del sofisticato sistema Gleeble 3800 Lo stabilimento Riva Acciaio di Lesegno è l'unico in Italia ad avere un sistema di simulazione della fabbricazione dell'acciaio che permette di riprodurre tutte le varie fasi del processo.Riva Acciaio di Lesegno: nuova vita ai rottamiL'acciaio è un elemento estremamente versatile che può assumere diverse forme ed essere utilizzato in qualsiasi campo. Inoltre, date le sue caratteristiche, (continua)

Trovare un equilibrio tra innovazione e protezione dei cittadini: la soluzione proposta da Pompeo Pontone

Un recente articolo di “EUreporter” riaccende il dibattito sulla gestione dell’intelligenza artificiale da parte di persone e imprese dell’Unione Europea: l’esperto Pompeo Pontone si esprime sull’argomento Pompeo Pontone, Investor e Investment specialist, con all'attivo diversi progetti di Fintech e Data Science, fornisce la sua analisi sul complesso equilibrio tra benefici e rischi legati all'intelligenza artificiale.L'AI nella vita di tutti i giorni: le riflessioni di Pompeo PontoneL'intelligenza artificiale è riuscita, oltre che a farsi sempre più sofisticata, a divenire parte integrante delle pi (continua)

Italia leader della circular economy: Riva Acciaio abbraccia i nuovi obiettivi di sostenibilità

Italia leader della circular economy: Riva Acciaio abbraccia i nuovi obiettivi di sostenibilità
“Verso un modello di economia circolare per l’Italia”: il documento stilato dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero dell’Ambiente è stato accolto a pieno da Riva Acciaio Riva Acciaio, come player di riferimento nell'ambito siderurgico, ha abbracciato la sfida della sostenibilità, puntando al raggiungimento degli impegni presi dal nostro Paese verso l'Accordo di Parigi e l'Agenda 2030 delle Nazioni Unite.Riva Acciaio: l'Italia sul podio della circular economy ma bisogna guardare avantiRiva Acciaio supporta la transizione energetica in corso in Italia, condivid (continua)

“Mala Gestio”: intervista all’autore Massimo Malvestio, avvocato ed editorialista

“Mala Gestio”: intervista all’autore Massimo Malvestio, avvocato ed editorialista
Massimo Malvestio: “Le banche come sono state per 150 anni stanno scomparendo. La vera novità è nella tecnologia finanziaria e in chiunque saprà affrancarsi dalle banche e dai regolatori” L'avvocato Massimo Malvestio, editorialista del "Corriere del Veneto" e collaboratore di "Nordesteuropa.it", ha denunciato per anni la situazione in cui versava il Veneto e il sistema bancario: in "Mala Gestio, perché i veneti stanno tornando poveri" i prodromi della catastrofe finanziaria che ha investito negli scorsi anni il territorio.Il Veneto, le banche, la crisi: la lungimirante inchies (continua)