Home > News > Strasiponto: Mariella Cinque riesce a coinvolgere una cinquantina di camminatori

Strasiponto: Mariella Cinque riesce a coinvolgere una cinquantina di camminatori

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Strasiponto: Mariella Cinque riesce a coinvolgere una cinquantina di camminatori


Il vincitore è stato il cittadino di Manfredonia Dario Santoro in 36’23” Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Si è svolta sabato 28 luglio 2018 la strasiponto di km 11,600, gara Regionale di corsa su strada, , organizzata dall’Associazione Sportiva Dilettantistica Gargano 2000 Manfredonia in collaborazione con lo Sporting Club Siponto. Il vincitore assoluto della gara competitiva è stato il cittadino di Manfredonia Dario Santoro che ha vinto la gara in 36’23”, mentre la prova femminile è stata vinta da Francesca Labianca ma sono tutti da premiare, dagli organizzatori che facevano capo a Cotugno Giovanni dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Gargano 2000 Manfredonia, all’A.S.E. e all’assessorato all’ambiente di Manfredonia, ai volontari, agli atleti e in particolare da menzionare Mariella Cinque che è riuscita a coinvolgere una cinquantina di camminatori in questa manifestazione di corsa e di cammino. Tanti i partecipanti per una giornata di sport all’insegna non solo della performance ma anche del benessere. Non solo corridori ma anche tanti camminatori, tante società, associazioni, team hanno aderito a questa manifestazione per aggregare gente e permettere persone, comunità, famiglie a partecipare con le proprie possibilità, modalità e caratteristiche. Lo sport davvero avvicina persone, culture, mondi e rende felici e resilienti sintonizzandosi sul l'obiettivo da portare avanti seguendo mete e direzioni sempre pronti a rimodulare tutto cavalcando l'onda del cambiamento e utilizzando risorse residue, che diventano a volte sorprendenti e rinnovabili. Questo è il vantaggio dello sport. A volte bisogna essere coraggiosi per iniziare a praticare uno sport e poi continuare, a volte bisogna superare blocchi mentali e culturali, ma se non si molla, se si diventa resilienti e si continua per la propria strada a seguire la propria passione i vantaggi sono tantissimi in termini di benessere psicofisico, emotivo e relazionale. Approfondiamo la conoscenza di Mariella attraverso sue risposte ad alcune mie domande di un po’ di tempo fa: Che significa per te praticare attività fisica? “Benessere psico-fisico, socializzare con gli altri.” Quali sensazioni sperimenti facendo attività fisica? “Ringiovanimento, bellezza e spensieratezza.” Cosa hai scoperto del tuo carattere nel praticare attività fisica? “Ho scoperto di essere una roccia più di quanto pensassi e molto resiliente.” Quali capacità, risorse, caratteristiche, qualità hai dimostrato di possedere? “La resistenza, la pazienza, la capacità di gestire situazioni difficili ed essere altruista.” Quali sono le difficoltà, i rischi, a cosa devi fare attenzione nella pratica della tua attività fisica? “Trovare spazio quotidianamente tra lavoro e famiglia. Evitare infortuni, ma soprattutto avere sempre il controllo e le reazioni del mio corpo, in riguardo agli sforzi da affrontare.” Quali sono i sogni che hai realizzato e quali quelli da realizzare? “Aver partecipato a tante gare ma soprattutto alla 100 Km del passatore con un buon risultato. Questa esperienza per me è stata come passare dall'inferno al paradiso e rinascere in un mondo migliore e sentirmi leggera e libera nell'anima.” Lo sport diventa un aspetto importante della vita, un aspetto essenziale, un nutrimento della mente e permette di sperimentare benessere e a volte anche performance soprattutto quando riesci a portare a termine gare di 100km, una grande sfida Di seguito alcune domande al vincitore della strasiponto, mio caro amico e compaesano Dario Santoro: A chi dedichi la vittoria? “Ciao Amico mio Matteo, la vittoria della strasiponto la dedico in primis alla mia famiglia e il mio allenatore (come tutte le gare), e poi a tutte le persone che sono sempre pronti a spronarmi tra cui gli sponsor: Europizza, webbin Manfredonia, hair saloone il grande Marchio GIOSPORT.” Dietro l’atleta c’è un mondo di persone fatto da famiglia, amici, sponsor, simpatizzanti che sostengono l’atleta emotivamente, con parole, con sostegno in beni materiali, insomma permettono all’atleta di essere sereno e di continuare a praticare lo sport con passione: Chi c'era a vederti alla partenza, in gara, all'arrivo, alle premiazioni? “Sabato alla Strasiponto sono venuti i miei familiari con al primo posto mia moglie e mio figlio (il quale ha voluto fortemente prendere anche lui parte alla gara dei suoi pari età, divertendosi tanto), e poi i miei amici e tanti conoscenti. Premetto sono sceso giù appositamente per essere presente a questa gara molto sentita da tutti perché è un ritorno al passato, anche se non si vinceva nessun titolo, ma è stato emozionante accogliere gli applausi per tutto il percorso, gli incitamenti dalla partenza fino al mio arrivo, e questa volta più forte delle altre volte perché non essendo più al mio paese per via del lavoro, è stato bello rivedere la gente del mio paese e tutte le persone vicine a me accalcate a bordo strada per accogliermi all'arrivo.” E questo è il vantaggio dello sport che sposta persone da un luogo all’altro per mettersi in gioco, per gareggiare, per onorare una gara, per ritornare al passato, per essere protagonista con gli occhi di tutti addosso, gente amica che da anni tifano e sostengono sempre pronti ad acclamare la presenza di Dario non solo in gare paesane ma anche nazionali e internazionali: Che significato ha per te questa gara e questa vittoria? “Per me questa gara ha un significato importante perché si svolge sulle strade dove io fino a poco fa mi allenavo sempre e passavo la mia stragrande maggioranza delle giornate, la vittoria come sempre fa piacere a maggior ragione nel proprio paese.” Era usuale vedere Dario sfrecciare per le vie del paese, sul lungomare, vederlo correre con altri atleti, essere allenato dai campioni del passato di Manfredonia come Matteo Palumbo, vedere allenare lui stessi i forti corridori del presente, fare gruppo, parlare di sé, ascoltare le imprese di altri amatori con interesse e attenzione, stimolare persone a mettersi in moto facendo sport, rendendo tutto più leggero e fattibile, spiegando che oltre al talento ci vuole impegno, costanza, passione, determinazione e tanta resilienza. Tante volte ha avuto problemi Dario di infortuni e altro, ma si è sempre alzato ed è sempre andato avanti riuscendo a vincere un campionato Italiano di Maratona nel 2015, e la signora maratona è qualcosa di impegnativo che comporta una preparazione lunga mettendo da parte altre gare e altri impegni: Cosa vorresti dire agli atleti e agli organizzatori di Manfredonia? “Agli atleti di Manfredonia dico solo di continuare a coltivare questa loro passione senza perdere mai il sorriso e guardando sempre in modo positivo anche nei momenti bui, agli organizzatori c’è da dire ben poco perché ormai sono dei maestri in questo settore, dovuto ai grandi eventi organizzati anche negli anni passati ad esempio la Corri Manfredonia ecc. poi ci sta che negli eventi non sempre quadra tutto per il meglio ma non é sempre e solo colpa dell'organizzatore ma di tutto lo staff.” Quindi venite in Puglia, per conoscere Manfredonia e gli atleti locali, per farvi un allenamento o una gara, per conoscere le pietanze e la cultura locale. Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone http://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo

Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Manfredonia sempre più città degli sport di mare e di terra


Il 28 Luglio 2018 “STRASIPONTO” KM 11,600 TROFEO Vittorio Di TARANTO


Strasiponto, manifestazione regionale di corsa su strada a circuito


Camminatori del team frizzi e lazzi Manfredonia: Ce la faremo anche noi


Mariella Cinque con Happy Walker in cammino da Manfredonia a Vieste


Un cippo per valorizzare il laghetto Pozza Nera sul Pratomagno


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Strumenti mentali per la performance: consapevolezza, autoefficacia, resilienza

Strumenti mentali per la performance: consapevolezza, autoefficacia, resilienza
O.R.A.: Obiettivi, Risorse, Autoefficacia Decidere obiettivo: Cosa? Quando? Immaginare di aver raggiunto obiettivo: Come ho fatto, quale percorso, difficoltà, chi mi ha aiutato, quanto ero motivato? Quali risorse mi permettono di raggiungere l'obiettivo, le ho? Cosa devo potenziare? Come? Cosa devo acquisire e come? Quanto è importante ogni risorsa?  Sviluppare autoefficacia: Cosa ho fatto di importante nel passato e come? Come replicarlo? Di fondamentale importanza risulta essere l’autoefficacia, la fiducia in sé, che si costruisce fin da piccoli a partire dalla propria famiglia di appartenenza, con l’aiuto di familiari e care giver, e negli ambienti scolastici e sportivi, con l’aiuto di insegnanti ed educatori che diventano modelli di riferimento. Matteo Simone, psicologo psicoterapeuta     O.R.A.: Obiettivi, Risorse, Autoefficacia Decidere obiettivo: Cosa? Quando? Immaginare di aver raggiunto obiettivo: Come ho fatto, quale percorso, difficoltà, chi mi ha aiutato, quanto ero motivato? Quali risorse mi permettono di raggiungere l'obiettivo, le ho? Cosa devo potenziar (continua)

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Christian Reali ha chiuso la 100km di Winschoten in 7h55’58”. Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), arrivate al traguardo prima di tutte le altre avversarie, a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito approfondiamo la conoscenza di Christian Reali (Pol. Dil. Santa Lucia) in risposta ad alcune mie domande. Winschoten 2021 l'ho preparata in 3 mesiMatteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabr (continua)

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie
Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie, 200 Maratone, ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc. ecc.” In effetti l’8 Aprile 1985 i 3 fratelli Gennari vinsero la maratona di Rio Saliceto arrivando insieme, mano nella mano, con il crono di 2h35’24”: Elvino e Loris nati il 16 gennaio 1946 avevano 39 anni, e il più giovane Pietro nato il 24 settembre 1955 aveva 30 anni. Mentre Gloria Gessi vinse la prova femminile in 3h19’17”. Ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc.Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 (continua)

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito le impressioni di Gabriele Turroni (A.S. 100 km del Passatore) attraverso risposte ad alcune mie domande. Desideravo avvicinarmi il più possibile al tempo delle 7h15Matteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovani (continua)

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco
Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00. La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di tutto una bellissima esperienza di sport di gruppo e poi cercare di essere competitivi. Il Team Senza Paura Roma ha vinto su tutti in 32h08’30” precedendo Vicenza Marathon 32h17’40” e Lauf Club Pfeffersberg 33h12’40”. Di seguito l’esperienza di Fabio (ASD Atletica La sbarra), uno staffettista del gruppo, attraverso risposte ad alcune mie domande. Siamo partiti quasi certi di voler toccare il podioMatteo SIMONE Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00.La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di (continua)